Meditazione del giorno: CRISTO “DOVEVA” MORIRE

di Alexander Maclaren   (predicatore scozzese del XIX secolo)   –    L’opera di Gesù Cristo non poteva essere compiuta senza la Sua morte.  Non poteva essere il Salvatore del mondo, senza essere il sacrificio per i peccati del mondo.  … Fu a causa dell’esigenza della giustizia divina, e per la necessità dei peccatori. E così la morte di Cristo non era la morte di un martire, che doveva morire come conseguenza del fedele adempimento del suo dovere. Non era la penalità che doveva pagare per compiere la sua opera, ma è stata l’opera stessa. . .  Egli “è venuto a dare la sua vita in riscatto per molti”.

. . . Egli doveva morire per poter salvare, ed Egli può salvare perché ha amato. La sua obbedienza filiale a Dio ha coinciso con la sua pietà per gli uomini. . .

Oh, fratelli! Nulla ha tenuto Cristo sulla Croce, ma solo il  desiderio di salvarci. Né i sacerdoti né i Romani lo portarono al Golgota. Chi lo ha fissato sulla croce non sono stati i chiodi piantati da rozze mani. E la ragione per cui Egli non è sceso da quella croce, come gli schernitori lo invitavano a fare, non era neppure una necessità fisica o morale indesiderabile a se stesso, ma il cedimento della sua volontà a fare tutto ciò che era necessario per la salvezza dell’uomo.

Questo sacrificio è stato legato all’altare da corde d’amore. . . Gesù Cristo appese se stesso alla croce ed è morto perché lo ha voluto.     . . . Il suo scopo non ha mai vacillato; penso che ognuno di noi possa dire: “Egli dovette morire per potermi salvare.”  La salvezza è garantita dalla potenza della Croce; certamente, per la vita eterna del Salvatore crocifisso, che Egli un giorno sarà il Re di tutta l’umanità, e porterà le sue pecore erranti a pascolare in pace, un solo gregge intorno ad un Pastore .

Obbedienza lieta è vera obbedienza. . . . L’obbedienza è l’obbedienza, sia nelle grandi cose che nelle piccole. Gioia e libertà, potenza e pace riempiranno i nostri cuori quando questa è la legge dell’essere nostro: “Tutto quello che il Signore ha detto, lo farà.”

Il carceriere di Filippi gridò: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Essi risposero: “Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato tu e la tua famiglia” (Atti 16:30-31).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: Io ti libererò dal male e ti salverò fino a portarti nel Mio regno.

Il Signore mi libererà ancora da ogni opera malvagia e mi salverà fino a portarmi nel suo regno celeste. A lui sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen. (2 Timoteo 4:18) L’Apostolo Paolo stava scrivendo a Timoteo, suo figlio spirituale, quando fece questa affermazione. Sappiamo dal racconto della vita di Paolo nella Bibbia che la sua vita è stata difficile. È stato lapidato, battuto con le verghe, ha fatto …
Leggi Tutto

SOTTO IL SOLE

di BILLY SUNDAY  –   ″Che profitto ha l’uomo di tutta la fatica che sostiene sotto il sole?″  (Ecclesiaste 1:3)    –   È lo stesso re Salomone a formulare questa domanda e a darle una risposta. Nel modo d’esprimersi contemporaneo, significa più o meno: ″Che bene ricava un uomo da questa vita, se vive solamente per le cose che può dare il mondo?″ Se c’è mai stato qualcuno in …
Leggi Tutto

"CERCANO IL LORO PROPRIO" (Filippesi 2:2)

di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in …
Leggi Tutto

La conversione di Phil Thatcher

A 18 anni ero entrato e uscito tre volte dal riformatorio e a 30 anni avevo passato più tempo in prigione di quanto ne avessi passato fuori. Tutto cominciò quando ero ragazzo. Sono cresciuto in campagna; mio padre era agricoltore e faceva anche il pastore evangelico. Io lo rispettavo e gli credevo. Mi diceva il che il mio vero Padre era in cielo e che mi stava sempre vicino …
Leggi Tutto

CASA TUA!

di FILIPPO WILES   –   Quanti sermoni il lettore avrà ascol­tato sulla parola che Gesù rivolse a Zaccheo: «Scendi presto, perché oggi debbo albergare in casa tua».  Credo di non sbagliarmi quando di­co che l’interpretazione data a queste parole è, nella maggioranza dei casi, spirituale, cioè una interpretazione fi­gurativa, essendo la casa  paragonata alla nostra vita. Poche sono le volte quando sono prese alla lettera. Ebbene il messaggio che …
Leggi Tutto

La Religione chi il diavolo ti vuole dare

“E Faraone chiamò Mosè e disse: Andate, servite al Signore; solo le vostre greggi e i vostri armenti saranno fatti restare; le vostre famiglie anche andranno con voi” (Esodo 10:24).  Presentazione Capitolo 1 – Il diavolo non ti impedirà di avere una religione Capitolo 2 –   Una religione nel mondo Capitolo 3 – Una religione vicina al mondo Capitolo 4 – Una religione con gli affetti del mondo Capitolo 5 – Una religione con i beni del mondo Capitolo …
Leggi Tutto

L' Asse del male

di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male». Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”. Già dalla creazione …
Leggi Tutto

PERCHÉ SONO PENTECOSTALE

di   Luis H. Hauff –  Recentemente mi è stato chiesto di parlare sulle credenze dottrinali delle Assemblee di Dio ad una classe dell’Università di Redlas. L’interesse generale verteva su ciò che distingue le Assemblee di Dio dalle altre denominazioni: il parlare in altre lingue. Dissi alla classe che la mia fede nella Pentecoste è basata sul fatto che il parlare in lingue, secondo come lo Spirito dà da …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti