MEDITAZIONE DEL GIORNO: “L’Iddio d’Israele vi ha appartati…

di A.B. SIMPSON   –  Numeri 16: 9.  La piccola pianta può crescere su un mucchio di letame, ed essere circondata da sporcizia, e coperta molto spesso dalla polvere fluttuante portata dalla brezza, ma le sue radici bianche sono separate dal suolo impuro, e le sue foglie e i suoi fiori non hanno alcuna affinità con la polvere che si deposita su di loro, e dopo una doccia di pioggia estiva che porta via ogni particella di contaminazione,  può  guardare in alto, fresca e immacolata come prima, perché la sua natura intrinseca  non può avere nessuna parte con quelle cose impure.

Questa è la separazione che Cristo richiede e che Egli dà. Non vi è alcun merito nel non stare in un  teatro se voglio andarci. Non vi è alcun valore se mi astengo dalla lettura di un  romanzo sciocco o dalla coppa inebriante, se io poi non faccio altro che desiderare quelle cose.

Il mio cuore è lì, e la mia anima è contaminata dal desiderio di cose cattive. Non è il mondo che ci macchia, ma l’amore del mondo. Il vero Levita è separato dal desiderio delle cose terrene, e anche se potrebbe, non vuole avere i piaceri proibiti che per gli altri sono un premio.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Preoccuparsi e condividere
    In Devotional
    di H.V. Lugt    –  ’’Piacesse a Dio che tutti quelli che oggi m’ascoltano, diventaste tali, quale sono io”. (Atti 26:29)    –   Una delle frasi più tristi nella Sacra Scrittura è questa: “Non v’è alcuno che abbia cura dell’anima mia” (Salmo142:4). lo vorrei sapere quante persone non salvate, che ogni giorno vengono a contatto con cristiani, dovrebbero muovere questa accusa. Molti credenti parlano col loro vicino del tempo, della loro automobile o di sport, ma non vengono mai al fatto della loro salvezza per mezzo di Gesù Cristo. Un episodio nella vita del senatore J.P. Dolliver dimostra l’efficacia [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Sfida da una società in crisi
    di R. REED  –   E questo tanto più dovete fare, conoscendo il tempo nel quale siamo; poiché è ora ormai che vi svegliate dal sonno; perché la salvezza ci è adesso più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata, il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre, e indossiamo le armi della luce. Camminiamo onestamente come di giorno; non in gozzoviglie ed ebbrezze; non in lussuria e lascivie; non in contese ed invidie; ma rivestitevi del Signor Gesù Cristo; e non abbiate cura della carne per soddisfarne le concupiscenze. (Romani 13:11—14). Qui abbiamo un modello di azione per i pastori e le chiese, che, nella provvidenza di Dio, sono chiamati a fronteggiare la sfida di una società in crisi. La società di oggi è, infatti, in crisi. Paolo scrive alle nascente chiesa di […]
  • R.A.TorreyLa potenza del sangue di Cristo
     di  R.A. TORREY    –   “La potenza appartiene a Dio”. Pertanto è a disposizione dell’uomo. Vi è una cosa che crea la separazione tra Dio e l’uomo: il peccato. Leggiamo in Isaia: “Ecco, la mano del Signore non è troppo corta per salvare, né il suo orecchio troppo duro per udire; ma sono le nostre iniquità quelle che han posto una barriera fra voi e il vostro Dio; sono i vostri peccati quelli che han fatto sì ch’Egli nasconda la sua faccia da voi, per non darvi più ascolto” (Isaia 59:1,2).   Il peccato deve essere tolto fra Dio e noi, se vogliamo conoscere la potenza di Dio nella nostra vita. E’ il sangue che toglie il peccato (Ebrei 9:26). Pertanto, prima ancora di conoscere la potenza di Dio dobbiamo esperimentare l’efficacia […]
  • DIOTREFE
    Chi era Diotrefe? Etimologicamente il suo nome significa «nutrito dall’Eterno » e se tale nome era stato scelto dopo la conversione, come è da supporsi, dobbiamo dedurne che in origine questo fedele doveva manifestare le caratteristiche della consacrazione. Nelle scritture facciamo la conoscenza di questo poco noto cristiano leggendo la terza breve epistola di S. Giovanni, in cui si parla di lui in termini poco lusinghieri; viene presentato come un superbo, cianciatore e odioso. […]
  • GLI OCCHI DEL CUORE
    di Jim Cymbala  –  (Pastore della Chiesa Brooklyn Tabernacle – New York)  –  E’ più probabile che si trovi un neo credente nelle montagne del Perù che capisca della Bibbia  più di un teologo con un dottorato di ricerca. Infatti, quel Peruviano privo di istruzione non solo potrebbe saperne di più della Bibbia, ma potrebbe anche conoscere il Signore in un modo che lo studente Greco o Ebreo ignorano. Ricorda, fu Gesù a gioire e dire:  “Io ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli” (Luca 10:21, enfasi mia). PREGA PRIMA DI LEGGERE LA PAROLA È facile per molti di noi approcciare quotidianamente la Parola di Dio dando poco spazio allo Spirito Santo. Spesso non […]
  • Signore! Signore!
    di Roberto Bracco   –   Questo grido si eleva insistentemente quasi a dimostrare che anche in questi giorni di generale indifferenza esiste un popolo che guarda verso Dio, che parla con Dio, che osserva la legge di Dio. Dalle chiese o dagli individui, dai paesi o dalle città s’innalza e si ripete: Signore, Signore! Non è vero, come affermano alcuni, che non c’è più religione; non è vero che Dio è stato dimenticato e quasi espulso dalla società perché la lode che prorompe sempre più vigorosa verso il cielo testimonia dell’esistenza della religione e della cura che pongono molti a mantenere Dio presente nella loro mente e nel seno della società. Soprattutto le chiese amano ripetere, direi in maniera sempre più organizzata, questa frase tanto importante. «Signore, Signore» si ode nelle […]
  • Puoi godere piena libertà, perché Cristo ti ha reso libero.
    State dunque saldi nella libertà con la quale Cristo ci ha liberati, e non siate di nuovo ridotti sotto il giogo della schiavitù. (Galati 5:1)  –  Questa promessa ci esorta a rimanere saldi nella libertà con cui Cristo ci ha liberati! Questo non è un’opzione, è un comando. Un’altra versione della Bibbia dice che a causa dell’amore della libertà che Cristo ci ha liberati. Dio ama ciò, quando siamo d’accordo con Lui e scegliamo di vivere una vita libera da schiavitù e da condanna. In tutte le lettere del Nuovo Testamento, i santi sono sempre descritti come nuove creature in Cristo. Non esiste nessuna ragione per cui dovremmo ritornare nel giogo di schiavitù nella quale abbiamo vissuto. Cristo ci ha liberati! Così, goditi la tua libertà! Di a tutti che anche loro […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti