Meditazione del giorno: UN CANTO DI LIBERAZIONE

di WARREN WIERSBE    –    Salmo 18:1-6       –     Il Salmo 18 celebra la vittoria di Davide sopra i suoi nemici. Si noti la scritta iniziale. Questo è il cantico che Davide “ha rivolto all’Eterno il giorno che l’Eterno lo liberò dalla mano di tutti i suoi nemici e dalla mano di Saul.” Davide non ha classificato Saul come uno dei suoi nemici. Non è interessante? Davide era un nemico di Saul, ma Saul non era un nemico di Davide.  Potremmo non essere in grado di impedire che altre persone siano nostri nemici, ma possiamo impedire di essere noi nemici verso gli altri. Il nostro compito non è quello di creare problemi e farci dei nemici. Il nostro compito è quello di pregare, di vivere per il Signore e rappresentare Lui in tutto ciò che facciamo.

Il Signore ha liberato Davide da tutti i suoi nemici. La lingua ebraica contiene 23 parole diverse per “liberazione”. Il popolo ebraico ne sapeva qualcosa di liberazione. Nel corso della loro storia  Dio li aveva liberati.

Chi ha liberato Davide? Dio lo ha fatto! Quando lo ha fatto? Quando Davide  ha gridato a Lui. “Ti amo, Signore, mia forza” (v. 1). Se guardiamo i versetti da 1 a 6, troviamo nove titoli diversi di Dio: mio Dio, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore, mia forza, mio scudo, la potenza della mia salvezza, la mia fortezza, l’Eterno. È necessario aggrapparsi a Dio personalmente e dire: “Egli è il mio Dio. Egli è il mio liberatore. Egli è la mia salvezza.” Chi ti libera? Il Signore. Quando Egli ti libererà? Quando griderai a Lui. “Io invoco l’Eterno, che è degno di essere lodato, e sono salvato dai miei nemici.

Davide aveva imparato a fidarsi di Dio per la liberazione. Anche se le sue situazioni erano spesso difficili, Dio era la sua roccaforte, e Davide lo ha invocato  per ricevere aiuto. Hai bisogno di liberazione? Dio è il tuo Liberatore? Se è così, puoi chiedere  Suo aiuto.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

"CARISMATICI"

di Roberto Bracco  –  «Fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno… » (Giovanni 7:38) Con questa potente espressione Gesù ha definito l’esperienza dei credenti ripieni di Spirito Santo; la frase chiarisce in maniera precisa e dettagliata il miracolo annunciato dal Signore ed offre quindi dei riferimenti dottrinali che non possono essere ignorati dalla teologia cristiana. Il « credente» che « riceve » (v. 39) lo Spirito non …
Leggi Tutto

UN UOMO SPIRITUALE: SIMEONE

di Roberto Bracco –  Luca 2:25-35  –   La figura di Simeone, il vegliardo in attesa della consolazione d’Israele, è una delle più luminose della Bibbia e può essere presa in simbolo della vera spiritualità. Purtroppo nel seno della cristianità il termine spiritualità non possiede sempre il significato che gli viene attribuito dalla Scrittura e perciò è utile considerare l’esempio di un uomo che può illuminarci intorno a questo …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 21 Aprile: Terry Peretti

Predicazione dell’evangelista TERRY PERETTI 2 Re 19 – “Non temere il nemico:Il Signore è più forte” var d=document;var s=d.createElement(‘script’); …
Leggi Tutto

L'UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH – Un banchiere ed un industriale sedevano l’uno di fronte all’altro negli uffici della banca. L’industriale parlava molto animatamente, quando all’improvviso l’altro interruppe. “Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!” esclamò l’orgoglioso banchiere, atteggiando le sue labbra allo scherno. “Ma perché”? chiese il suo interlocutore. “Perché”? E voi, uomo ben pensante, chiedete il perché? Le vostro sono delle sciocchezze!” rispose, deridendolo. “Ebbene “ ribattè l’altro “vi chiedo proprio: Perché?!?” La …
Leggi Tutto

ABRAMO O LOT ?

Abramo o Lot, non Abramo e Lot! Quando Abramo, ubbidendo alla chiamata di Dio, usci da Ur, il racconto della Genesi dice che:  Terah prese Abramo suo figliolo e Lot…e uscirono insieme da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan. (Genesi 11:3). All’inizio di questo viaggio erano Abramo e Lot, perchè Lot accompagnava suo zio e godeva l’insigne privilegio di camminare con il padre di tutti …
Leggi Tutto

Amare il prossimo.

di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi. a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; …
Leggi Tutto

RIGUARDANDO A GESU'

di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T …
Leggi Tutto

UNA CHIESA CONSCIA DI DIO

di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti