Meditazione del giorno: CRISTO “DOVEVA” MORIRE

di Alexander Maclaren   (predicatore scozzese del XIX secolo)   –    L’opera di Gesù Cristo non poteva essere compiuta senza la Sua morte.  Non poteva essere il Salvatore del mondo, senza essere il sacrificio per i peccati del mondo.  … Fu a causa dell’esigenza della giustizia divina, e per la necessità dei peccatori. E così la morte di Cristo non era la morte di un martire, che doveva morire come conseguenza del fedele adempimento del suo dovere. Non era la penalità che doveva pagare per compiere la sua opera, ma è stata l’opera stessa. . .  Egli “è venuto a dare la sua vita in riscatto per molti”.

. . . Egli doveva morire per poter salvare, ed Egli può salvare perché ha amato. La sua obbedienza filiale a Dio ha coinciso con la sua pietà per gli uomini. . .

Oh, fratelli! Nulla ha tenuto Cristo sulla Croce, ma solo il  desiderio di salvarci. Né i sacerdoti né i Romani lo portarono al Golgota. Chi lo ha fissato sulla croce non sono stati i chiodi piantati da rozze mani. E la ragione per cui Egli non è sceso da quella croce, come gli schernitori lo invitavano a fare, non era neppure una necessità fisica o morale indesiderabile a se stesso, ma il cedimento della sua volontà a fare tutto ciò che era necessario per la salvezza dell’uomo.

Questo sacrificio è stato legato all’altare da corde d’amore. . . Gesù Cristo appese se stesso alla croce ed è morto perché lo ha voluto.     . . . Il suo scopo non ha mai vacillato; penso che ognuno di noi possa dire: “Egli dovette morire per potermi salvare.”  La salvezza è garantita dalla potenza della Croce; certamente, per la vita eterna del Salvatore crocifisso, che Egli un giorno sarà il Re di tutta l’umanità, e porterà le sue pecore erranti a pascolare in pace, un solo gregge intorno ad un Pastore .

Obbedienza lieta è vera obbedienza. . . . L’obbedienza è l’obbedienza, sia nelle grandi cose che nelle piccole. Gioia e libertà, potenza e pace riempiranno i nostri cuori quando questa è la legge dell’essere nostro: “Tutto quello che il Signore ha detto, lo farà.”

Il carceriere di Filippi gridò: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Essi risposero: “Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato tu e la tua famiglia” (Atti 16:30-31).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Una promessa per oggi: La Mia giustizia s'innalza come le montagne più alte, i miei giudizi sono profondi come il grande oceano.

La tua giustizia s’innalza come le montagne più alte, i tuoi giudizi sono profondi come il grande oceano. O SIGNORE, tu soccorri uomini e bestie. (Salmo 36:6) –   Credo che tutta la creazione ci parla continuamente della bontà del Padre. Nella promessa di oggi, il re Davide dichiara che la giustizia di Dio si innalza come le maestose montagne della terra e i suoi giudizi sono profondi come …
Leggi Tutto

PENTECOSTALI: SIAMO UN MOVIMENTO, NON UNA DENOMINAZIONE RELIGIOSA

di J.M. MacKnight  –  La Pentecoste era la seconda festa importante dell’anno ebraico, quando si presentavano a Dio le primizie della raccolta del grano (Levitico 23:13). Analogamente, la Pentecoste simbolizza per la Chiesa l’inizio della raccolta di anime nel mondo da parte di Dio. INIZIO DI UN MOVIMENTO Il termine «movimento» significa semplicemente «muovere» o «essere mossi». Rappresenta un insieme di persone con un obiettivo comune; il loro fine …
Leggi Tutto

DIO PARLA ANCORA

di BILLY GRAHAM  –  I diplomatici pensano che la diversità delle lingue sia il motivo basilare delle incomprensioni internazionali. Noi scopriamo però che le radici delle difficoltà internazionali sono più profonde. Nonostante che i mezzi di comunicazione siano migliori non ci siamo avvicinati maggiormente alla pace. La violazione della legge e le rivoluzioni inondano la terra. Le Nazioni Unite si riuniscono a New York e si comprendono sempre …
Leggi Tutto

NON VI LASCERO' ORFANI

di Agostino Masdea  –  Giovanni 16:16-18  –  Introduzione: la Bibbia mostra la condizione dell’uomo che non conosce Dio: è come una pecora perduta, errante, senza pastore o qualcuno che si curi di lei. Notoriamente le pecore non hanno senso di orientamento. Non sanno ritrovare la via… hanno bisogno dell’aiuto e della guida del pastore. Così eravamo noi . Non solo smarriti nel caos di questo mondo, confusi e stanchi di vagare …
Leggi Tutto

LA GIOIA

di GUIDO SCALZI – La natura umana è così fatta che non può vivere un attimo senza cercare un po’ di contentezza. Ma è ben difficile trovarla se non si cerca dove la si può trovare. Essa non può venire dalle ricchezze, dal danaro, dal buon successo o dagli amici; e neppure dalla buona salute. Questi sono elementi naturali che possono contribuire alla tranquillità della mente, ma non …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESU’

di ROBERTO BRACCO   –   Alcuni episodi, ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè:  «Come pervenire alla vita eterna». Bisogna premettere che «vita eterna» non è sinonimo d’immortalità : tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono …
Leggi Tutto

UN SEGRETO SULLA GRAZIA

di Max Lucado  –  Ecco un segreto sulla GRAZIA:  dieci piccole parole che spiegano tutto quello che c’è da sapere: “Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?” (Romani 8:28). Da un lato questo concetto può sembrare cosi semplice, in realtà, queste parole contengono un significato veramente profondo. Esaminiamo attentamente le quattro parole di questo versetto. Leggete lentamente la frase: “Dio è per noi”. Fate una …
Leggi Tutto

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.” Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti