Meditazione del giorno: Trovare riposo

by WATCHMAN NEE    –    “Voi troverete riposo alle anime vostre.” (Matteo 11:29)   –   Vi è un riposo che viene accordato: “Io vi darò riposo”; ma vi è anche un riposo che deve essere trovato. Il primo è ottenuto semplicemente venendo a Dio e ricevendo il suo dono della vita. Questo significa qualcosa di più che credere in un vangelo ben predicato. Significa venire come un peccatore stanco, aggravato e ottenere un contatto personale vivente con il Signore Gesù Cristo stesso. Tale contatto porta immancabilmente riposo. Ringraziato sia Dio per tutti i suoi figli che possiedono questo dono fondamentale!

Ma dopo essere venuti lì, ci ritroveremo sulla soglia di qualcosa di più. Noi dovremo imparare cose su di lui, e scoprire la profonda soddisfazione di che cosa si prova quando si impara a conoscere sempre più il Signore. Soprattutto, dovremo imparare la mansuetudine e l’umiltà del suo cuore. Facendo così, egli dice, troveremo riposo. Perché questo riposo non è un dono; è qualcosa che riguarda i discepoli, e cioè coloro  che apprendono.  E per l’apprendimento ci vuole tempo, ma è così remunerativo!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: IL FRUTTO DELLO SPIRITO E’ GIOIA
    In Devotional
    di F. B. MEYER  – ”Vi ho detto queste cose, affinché la mia gioia dimori in voi e la vostra gioia sia piena.” – Giovanni 15:11 – La gioia è una cosa spontanea. La gioia di un bambino, come il canto di un’allodola, sorge naturalmente e facilmente quando sono soddisfatte determinate condizioni; quindi se vogliamo sperimentare la gioia di Cristo, dobbiamo renderci conto delle condizioni che Egli stabilisce. Se siamo innestati nella vite vera, non c’è nulla che impedisce il flusso del Suo amore per noi, se facciamo come Egli ci dice, e ci asteniamo dal fare ciò che Egli proibisce – allora la gioia ci inonderà. “Dimorate in me “- implica, [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • La libertà cristiana
    di John MacArthur   – “Fratelli, voi siete stati chiamati a libertà; soltanto non fate della libertà un’occasione per vivere secondo la carne, ma per mezzo dell’amore servite gli uni agli altri”(Gal. 5:13).  Una delle mie gioie come pastore è quella di insegnare alle persone la Parola di Dio e spiegare le sue implicazioni nelle loro vite.  Tra i dubbi che la gente esprime, non figurano domande su se sia sbagliato mentire, truffare, rubare, uccidere, comemttere adulterio, o concupire. Né mi viene chiesto se i Cristiani dovrebbero leggere la Bibbia, pregare, o parlare agli altri della salvezza in Gesù Cristo. La Bibbia infatti è molto chiara su tutti questi punti. C’è, però, una serie di domande che si trova in un’area che potremmo definire […]
  • VAI, IO MANDO TE!
    di MIKE BROWN  –  Il cuore di Dio è un cuore missionario. Egli desidera che il popolo che ha creato viva con Lui per sempre. Questo è il primo motivo per cui ci ha creato, affinché potessimo avere comunione con Lui, conoscerlo e così essere Suoi. Ciò era, ed è il Suo cuore. Egli, dopo tutto, è chiamato il Padre celeste.  La caduta dell’uomo non ha cambiato le cose. Dio non ebbe nessun piacere nel portare Adamo fuori dal giardino. Si addolorò per lo stato di peccato della razza umana, prima di distruggere il mondo con il diluvio; avrebbe piuttosto voluto vedere ravvedimento! Ezechiele scrisse: «Provo io forse piacere se l’empio muore? Dice il Signore, l’Eterno. Non ne trovo piuttosto quand’egli si converte dalle sue vie» (Ez. 18:23) Egli è un Dio di vita e non […]
  • I CONDUTTORI
    Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile condizione generale di fallibilità che accompagna ogni credente, e quindi ogni Conduttore, nel pellegrinaggio terrestre. […]
  • L’UNZIONE dello SPIRITO SANTO
    ….come Dio abbia unto di Spirito Santo e di potenza Ges? di Nazaret, il quale and? attorno facendo del bene e sanando tutti coloro che erano oppressi dal diavolo, perch? Dio era con lui. (Atti 10:38) ?-?La parola “unto” ? riferita nella Bibbia ad un uomo o a qualcosa messo a parte per un divino servizio. ??L’olio dell’unzione era un atto simbolico di consacrazione per quel determinato servizio. Riguardava i profeti, i re, ed i sacerdoti. ?L’olio dell’unzione era composto da vari profumi simbolo della diversa capacit? o talento che Dio accorda ai suoi servi .?In questo tempo ? necessario avere discernimento per saper riconoscere la vera unzione, perch? questo ci porta a distinguere la verit? dalla menzogna, l’originale dal falso, […]
  • GIOIA TRASCENDENTALE
    di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si ammala; la nostra vacanza è piovosa; il nostro lavoro viene spazzato via da una fusione aziendale. Quel sentimento di positività inizia a vacillare. Nel migliore dei casi, ci sentiamo svuotati, e nel peggiore siamo persino adirati. Dunque, come possiamo riappropriarci della nostra felicità quando le situazioni cambiano? Non basta solo desiderarlo. Non possiamo rincorrerla. Cercare in ogni modo di […]
  • UN UOMO SPIRITUALE: SIMEONE
    di Roberto Bracco –  Luca 2:25-35  –   La figura di Simeone, il vegliardo in attesa della consolazione d’Israele, è una delle più luminose della Bibbia e può essere presa in simbolo della vera spiritualità. Purtroppo nel seno della cristianità il termine spiritualità non possiede sempre il significato che gli viene attribuito dalla Scrittura e perciò è utile considerare l’esempio di un uomo che può illuminarci intorno a questo soggetto fondamentale. Simeone era un uomo giusto e pio; questa testimonianza non viene resa dagli uomini, ma da Dio stesso a mezzo della Sua Parola. Le opere e i sentimenti di Simeone quindi si trovavano sul piano della volontà di Dio ed egli viveva sotto l’approvazione divina. Simeone era giusto in conseguenza della sua spiritualità, […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti