Meditazione del giorno: Dormi bene?

di Warren Wiersbe.  Salmo 3:1-8   –   Anche dormire bene può a volte indicare quanta fiducia abbiamo veramente nel Signore . Davide ha detto, “Io mi son coricato e ho dormito, poi mi sono risvegliato, perché il SIGNORE mi sostiene. (v. 5). Possiamo pensare di poter fare lo stesso in qualsiasi momento. Ma cosa accadrebbe se ci trovassimo nella stessa situazione di Davide? Egli stava scappando da suo figlio Absalom, che si era messo contro di lui e lui era stato costretto ad andare via da Gerusalemme. Ora Davide si trova nel deserto con il suo esercito. Sarebbe difficile per chiunque sdraiarsi e dormire sapendo di stare in un deserto pericoloso e che tuo figlio è contro di te. Oh, non era il pericolo fisico che teneva sveglio Davide. Egli sapeva che Dio lo proteggeva. Era l’agonia spirituale ed emotiva in lui per il fatto che la sua propria carne e il suo stesso sangue stava cercando di togliergli il regno.

Ma Davide ha detto, in effetti, “Signore, tu puoi darmi pace nel mio cuore, ho bisogno di protezione, ho bisogno della giusta prospettiva. Tu puoi di aiutarmi in mezzo a questa difficile situazione.” Il cuore di ogni problema è in realtà  il problema nel cuore. David sapeva che non era l’esercito nemico all’esterno che poteva tenerlo sveglio ma la sua agonia all’interno.

Questo Salmo inizia con il grido di Davide, “Molti sono coloro che insorgono contro di me” (v. 1). Egli sta  implorando aiuto. Il Salmo si conclude con un canto di lode di Davide, (v. 8). La giornata potrebbe iniziare con una tua invocazione di aiuto. Ma se confidi nel Signore, potrebbe finire lodandoLo per l’aiuto ricevuto.

Circostanze difficili spesso ci rubano la pace e la nostra prospettiva.  Quando ti trovi in circostanze avverse o di fronte a conseguenze allarmanti, ammetti i tuoi  problemi e conferma la tua fiducia in Lui. Quindi prendi coraggio, Dio ti proteggerà e ti darà pace nel mezzo della tempesta.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • MEDITAZIONE DEL GIORNO: Glorificare Dio con la preghiera
    In Devotional
    di BILLY GRAHAM  –  La preghiera modello che Gesù ci ha lasciato si conclude così: Perché tuo è il regno, e la po­tenza e la gloria (Matt. 6:13 )  –   Se vogliamo ottenere risposta alle nostre preghiere, dobbiamo rendere gloria a Dio. Il nostro Signore disse ai discepoli: E quel che chiederete nel mio nome, lo farò; affinché il Padre sia glorificato nel Figliuolo (Giov. 14:13). Quale grande privilegio abbiamo: la preghie­ra! Cristiano, esamina il tuo cuore, riconsacra la tua vita, datti a Dio senza riserve, perché solo quelli che pregano con un cuor puro saranno ascoltati da Lui. La Bibbia dice: Molto può la supplicazione del [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli
    Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono incoraggiato che ci sia una benedizione per noi quando amiamo la pace e facciamo tutto il possibile per vivere in pace con tutti coloro che ci circondano. A volte semplicemente non è possibile, ma per quanto dipende da noi, dobbiamo essere un popolo che ama la pace. Nella promessa di oggi, leggiamo che i figli di Dio saranno operatori di pace. Visto che siamo stati fatti uno con Gesù, e uno dei suoi nomi è […]
  • L’UOMO NEL TEMPO E NELL’ETERNITA’
    di  ROBERTO BRACCO                                           Questo studio ha, soprattutto, uno scopo: esaminare l’uomo nel suo aspetto di “creatura di Dio”, quindi nel suo aspetto più profondo, più importante. Noi speriamo che questo esame possa rappresentare un raggio, sia pur debole, di luce, per una conoscenza più intera dell’uomo, la più meravigliosa fra le creature di Dio. […]
  • Amare il prossimo.
    di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi. a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; ma il “detto” conosciuto da tutti era: ” ama il tuo prossimo… e odia il tuo nemico ” (Matteo 5:43) b) La legge non diceva questo (Levitico 19:18) ;  c) – Dall’esilio in poi si manifestano due tendenze: una farisaica, chiusa, che restringe la cerchia del prossimo, (ama […]
  • S.O.S.
       Nella storia del popolo d’Israele incontriamo un nome che rimane davanti agli occhi dei credenti come un tremendo monito: Roboamo.     E’ scritto di lui: « Quando il regno fu stabilito e fortificato egli, insieme con tutto Israele, lasciò la legge »  (2° Cronache 12:1).  […]
  • SEGUIRE GESÙ
    di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la vita eterna cioè la pienezza della vita. Uno dei capi lo interrogò, dicendo: “Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?”. E Gesù gli disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio. Tu conosci i comandamenti: “Non commettere adulterio, non […]
  • Una promessa per oggi: Potete riposare sulla Mia promessa di vita eterna.
    “…nella speranza della vita eterna, promessa prima di tutte le età da Dio, che non può mentire.” Tito 1:2  –  Paolo scrisse questo messaggio a Tito duemila anni fa e dopo duemila anni è ancora rilevante quanto lo era quando fu scritto … Possiamo sperare nella promessa della vita eterna che Dio ci ha assicurato prima che il mondo avesse inizio, perché Dio non può mentire. Questa verità è come una solida roccia sulla quale possiamo appoggiarci, a prescindere dal fatto che le nostre emozioni siano d’accordo con essa o meno, perché la promessa è basata sulla fedeltà di Dio, non sulla nostra! Io non so voi, ma per me, è incoraggiante sapere che il mio destino eterno è sicuro non per i miei sforzi, ma perché ho un Padre che è incrollabile nell’impegno […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti