UNO DEI GRANDI «NO» DI DIO

di Oswald Chambers   –   Non crucciarti; ciò non conduce che a fare il male. Salmo 37: 8.  Il cruccio porta ad un logoramento, che può essere mentale o spirituale. Una cosa è dire: « Non crucciarti », ma ben altra cosa è avere una forza tale che porti ad essere capaci di non crucciarsi. Sembra così facile parlare di «aver pace nel Signore» e «aspettare con pazienza» che Egli risolva un caso aggrovigliato e doloroso, ma è possibile aver pace nel Signore vivendo — come tanti fanno — nell’agitazione e nel­l’angoscia? Se non siamo in grado di mettere in pratica questa esortazione per noi stessi, non servirà a nessun altro. Essa deve realizzarsi nei giorni della perplessità come nei giorni di pace, o non si realizzerà mai. Essa deve attuarsi nel tuo caso particolare, o non si attuerà nemmeno nel caso di altre persone. Riposare nel Signore non dipende dalle circostanze esterne, ma dalla relazione che si ha con Dio.

L’agitazione finisce sempre nel peccato. Noi crediamo che un pò di ansietà e di preoccupazione siano un segno di saggez­za; sono invece un indice di malvagità. Il cruccio scaturisce dalla volontà di fare a modo nostro. Il Signore non era mai ansioso, perché la Sua vita non era consacrata all’attuazione di Suoi progetti personali, ma a quella dei piani di Dio. Il cruccio è una malvagità, se si è figliuoli di Dio.

Stai forse blandendo la tua anima e dandole corda nel suo stupido atteggiamento, col prospettarle che le circostanze in cui ti trovi sono troppo difficili perché Dio possa farci qualche cosa? Sbarazzati di queste supposizioni sbagliate e dimora all’ombra dell’Onnipotente. Prometti formalmente a Dio che non ti cruccerai più per quel dato problema. Tutto il nostro cruccio deriva dal fatto che pretendiamo di fare i nostri calcoli ignorando Dio.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Una grande avventura
    In Devotional
    di BILL BRIGHT  (Fondatore di Campus Crusade for Christ International)  –   La vita cristiana è una grande avventura. E una vita che ha un fine ed una forza. Cristo ha fatto la promessa più incredibile che si possa pensare: «Chi crede in me farà anch’egli le opere che faccio io; e ne farà di maggiori, perché io me ne vado dal Padre; e quel che chiederete nel mio nome, lo farò…».  Ovviamente, con le nostre forze non possiamo compiere queste grandi opere che, secondo la Sua promessa, possiamo fare. Soltanto Cristo che vive in noi in tutta la potenza della sua resurrezione, che cammina col nostro corpo, pensa con la no­stra mente, [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • E’ pericoloso “beffarsi” dell’Iddio Onnipotente.
    Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume’. Nel periodo 1948-1952 in oltre ottanta diverse località d’Italia si manifestarono atti di intolleranza e persecuzione con chiusura di locali di culto, denunce all’Autorità Giudiziaria e in alcuni casi perfino abuso di autorità da parte delle forze dell’ordine. Va precisato tuttavia che […]
  • SEGUIRE GESÙ
    di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la vita eterna cioè la pienezza della vita. Uno dei capi lo interrogò, dicendo: “Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?”. E Gesù gli disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio. Tu conosci i comandamenti: “Non commettere adulterio, non […]
  • LE COSE LECITE
    di Roberto Bracco  –  Un servo di Dio disse: – “La parte più numerosa di coloro che naufragano nell’oceano della fede è vinta non dall’immoralità, ma dalle cose lecite.” Oggi quest’affermazione sembra una didascalia della situazione della cristianità. Le “cose lecite” sono diventate un’altra volta le catene dei credenti; i loro polsi e le loro caviglie, parliamo in metafora, sono serrati strettamente. […]
  • UNA PROMESSA PER OGGI: Se perseveri nel fare la mia volontà, riceverai ciò che ti ho promesso.
    Avete infatti bisogno di perseveranza affinché, fatta la volontà di Dio, otteniate ciò che vi è stato promesso. Ebrei 10:36  –  La versione della Bibbia King James dice che abbiamo “bisogno di pazienza”, la Bibbia NLT dice che abbiamo bisogno di “paziente perseveranza”. La Bibbia NIV dice che “dobbiamo perseverare”. In Ebrei 12: 1-2, siamo chiamati a correre la gara che ci viene proposta. Alla luce dell’eternità, potrebbe apparire come uno sprint. Tuttavia, nella routine della vita quotidiana, la corsa che ci vede impegnati sembra più una maratona. Questo è il motivo per cui lo scrittore di Ebrei ci incoraggia a continuare a persistere nel fare la volontà di Dio, affinché noi possiamo ricevere ciò che Lui ci ha promesso. Sappiamo che non avremmo mai potuto fare nulla per guadagnare […]
  • Quando i padri volgono i loro cuori verso i loro figli
      By Mark Ellis  –   Sembra sia stato solo ieri che stavo insegnando ai nostri figli ad andare in bici, giocare a calcio, fare delle escursioni con le guide indiane o boy scouts, e condividere felici momenti familiari con il nostro carrello-tenda da campeggio nei viaggi durante l’estate. Ora da quando i nostro ragazzi non vivono più con noi la casa è molto calma. Padri, voi solo avete una possibilità di fare la differenza mentre i vostri figli sono ancora sotto il vostro tetto, e non sarà per molto tempo. Non ci sono troppi uomini che arrivano alla fine della loro vita e dicano: “Sai, vorrei aver passato più tempo in ufficio.” […]
  • IL SERMONE
    di ROBERTO BRACCO   –   Come si prepara un sermone? Preparando la propria vita!  Se noi crediamo che il ministro rappresenta soltanto il canale attraverso il quale deve fluire la gloria di Dio, ci dobbiamo preoccupare che questo canale sia completamente libero per far passare lo Spirito di Dio. La lettura, la meditazione, la preghiera unite alla santità della vita sono gli elementi più preziosi per preparare un sermone. Queste cose eliminano i nostri pensieri, le nostre idee e ci preparano per ricevere le idee di Dio. Le idee di Dio ci vengono trasmesse in modo nitido mentre noi stiamo davanti a Lui per riempire la nostra vita della Sua presenza; ed il sermone acquista forma e sostanza nella nostra mente e nel nostro cuore. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti