Meditazione del giorno: CRISTO “DOVEVA” MORIRE

di Alexander Maclaren   (predicatore scozzese del XIX secolo)   –    L’opera di Gesù Cristo non poteva essere compiuta senza la Sua morte.  Non poteva essere il Salvatore del mondo, senza essere il sacrificio per i peccati del mondo.  … Fu a causa dell’esigenza della giustizia divina, e per la necessità dei peccatori. E così la morte di Cristo non era la morte di un martire, che doveva morire come conseguenza del fedele adempimento del suo dovere. Non era la penalità che doveva pagare per compiere la sua opera, ma è stata l’opera stessa. . .  Egli “è venuto a dare la sua vita in riscatto per molti”.

. . . Egli doveva morire per poter salvare, ed Egli può salvare perché ha amato. La sua obbedienza filiale a Dio ha coinciso con la sua pietà per gli uomini. . .

Oh, fratelli! Nulla ha tenuto Cristo sulla Croce, ma solo il  desiderio di salvarci. Né i sacerdoti né i Romani lo portarono al Golgota. Chi lo ha fissato sulla croce non sono stati i chiodi piantati da rozze mani. E la ragione per cui Egli non è sceso da quella croce, come gli schernitori lo invitavano a fare, non era neppure una necessità fisica o morale indesiderabile a se stesso, ma il cedimento della sua volontà a fare tutto ciò che era necessario per la salvezza dell’uomo.

Questo sacrificio è stato legato all’altare da corde d’amore. . . Gesù Cristo appese se stesso alla croce ed è morto perché lo ha voluto.     . . . Il suo scopo non ha mai vacillato; penso che ognuno di noi possa dire: “Egli dovette morire per potermi salvare.”  La salvezza è garantita dalla potenza della Croce; certamente, per la vita eterna del Salvatore crocifisso, che Egli un giorno sarà il Re di tutta l’umanità, e porterà le sue pecore erranti a pascolare in pace, un solo gregge intorno ad un Pastore .

Obbedienza lieta è vera obbedienza. . . . L’obbedienza è l’obbedienza, sia nelle grandi cose che nelle piccole. Gioia e libertà, potenza e pace riempiranno i nostri cuori quando questa è la legge dell’essere nostro: “Tutto quello che il Signore ha detto, lo farà.”

Il carceriere di Filippi gridò: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Essi risposero: “Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato tu e la tua famiglia” (Atti 16:30-31).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: IO NON TI ABBANDONERO’ PERCHE’ SONO FELICE CHE TU MI APPARTIENGA

Poiché l’Eterno non abbandonerà il suo popolo, per amore del suo grande nome, perché è piaciuto all’Eterno di farvi il suo popolo. (1 Samuele 12:22) Molte persone vivono nella continua paura che possano essere abbandonati in qualsiasi momento. Alcuni si sentono in questo modo perché sono stati delusi in passato, mentre altri semplicemente non vivono con un profondo senso di appartenenza a qualcosa o a qualcuno. Amo questa …
Leggi Tutto

L’ornamento di un vero Cristiano

di Dale Crowley  –  Cristiani, lasciate che Cristo si serva di voi in modo tale da rispecchiare in voi la sua natura divina affinché tutti possano rendersi conto che la vostra vita è stata rinnovata, che la vostra vecchia natura peccaminosa è stata trasformata e che siete rivestiti della vostra nuova natura divina. I Cristiani che hanno veramente offerto la loro vita a Cristo risorto, vivono una vita nuova …
Leggi Tutto

SIETE PRONTI PER L’ETERNITÀ?

di Charles H. Spurgeon  – Il cibo è necessario e indispensabile per mantenere in forza l’organismo umano. Supponiamo die voi diciate un giorno: “Non voglio più mangiare perché non voglio essere uno schiavo del materialismo”. Potete mettervi in viaggio verso una località più sana e soleggiata ma vi accorgerete ben presto che il clima e l’esercizio fisico non sono sufficienti a mantenervi in vita se vi rifiutate di …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ

di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

C'E' SPERANZA PER LE NAZIONI E PER IL MONDO?

di AGOSTINO MASDEA – Questo è un tempo di straordinario cambiamento. Come non mai prima. La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi, sociali, politici, economici. La differenza rispetto al passato è che oggi questi cambiamenti avvengono a velocità supersonica. Dal modo di vestire alle automobili, dalla musica all’arredamento della casa… tutto è in evoluzione, tutto procede speditamente.  Cambia anche il clima.   Tutto sembra   nuovo… …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti