Meditazione del giorno: CRISTO “DOVEVA” MORIRE

di Alexander Maclaren   (predicatore scozzese del XIX secolo)   –    L’opera di Gesù Cristo non poteva essere compiuta senza la Sua morte.  Non poteva essere il Salvatore del mondo, senza essere il sacrificio per i peccati del mondo.  … Fu a causa dell’esigenza della giustizia divina, e per la necessità dei peccatori. E così la morte di Cristo non era la morte di un martire, che doveva morire come conseguenza del fedele adempimento del suo dovere. Non era la penalità che doveva pagare per compiere la sua opera, ma è stata l’opera stessa. . .  Egli “è venuto a dare la sua vita in riscatto per molti”.

. . . Egli doveva morire per poter salvare, ed Egli può salvare perché ha amato. La sua obbedienza filiale a Dio ha coinciso con la sua pietà per gli uomini. . .

Oh, fratelli! Nulla ha tenuto Cristo sulla Croce, ma solo il  desiderio di salvarci. Né i sacerdoti né i Romani lo portarono al Golgota. Chi lo ha fissato sulla croce non sono stati i chiodi piantati da rozze mani. E la ragione per cui Egli non è sceso da quella croce, come gli schernitori lo invitavano a fare, non era neppure una necessità fisica o morale indesiderabile a se stesso, ma il cedimento della sua volontà a fare tutto ciò che era necessario per la salvezza dell’uomo.

Questo sacrificio è stato legato all’altare da corde d’amore. . . Gesù Cristo appese se stesso alla croce ed è morto perché lo ha voluto.     . . . Il suo scopo non ha mai vacillato; penso che ognuno di noi possa dire: “Egli dovette morire per potermi salvare.”  La salvezza è garantita dalla potenza della Croce; certamente, per la vita eterna del Salvatore crocifisso, che Egli un giorno sarà il Re di tutta l’umanità, e porterà le sue pecore erranti a pascolare in pace, un solo gregge intorno ad un Pastore .

Obbedienza lieta è vera obbedienza. . . . L’obbedienza è l’obbedienza, sia nelle grandi cose che nelle piccole. Gioia e libertà, potenza e pace riempiranno i nostri cuori quando questa è la legge dell’essere nostro: “Tutto quello che il Signore ha detto, lo farà.”

Il carceriere di Filippi gridò: “Signori, cosa devo fare per essere salvato?” Essi risposero: “Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato tu e la tua famiglia” (Atti 16:30-31).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: NON ESSERE TRISTE, PERCHÉ LA MIA GIOIA È LA TUA FORZA.

Poi Neemia disse loro: «Andate, mangiate cibi grassi e bevete bevande dolci, e mandate delle porzioni a quelli che non hanno preparato nulla per loro; perché questo giorno è consacrato al nostro Signore; non siate tristi; perché la gioia del SIGNORE è la vostra forza». Neemia 8:10 In questo brano della Scrittura, Israele era riunito per ascoltare la Parola di Dio. Sembra fosse un momento molto intenso e tutte …
Leggi Tutto

LE CROCI ECONOMICHE NON HANNO ALCUN VALORE

di Edwin Raymond Anderson. – Un amico era da poco tornato da un viaggio d’affari in America Centrale. Mentre eravamo insieme a cena, gli chiesi: “Che cosa ti ha colpito di più in questo viaggio?” Abbozzò un sorriso, serrò le labbra pensandoci un attimo, e rispose: “Beh, te lo posso dire in due parole: Le croci economiche”. Lo fissai sorpreso, “Croci economiche?!? Che cosa vuoi dire?” “Arrivai in questo …
Leggi Tutto

IL BUON PASTORE

di GEORGE WHITEFIELD  –  Sermone d’addio (L’ultimo sermone predicato a Londra, mercoledì 30 agosto 1769 prima della sua ultima partenza per l’America) “Le mie pecore ascoltano la mia voce, io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10:27-28).   – È un detto comune e, io credo, giusto, quello che …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "FORTE ROCCA E' IL NOSTRO DIO".

Il 31 ottobre 1517, Martin Lutero affisse le famose  novantacinque tesi alla porta della cattedrale di Wittenberg, Germania. Questa data è stata definita come il “4 Luglio del protestantesimo”. “Forte Rocca è il nostro Dio” è l’inno più potente del movimento della riforma protestante  di Lutero ed è basato sul Salmo 46. Questo inno è diventato il grido di battaglia del popolo, una grande fonte di forza e …
Leggi Tutto

Terremoti

di Agostino Masdea  –  La terra si schianterà tutta: la terra si screpolerà interamente, la terra traballerà violentemente. La terra barcollerà come un ubriaco, vacillerà come una capanna. Il suo peccato pesa su di essa, cadrà e non si rialzerà più. Isaia 24:19-20 Uno dei terremoti più devastanti di questi ultimi tempi si è verificato appena pochi mesi fa, venerdì 11 marzo in Giappone.La scossa di magnitudo 8,9 …
Leggi Tutto

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT L. MOODY

LA VITA E IL MINISTERO DI DWIGHT LYMAN MOODY – 5 febbraio 1837 – 22 dicembre 1899 Moody disse: “sono l’uomo più sopravvalutato d’America”, ai giornalisti nel 1870 dopo aver tenuto con successo le sue riunioni di risveglio a Philadelphia e a New York. Egli chiamava se stesso “solo un portavoce e l’espressione di una profonda e misteriosa onda di sentimenti religiosi che stava attraversando la nazione.” Ed …
Leggi Tutto

IL RUOLO DELLA BIBBIA NELLA CHIESA (e nella vita del credente)

La Bibbia non è una collezione di scritti umani, o solo un capolavoro letterario. Non possiamo accogliere nemmeno la teoria che la Bibbia “contiene” la Parola di Dio, ma affermiamo e crediamo che la Bibbia è l’infallibile, ispirata ed efficace Parola di Dio. Abraham Lincoln un giorno disse: “io credo che la Bibbia sia il miglior dono che Dio abbia fatto agli uomini. LA PAROLA NEL MINISTERIO DI CRISTO …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti