meditazione del giorno: FEDE E VISIONE

di L.B. Cowman   –   “Elia era un uomo sottoposto alle stesse nostre passioni, eppure pregò intensamente.” Giacomo 5:17  –   Grazie a Dio Elia era un uomo “come noi“!  Seduto sotto un albero,  si lamentò con Dio ed espresse la sua incredulità – proprio come spesso facciamo anche noi. Eppure non faceva così quando egli era veramente in contatto con Dio. “Elia era un uomo come noi“, ma “egli pregò intensamente“. Il significato letterale nell’originale greco è straordinario: dice  che egli “pregava nella preghiera.” In altre parole, “ha perseverato, ha continuato a  pregare.” La lezione qui è che dobbiamo continuare a pregare.

Sali fino alla cima del Monte Carmelo, e guarda che grande storia di fede e visione. Dopo che Elia aveva fatto scendere il fuoco dal cielo per sconfiggere i profeti di Baal, era necessaria la pioggia perché la profezia di Dio fosse adempiuta. E l’uomo che poté far cadere fuoco dal cielo poteva anche portare la pioggia utilizzando gli stessi metodi.

Elia… salì in vetta al Carmel; e, gettatosi a terra, si mise la faccia tra le ginocchia” (1 Re 18.42).  Isolandosi da tutte le distrazioni e rumori. Si mise in una posizione, sotto il suo mantello, per non vedere né sentire ciò che stava accadendo.

Elia poi disse al suo servo, “Vai e guarda verso il mare” (1 Re 18:43). Di ritorno, il servo disse  “Non c’è nulla!” Che risposta secca deve essere stata per Elia. “Niente!”  Possiamo immaginare cosa faremmo nelle stesse circostanze? Avremmo detto: “Proprio come mi aspettavo!” e avremmo smesso di pregare. Ma Elia si arrese?  No! Infatti, per sei volte disse al suo servo, “Ritornaci“. Ogni volta che il servo tornava diceva: “Niente!

Infine la settima volta, il servo disse: “Ecco una nuvoletta grossa come la palma della mano, che sale dal mare”. Che appropriata descrizione per le mani di un uomo elevate in preghiera a Dio prima che la pioggia scendesse. E la pioggia cadde così velocemente e impetuosa che Elia avvertì Ahab “scendi prima che la pioggia ti sorprenda”.

Questa è una storia di fede e di visione – fede, per  lasciare fuori tutto, eccetto Dio; con la visione di guardare avanti anche se non si vede ancora nulla. Sì, nonostante la mancanza assoluta di speranza per ciò che la vista riporta, questa è una storia di fede che continua a “pregare nella preghiera“.

Sapete come pregare in quel modo – come prevalere nella preghiera? Lasciate che la vostra vista riporti notizie scoraggianti quanto più possibile, ma non prestare loro nessuna attenzione. Il nostro Padre Celeste è vivente, e anche i ritardi delle sue risposte alle nostre preghiere sono parte della sua benignità. (Arthur Tappan Pierson)

Ciascuno di tre giovani ragazzi una volta diede una definizione della fede che illustra l’importante aspetto della tenacia. Il primo ragazzo definito la fede come “afferrarsi a Cristo,” il secondo come “mantenere la presa su di Lui,” e il terzo come “non lasciarlo andare via.”

 

From “Streams In the Desert” Daily Devotional Book by L.B. Cowman

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

TROVARE GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Libro di RUTH –  CAPITOLO 2   –   Introduzione. – Abbiamo visto nel cap. precedente che Ruth, nel paragone con Orpa, si differenzia, emerge e si impone alla nostra attenzione per il suo carattere. Qualcuno ha affermato che nessuna persona, se non è motivata da Dio, può fare ciò che fece Ruth. I. – RUTH, FIGURA DELLA CHIESA 1. – Il passaggio dalla terra …
Leggi Tutto

PIÙ VOLENTIERI AL MERCATO CHE NEL SANTUARIO

di Vance Havner  –  «A chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato» (Matteo 11:16,17). Oggi molti cristiani giocano alla religione. Essi si trovano perfettamente a loro agio in questo mondo: vivono serenamente, comprano, vendono, acquistano, guadagnano; la loro mente è tutta dedita ai profitti e …
Leggi Tutto

FRANCHEZZA

di Roberto Bracco  –  Nell’esercizio del ministero e del servizio, cristiano la “franchezza” rappresenta una caratteristica positiva, anzi un elemento indispensabile, ma dobbiamo saperla individuare per essere certi di non sostituirla con quei surrogati perniciosi che vengono abbondantemente offerti dalla natura umana. “Franchezza” vuol dire esercizio della libertà e quando ci riferiamo alla “franchezza” espressa nella vita e nel servizio cristiano parliamo della completa liberazione dalla timidezza, dalla …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io posso fare per te più di quanto tu possa immaginare.

Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen. (Efesini 3:20-21)  –  Dopo aver letto questa promessa, prova per un attimo ad immaginare la più grande, impensabile cosa, per la tua vita. Non importa quanto grande …
Leggi Tutto

SIETE PRONTI PER L’ETERNITÀ?

di Charles H. Spurgeon  – Il cibo è necessario e indispensabile per mantenere in forza l’organismo umano. Supponiamo die voi diciate un giorno: “Non voglio più mangiare perché non voglio essere uno schiavo del materialismo”. Potete mettervi in viaggio verso una località più sana e soleggiata ma vi accorgerete ben presto che il clima e l’esercizio fisico non sono sufficienti a mantenervi in vita se vi rifiutate di …
Leggi Tutto

L' Asse del male

di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male». Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”. Già dalla creazione …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti