meditazione del giorno: FEDE E VISIONE

di L.B. Cowman   –   “Elia era un uomo sottoposto alle stesse nostre passioni, eppure pregò intensamente.” Giacomo 5:17  –   Grazie a Dio Elia era un uomo “come noi“!  Seduto sotto un albero,  si lamentò con Dio ed espresse la sua incredulità – proprio come spesso facciamo anche noi. Eppure non faceva così quando egli era veramente in contatto con Dio. “Elia era un uomo come noi“, ma “egli pregò intensamente“. Il significato letterale nell’originale greco è straordinario: dice  che egli “pregava nella preghiera.” In altre parole, “ha perseverato, ha continuato a  pregare.” La lezione qui è che dobbiamo continuare a pregare.

Sali fino alla cima del Monte Carmelo, e guarda che grande storia di fede e visione. Dopo che Elia aveva fatto scendere il fuoco dal cielo per sconfiggere i profeti di Baal, era necessaria la pioggia perché la profezia di Dio fosse adempiuta. E l’uomo che poté far cadere fuoco dal cielo poteva anche portare la pioggia utilizzando gli stessi metodi.

Elia… salì in vetta al Carmel; e, gettatosi a terra, si mise la faccia tra le ginocchia” (1 Re 18.42).  Isolandosi da tutte le distrazioni e rumori. Si mise in una posizione, sotto il suo mantello, per non vedere né sentire ciò che stava accadendo.

Elia poi disse al suo servo, “Vai e guarda verso il mare” (1 Re 18:43). Di ritorno, il servo disse  “Non c’è nulla!” Che risposta secca deve essere stata per Elia. “Niente!”  Possiamo immaginare cosa faremmo nelle stesse circostanze? Avremmo detto: “Proprio come mi aspettavo!” e avremmo smesso di pregare. Ma Elia si arrese?  No! Infatti, per sei volte disse al suo servo, “Ritornaci“. Ogni volta che il servo tornava diceva: “Niente!

Infine la settima volta, il servo disse: “Ecco una nuvoletta grossa come la palma della mano, che sale dal mare”. Che appropriata descrizione per le mani di un uomo elevate in preghiera a Dio prima che la pioggia scendesse. E la pioggia cadde così velocemente e impetuosa che Elia avvertì Ahab “scendi prima che la pioggia ti sorprenda”.

Questa è una storia di fede e di visione – fede, per  lasciare fuori tutto, eccetto Dio; con la visione di guardare avanti anche se non si vede ancora nulla. Sì, nonostante la mancanza assoluta di speranza per ciò che la vista riporta, questa è una storia di fede che continua a “pregare nella preghiera“.

Sapete come pregare in quel modo – come prevalere nella preghiera? Lasciate che la vostra vista riporti notizie scoraggianti quanto più possibile, ma non prestare loro nessuna attenzione. Il nostro Padre Celeste è vivente, e anche i ritardi delle sue risposte alle nostre preghiere sono parte della sua benignità. (Arthur Tappan Pierson)

Ciascuno di tre giovani ragazzi una volta diede una definizione della fede che illustra l’importante aspetto della tenacia. Il primo ragazzo definito la fede come “afferrarsi a Cristo,” il secondo come “mantenere la presa su di Lui,” e il terzo come “non lasciarlo andare via.”

 

From “Streams In the Desert” Daily Devotional Book by L.B. Cowman

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: LA VIA DELLA COMUNIONE
    In Devotional
    di ROY HESSION  –   La caduta, che è il momento nel quale l’uomo scelse se stesso anziché Dio come centro della propria vita, ha avuto l’effetto di rompere non soltanto la comunione tra l’uomo e Dio, ma anche tra l’uomo ed i suoi simili. Infatti la prima rivolta dell’uomo contro Dio, in Genesi 3, è subito seguita dalla prima rivolta dell’uomo contro il suo simile (Genesi 4, Caino uccide Abele). Il significato della caduta è che ciascuno seguiva la propria via. (Is. 53:6). E’ facile capire che se preferisco la mia vita a quella di Dio, la preferisco anche a quella dei miei simili. Non si rivendica la propria indipendenza davanti a Dio [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • LA FATALE RISPOSTA DI DIO
    di M. R. DeHaan –   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo 106:15 I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse ascoltati. La cosa più sicura è sempre quella di lasciare a Dio ogni decisione e dire: “Sia fatta la tua volontà”. Anni fa fui chiamato nella casa di una vedova, che aveva imparato questa lezione. Ella aveva una figlia che custodiva come la pupilla degli occhi. Quando aveva tre anni, la piccola s’era gravemente ammalata. Il medico disse alla madre che la bambina sarebbe morta. Noi possiamo […]
  • Domenica 10 Marzo 2013 – Pastore Lorenzo Agnes
    LO SPIRITO SANTO DIMORA IN NOI Lorenzo Agnes è pastore della Chiesa CALVARY TABERNACLE A Schenectady 840 Albany Street New York, 12304,    Predicazione di Domenica 10 Marzo 2013 – […]
  • Una promessa per oggi: Io avrò misericordia di coloro che sono misericordiosi verso gli altri.
    “Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta. (Matteo 5:7)   –   Anche nell’ambiente secolare, viene citato spesso quel verso che riporta le parole di Gesù che chiamiamo la ‘regola d’oro’ … “Fai agli altri quello che vorresti gli altri facessero a te”.  Anche il mondo riconosce che questo è un principio universale. La misericordia funziona allo stesso modo. C’è una promessa di misericordia per coloro che sono misericordiosi verso gli altri. È così semplice. Di quanta misericordia ho bisogno nella mia vita? Ne ho bisogno di un po’, o tanta? E, naturalmente, la mia risposta è sempre … “Ne ho bisogno quanta più ne posso ottenere!” Il modo in cui ogni giorno posso camminare nella misericordia (per me stesso) è […]
  • Perseverare nella Parola di Dio
    di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che fra coloro che seguono Gesù ci sono veri discepoli e discepoli falsi. La seconda cosa ci ricorda che […]
  • Promessa per oggi: Io do buoni doni ai miei figli quando essi chiedono
    Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a quelli che gliele domandano! Matteo 7:11  –   In questa parte del sermone sul monte, Gesù incoraggia i suoi ascoltatori a non aver paura di chiedere a Dio ciò di cui hanno bisogno. Nei versetti precedenti, Gesù incoraggia le persone a continuare a chiedere, continuare a cercare e continuare a bussare. La promessa che Egli fa è che coloro che chiedono è che riceveranno, chi cerca troverà, e chi bussa sarà aperta la porta. In questa promessa particolare, Gesù associa il cuore dei padri terreni al cuore del suo Padre celeste. Nonostante siano peccatori, i padri terreni   sanno dare cose buone ai loro figli. Se è così, quanto più il Padre perfetto […]
  • IL GRANELLO DI FRUMENTO
    Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il piano e lo scopo di Dio per il Suo figliuolo (Atti 2:23). Ora, è il piano e lo scopo di Dio che tutti i Suoi figliuoli per fede in Cristo muoiano, non per il peccato del mondo, per la liberazione dall’egoismo, che è sempre in opposizione a Dio.  Dobbiamo essere liberati dal legame dell’« io », ma possiamo esserlo solo se ci facciamo crocifiggere con il Cristo, moriamo della Sua […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti