Meditazione del giorno: UNO E’ MORTO PER TUTTI

di Roberto Bracco  –   “Uno solo morì per tutti, quindi tutti morirono” . (2 Corinzi 5:14)  –   Un grande scrittore della nostra generazione ha scritto:  “Non può essere considerato un uomo colui che almeno una volta nella sua vita, non ha desiderato diventare santo…”.  Si può subito aggiungere che  “desiderare” o anche  “proporsi” la santità non significa raggiungerla; anzi, indugiando sopra livelli molto più modesti, si può affermare che neanche desiderare essere migliori, liberarsi da certi difetti o redimersi da certe passioni, vuoi dire scuotersi dal collo il giogo del peccato.

Non si può negare che la cultura, l’educazione, il progresso riescono a smussare certi angoli della personalità umana o a verniciare certe pareti sporche, ma se compiamo un’analisi illuminata e severa siamo costretti ad esprimere una diagnosi drammatica: l’uomo è ammalato e la sua malattia è inguaribile.

La Scrittura anzi ha una terminologia più cruda e più tragica: l’uomo è morto. È morto perché è separato da Dio; è morto perché non vive in Dio, è morto perché condannato dalla legge di Dio.

Proprio perché è incurabile o perché, accettando la definizione biblica, è morto, l’uomo non può diventare santo, non può redimersi, insomma non può salvarsi da solo: egli è impotente di fronte al suo grande problema.

Anche questa realtà, in tutto il suo aspetto negativo, si trasforma, però, in un potente elemento positivo quando l’uomo la riconosce e l’accetta con umiltà. Fino a tanto che il  “viandante” che è precipitato incautamente nelle sabbie mobili del male, si sforza di risolvere con le proprie capacità il problema tormentoso che lo attanaglia, non può che peggiorare il proprio stato ed affondare più velocemente nella sua tomba melmosa. Però, nel momento che finalmente riconosce e confessa la propria impotenza, si schiude a quell’aiuto che certamente gli verrà, se egli saprà individuarlo ed invocarlo con sincerità di una fede genuina e l’ardore di un desiderio spirituale.

Riepilogo: Vuoi la vita? Accetta la morte di Cristo, quale propiziazione per la tua resurrezione!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: IO NON TI ABBANDONERO’ PERCHE’ SONO FELICE CHE TU MI APPARTIENGA

Poiché l’Eterno non abbandonerà il suo popolo, per amore del suo grande nome, perché è piaciuto all’Eterno di farvi il suo popolo. (1 Samuele 12:22) Molte persone vivono nella continua paura che possano essere abbandonati in qualsiasi momento. Alcuni si sentono in questo modo perché sono stati delusi in passato, mentre altri semplicemente non vivono con un profondo senso di appartenenza a qualcosa o a qualcuno. Amo questa …
Leggi Tutto

SALVATO DAL FALLIMENTO

R. G. LETOURNEAU (1888 – 1969) – Egli mi ha tratto fuori da una fossa di perdizione, dal pantano fangoso; ha fatto posare i miei piedi sulla roccia, ed ha stabilito i miei passi. Egli ha messo nella mia bocca un nuovo cantico a lode del nostro Dio. Molti vedranno questo e temeranno e confideranno nell’Eterno? (Salmo 40: 2, 3). –  Giobbe disse:  Il mio orecchio aveva sentito parlar di …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: ROCK OF AGES (ROCCA ETERNA)

Questo famoso inno è stato composto da Augustus Montague Toplady (1740 – 1778). Fin da ragazzo l’autore dimostrò delle qualità straordinarie. Suo padre morì quando egli era ancora bambino e fu allevato da sua madre che lo adorava e lo viziava. Egli non piaceva ai suoi compagni e nemmeno ai suoi parenti, in parte per la sua straordinaria intelligenza, e in parte perché era malaticcio e nevrotico. Fu oggetto di molte …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: I miei occhi scorrono per tutta la terra per dare forza a coloro che mi appartengono.

L’Eterno infatti con i suoi occhi scorre avanti e indietro per tutta la terra per mostrare la sua forza verso quelli che hanno il cuore integro verso di lui. (2 Cronache 16:9)   –   Dio ci guarda sempre. I suoi occhi scorrono avanti e indietro in tutto il mondo per dare forza a coloro che gli appartengono. Egli non ci lascia e mai ci abbandona a noi stessi …
Leggi Tutto

UNITA'... A CHE PREZZO?

di Keith Green –  Di questi tempi si fa un gran parlare tra i Cristiani riguardo all’esigenza di unità. Ovunque cristiani si riuniscono puoi sentire qualcuno che afferma “Se solo tutti i credenti potessero unirsi e andare d’accordo, allora il mondo si sveglierebbe e ci darebbe retta! allora sì il Diavolo fuggirebbe spaventato! Allora si avrebbe un vero risveglio!!” L’intero movimento ecumenico si basa su questo assunto. Devo ammettere …
Leggi Tutto

CROCIFISSI CON CRISTO

di George D. Watson  –  La Bibbia mette spesso in rilievo l’infinita debolezza morale degli uomini. Perfino gli uomini migliori e validi strumenti della provvidenza di Dio vengono a volta presentati nella Scrittura come esseri deboli e soggetti al peccato: Abramo disse di essere »polvere e cenere«; Isaia disse che noi periamo come una foglia; Giobbe a momenti aveva orrore di se stesso e lo stesso Apostolo Paolo …
Leggi Tutto

PIÙ VOLENTIERI AL MERCATO CHE NEL SANTUARIO

di Vance Havner  –  «A chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato» (Matteo 11:16,17). Oggi molti cristiani giocano alla religione. Essi si trovano perfettamente a loro agio in questo mondo: vivono serenamente, comprano, vendono, acquistano, guadagnano; la loro mente è tutta dedita ai profitti e …
Leggi Tutto

Da una vita di sesso, droga, suicidio, ad attivista in favore della vita: Come Dio mi ha riscosso dalle tenebre

Febbraio 10, 2014  –   LA STORIA DI MEAGAN WEBER  –  Tra la prima e la seconda gravidanza qualcosa è successo nella vita di Meagan Weber.  “Credevo  nel mantra “il corpo è mio e lo gestisco io”; facevo uso di droghe e vivevo «completamente immersa nella promiscuità», ma poi qualcosa accadde nel mio cuore”.   Meagan Weber oggi è impegnata nella lotta contro l’aborto negli Stati Uniti e …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti