Meditazione del giorno: IL MIO AMICO CELESTE

di GEORGE MULLER   –   (Straordinaria meditazione scritta all’età di 92 anni)  –   Il prezioso Signore Gesù Cristo è nostro amico. Oh, cerchiamo di renderci conto di questo! Non è semplicemente una frase religiosa o una dichiarazione, ma egli è veramente il nostro amico. È il Fratello “nato per le avversità,” Colui che è “più affezionato di un fratello.”  Che non ci lascerà mai e mai ci abbandonerà.  Com’è prezioso avere anche sulla terra un amico celeste, che porta le gioie del cielo in piccola parte nei nostri cuori ora. Questo è ciò che il nostro Padre celeste desidera per i suoi figli, affinché possano essere felici per quanto possono esserlo mentre vivono qui nel corpo. Siamo arrivati a comprendere questo, che Colui che è “l’Amabile” è pronto ora dopo ora, ad essere nostro amico?

Quando non riusciamo a dormire la notte, diciamo a Cristo, “Mio prezioso amico celeste, fa che possa addormentarmi?” Se siamo nel dolore, diciamo, “Mio prezioso amico celeste, se è possibile, puoi per favore liberarmi da questo dolore? Ma se non è possibile, se tu pensi che è meglio che continui, sostenimi, aiutami e fortificami, mio prezioso amico celeste!” Quando ci sentiamo stanchi e soli, rivolgiamoci al prezioso Signore Gesù; Egli è disposto ad essere nostro amico nella nostra solitudine.

Per sessantadue anni e cinque mesi ho avuto la mia cara e amata moglie, e ora nel mio novantaduesimo anno sono rimasto solo. Ma mi rivolgo al mio prezioso Signore Gesù mentre vado su e giù nella mia stanza e dico: “Mio prezioso Signore Gesù, io sono solo eppure non sono solo, perché tu sei con me; Tu sei il mio amico; ora Signore, consolami e fortificami, dai al Tuo povero servo tutto ciò che Tu vedi egli ha bisogno.”

Oh, questa è una realtà, non una favola, che il Signore Gesù Cristo è nostro amico. Non dovremmo essere soddisfatti finché non arriviamo a questo, sapere che il Signore Gesù Cristo è il nostro amico per esperienza e abitualmente. Riflettiamo su questo. Abitualmente, non ci lascia mai, non rinuncia mai a noi, in tutti i tempi e in tutte le circostanze è pronto a dimostrare di essere nostro amico.

Egli è disposto a concederci questo non solo per pochi mesi o per un anno o due, ma fino alla fine del nostro pellegrinaggio terreno. Davide, nel Salmo 23 dice: “sì, anche se camminassi nella valle dell’’ombra della morte, non temerei alcun male perché tu sei con me.” Oh, quanto è prezioso tutto questo! Per questo “l’Amato” ritornerà di nuovo e molto presto. Presto Egli verrà di nuovo; e allora Egli ci porterà a casa e saremo per sempre con Lui. Oh, com’è preziosa questa brillante e gloriosa prospettiva. Di nuovo il punto pratico è che noi possiamo appropriarci di ciò per noi stessi. “Egli è venuto a prendere me – povero, colpevole, indegno, meritevole dell’inferno – Egli è venuto per prendermi con se”. E nella misura in cui entriamo in queste cose così gloriose, le gioie del cielo sono già cominciate!

_________________________________________________________________________________________

George Müller (tedesco – Johann Georg Ferdinand Müller) (27 settembre 1805 – 10 marzo 1898), evangelista cristiano e direttore di Ashley Down,  orfanotrofio di Bristol, in Inghilterra. Ha curato  10.024  orfani nel corso della sua  vita. Egli era ben noto per aver dato istruzione e cura ai bambini,  fino al punto di essere accusato di “sollevare i poveri dalla loro condizione naturale di vita”. Stabilì anche 117 scuole che offrivano educazione cristiana per oltre 120.000 bambini, molti dei quali erano orfani. (Fonte: Wikipedia)

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: La fatale risposta di Dio
    In Devotional
    di M. R. DE HANN  –  ”Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone” Salmo 106:15   –   I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse ascoltati. La cosa più sicura è sempre quella di lasciare a Dio ogni decisione e dire: “Sia fatta la tua volontà“.  Anni fa fui chiamato nella casa di una vedova, che aveva imparato questa lezione. Ella aveva [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • LA GIOIA
    di GUIDO SCALZI ?- ??La natura umana ? cos? fatta che non pu? vivere un attimo senza cercare un po’ di contentezza. Ma ? ben difficile trovarla se non si cerca dove la si pu? trovare. Essa non pu? venire dalle ricchezze, dal danaro, dal buon successo o dagli amici; e neppure dalla buona salute. Questi sono elementi naturali che possono contribuire alla tranquillit? della men?te, ma non possono dare la felicit?. ?La vita ? difficile. Da bambini, si guarda avanti negli an?ni e ci si aspetta di trovare la gioia nella pienezza della gio?vent?. Ma la giovent? vola via, lasciandosi dietro solo poche foglie appassite; e la virilit? e la vecchiaia vengono spese rimpiangendo quello che si poteva fare e non si ? fatto, o quello che si ? fatto e non bisognava farlo. […]
  • OBBEDIRE A DIO
    di A.W.Tozer.  –   Nel Nuovo Testamento, obbedire significa ascoltare la parola di Dio, piegarsi alla sua autorità e condurre a termine gli incarichi che Dio ci affida.  Questo tipo di obbedienza sembra scomparso al tempo d’oggi. Ogni tanto ci accade di sentire una predica, un po’ stiracchiata, su questo soggetto. Il messaggio però è tanto scialbo che non può certamente influenzare la vita di coloro che lo ascoltano. L’obbedienza si è rammollita nel Cristianesimo moderno. Essa viene volentieri lasciata fuori del tutto e, coloro che ne fanno accenno, lo fanno quasi con un tono di scusa e senza sottolinearne l’importanza. Come è accaduto ciò? Sicuramente questo è dovuto al fatto che, sia i predicatori che i fedeli confondono […]
  • TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.
      di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città. Vidi sopra la porta un’iscrizione: “Benvenuto!” Ed entrai per ripararmi dalla pioggia senza sapere che cosa facessero lì dentro. Erano tutti in ginocchio e pregavano. Dopo un poco sentii un uomo (il fratello Junk, un predicatore) che recitava il capitolo 53 di Isaia in lingua ebraica. Una donna stava cantando in ebraico un inno  che gli ebrei usano cantare il […]
  • NEL CUORE DEI GIOVANI
    di BILLY GRAHAM –  Uno dei racconti più belli che ci ha dato la letteratura è quello di Isacco e di Rebecca contenuto nelle Sacre Scritture. Pochi ammettono che la Bibbia sia un libro per i giovani, ricco di episodi idilliaci! Questa storia si svolge in un antico paese, in mezzo a un popolo di costumi particolari, ma Dio, tramite, essa, ha molte cose da insegnarci oggi. Si legge che Isacco aveva l’età per sposarsi e suo padre Abramo desiderava ch’egli prendesse moglie. Isacco aveva la saggezza di ascoltare i consigli dei suoi genitori. Vorrei dire a questo punto che se i giovani hanno bisogno sempre d’essere consigliati dai genitori, ciò è particolarmente necessario nel periodo del fidanzamento. Un matrimonio cambia la vita di molte persone, non soltanto la vostra e quella del […]
  • Terry Peretti – Gli ultimi tempi
    Domenica 11 Novembre 2012 […]
  • CORRIE TEN BOOM E IL RAPIMENTO
    “Il mondo è insanabilmente malato e sul punto di morire. Il Medico per eccellenza ha già firmato il certificato di morte, ma ancora c’è molto da fare per i cristiani. Il loro compito è di essere fiumi d’acqua viva, canali di benedizione per coloro che sono ancora nel mondo e possono esserlo, perché sono dei Vincitori. I cristiani sono ambasciatori per Cristo, dei rappresentanti dei cieli per questa generazione morente ed è a causa della loro presenza qui sulla terra che le cose cambieranno.  Mia sorella Betsy ed io eravamo nel campo di concentramento nazista a Ravensbruck, perché avevamo commesso il crimine di amare gli ebrei. Settecento di noi, provenienti da Olanda, Francia, Russia, Polonia e Belgio furono ammassati in una stanza che ne poteva contenere duecento: per quanto ne sapevo, […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti