Meditazione del giorno: Il Signore è il mio pastore

di David Wilkerson   –   Tutti quanti conosciamo il Salmo 23. Il suo messaggio di conforto è noto anche tra i non credenti. Questo salmo così rinomato è stato scritto dal Re Davide e il suo passaggio più famoso è contenuto nel verso d’apertura: “Il Signore è il mio pastore, nulla mi mancherà.” Davide sta dicendo “Il Signore mi guida, mi nutre e mi conduce, perciò non mi mancherà nulla”. In questo breve verso, Davide ci offre un altro aspetto del carattere e della natura di Dio. La traduzione ebraica letterale della prima parte di questo verso è Jehovah-Rohi che significa “Il Signore, mio pastore”.

Jehovah Rohi non è un benevolo pastore passivo. Non è soltanto colui che provvede il cibo e ci guida. Non ci conduce solo nei paschi erbosi, per le acque calme dicendo “Ecco ciò che ti serve, vai e prenditelo.” Non è nemmeno cieco ai nostri bisogni. Non corre via quando sente il nostro grido d’aiuto, non si volta se vede che siamo in un momento difficile. No, Egli conosce ogni dolore che sentiamo, ogni lacrima che versiamo, e ogni ferita che abbiamo. Egli sa quando siamo troppo stanchi per fare un altro passo. Egli sa quanto possiamo farcela. Ma più di tutto, Egli sa come salvarci e condurci in luoghi di guarigione. Volta dopo volta il nostro Pastore ci segue, ci prende e ci porta in pascoli riposanti. Egli ci offre sempre un tempo di guarigione e ristabilimento.

Jehovah-Rohi, il Signore nostro Pastore, ci invita a seguirlo nel suo riposo, così Lui potrà “shekinah” nel nostro mezzo. Il Signore dice in Esodo 29:45 “Dimorerò in mezzo ai figli d’Israele e sarò il loro DIO “. La parola ebraica per dimorare è shekinah che significa “Restare, sistemarsi accanto”. Questa parola non significa soltanto una presenza passeggera, ma una presenza permanente, che non andrà mai via. In poche parole, la shekinah gloria di Dio non è un’impronta invisibile nei nostri cuori come l’inchiostro invisibile. No, è un’impronta permanente nelle nostre anime. È la sua presenza reale, vicina ed eterna.

L’immagine appare gloriosa: Il nostro Pastore offre di venirci vicino nel nostro dolore, e nella nostra depressione, si siede accanto a noi. Ci promette di fasciare le nostre ferite e rinforzare le parti malate.

Questa è la shekinah, gloria di Dio: la costante, eterna presenza del Signore. Spesso la esperimentiamo nei momenti difficili. Il nostro Pastore ci dice: “Voglio ristorarti e lo farò con la mia presenza vicino a te anche nella valle dell’ombra della morte. La Mia presenza sarà con te durante ogni attacco del nemico. Anche se correrai via da Me, Io ti inseguirò e quando ti prenderò ti terrò stretto tra le mie braccia per riportarti nel mio riposo. Poi fascerò le tue ferite, e guarirò le tue infermità.”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GUARDATE DI NON TURBARVI

di W.C MOORE   –   Mentre era ancora sulla terra, Gesù pregò il Suo e nostro Padre : « Io non Ti prego che Tu li tolga dal mondo, ma che Tu li preservi dal male » (Giovanni 20:17 – Giovanni 17:15).  Gesù quale Figlio di Dio, conosceva, e preannuncio, i tempi pericolosi, in cui noi viviamo. «Voi udrete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate …
Leggi Tutto

Roberto Bracco - Sermone

​ Sermone di Roberto Bracco – Isaia 40:1-11 “Una Parola di Consolazione” …
Leggi Tutto

MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!

Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito …
Leggi Tutto

Io opero con giustizia e difendo chi è oppresso

L’Eterno opera con giustizia e difende la causa degli oppressi. (Salmo 103:6) Non è bello sapere che Dio opera con giustizia per difendere coloro che sono oppressi? Sono stupito dal numero di passi biblici che parlano del cuore di Dio per i deboli di questo mondo, poveri, maltrattati, bambini, vedove, orfani, ecc. Egli è sempre stato il protettore di coloro che hanno difficoltà proteggere sé stessi. Egli è un …
Leggi Tutto

Dai nostri culti: Salvezza senza ravvedimento

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 23  Marzo 2014  –  (Marco 1:14-20))                                   Questo sermone confuta la dottrina della “grazia estrema” o “ipergrace”, e ribadisce che senza ravvedimento non c’è salvezza. William Booth, fondatore dell’Esercito della salvezza aveva previsto che nel XX secolo ci sarebbe stato: -Una religione senza lo Spirito Santo. -Cristiani …
Leggi Tutto

L'Ammirabile

di BILLY SUNDAY    –   «Il Suo Nome sarà chiamato: L’Ammirabile».  Isaia 9:6  –   Anticamente ogni nome aveva un significato; ciò è ancora vero fra gl’india­ni e fra quei popoli che vivono tuttora in modo primitivo.  Ogni nome della Bibbia ha un signi­ficato, ed è di grande aiuto nella lettu­ra delle Scritture ricercare la definizio­ne propria di ogni nome. Vi sono nella Bibbia duecento cinquantasei nomi dati al Signore …
Leggi Tutto

ARMONIA SPIRITUALE

di Agostino Masdea   –  “Rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo…” (Filippesi 2.2)  –   Questa richiesta di Paolo ai credenti di Filippi ci parla di armonia.  Che parola straordinaria… armonia! Ci parla di bellezza, di equilibrio, di gradevolezza.  E’ una parola legata alla musica: E’ una consonanza di voci o strumenti musicali che produca una sensazione piacevole, …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ti darò il manto della lode invece di uno spirito abbattuto.

“…per accordare gioia a quelli che fanno cordoglio in Sion, per dare loro un diadema invece della cenere, l’olio della gioia invece del lutto, il manto della lode invece di uno spirito abbattuto, affinché siano chiamati querce di giustizia, la piantagione dell’Eterno per manifestare la sua gloria.” (Isaia 61:3) Il capitolo 61 di Isaia è pieno di incredibili promesse di Dio, che sono state adempiute quando Gesù venne sulla …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti