Meditazione del giorno: Davanti al Golgota

di Roberto Bracco – Torno con la mia mente al Golgota, a quell’immenso cranio di pietra grigia con le sue occhiaie austere e rivivo l’emozione profonda provata davanti a quel monte, fuori di Gerusalemme e separato da questa da una strada brulicante oggi, come forse ieri, di gente frettolosa.

Mi sembra che davanti all’immagine anche fisica di quel monte fatale ho potuto rivivere più intensamente il dramma del Golgota; ho potuto contemplare da vicino l’amore del Padre che ha dato il Suo figliuolo, del Cristo che si è immolato per noi come Agnello. La croce ed il Crocifisso in una luce radiosa hanno riempito l’animo di una nuova visione di amore e di gloria. Quale rivelazione meravigliosa, quale lezione preziosa per imparare fede, amore, umiltà; al Golgota, proprio al Golgota il cuore si schiude per ricevere la ricchezza delle benedizioni divine.

Non voglio, non posso attribuire all’elemento geologico o geografico il ruolo determinante di ispiratore, ma non posso neanche escludere che questa testimonianza che Dio ha voluto conservata nel corso dei secoli esprima un messaggio che s’indirizza al cuore per illuminarlo. E’ il messaggio che assomiglia a quello delle parabole, a quello dei riti e che attraverso elementi anche materiali esprime realtà spirituali che più facilmente possiamo comprendere e conquistare partecipando con tutta la nostra personalità.

Israele quindi continua ad essere oltre che un testo di geografia o di folklore una terra ricca di riferimenti biblici che invitano alla riflessione, alla meditazione e perchè no, alla contemplazione. Quel che ho provato al Golgota rappresenta un’esperienza che posso assomigliare, sia pure nella diversità delle sensazioni, a quel che ho provato al Getsemani, al Lago di Tiberiade, a Capernaum, a Nazaret a Betlehem, al Tabor, al Monte delle beatitudini.

Quante volte queste località, ma particolarmente il messaggio espresso da queste località si sbiadiscono nel cuore del credente, si allontanano per essere appena intraviste sotto la patina dell’immaginazione non sempre attenta, non sempre viva.

E’ facile elevare inni che suonano l’invito a salire al Golgota, ma quanti credenti giungono veramente alla croce di Cristo? Quanti salgono su quel Monte dove la terra ha tremato, dove il sole si è oscurato, dove sono state pronunciate le fatidiche parole: “Tutto è compiuto!”

Ritrovare l’ispirazione soltanto sui luoghi ove la storia è stata scritta forse non rappresenta un elemento positivo, ma perché ignorare o nascondere che il formalismo che tanto facilmente entra nella liturgia in questi giorni trova ampio spazio anche nei movimenti evangelici più caldi? Quindi se Cesarea, Cana, se il Monte degli Ulivi o Hebron possono esprimere un messaggio di risveglio o soltanto di riflessione accettiamo come salutare questo messaggio.

Ma sopra ogni altra considerazione ritorna quella espressa in relazione al Golgota; dobbiamo tutti accostarci alla croce, dobbiamo tutti contemplare il Crocifisso, salire lassù dove Colui che era stato preordinato prima della fondazione del mondo è morto per tutti, per ognuno di noi;dobbiamo fare di quella visione l’elemento ispiratore della nostra relazione con Dio, della nostra vita cristiana. No, non vuole essere un invito a visitare Israele benché questa visita sia stata per me una benedizione, vuole essere soltanto un’esortazione calda, pressante a tornare a quell’esperienza cristiana che libera da ogni formalismo ci faccia vivere in comunione con Dio nella realizzazione dell’amore che in Cristo Gesù nostro Redentore: Amen.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Da una vita di sesso, droga, suicidio, ad attivista in favore della vita: Come Dio mi ha riscosso dalle tenebre

Febbraio 10, 2014  –   LA STORIA DI MEAGAN WEBER  –  Tra la prima e la seconda gravidanza qualcosa è successo nella vita di Meagan Weber.  “Credevo  nel mantra “il corpo è mio e lo gestisco io”; facevo uso di droghe e vivevo «completamente immersa nella promiscuità», ma poi qualcosa accadde nel mio cuore”.   Meagan Weber oggi è impegnata nella lotta contro l’aborto negli Stati Uniti e …
Leggi Tutto

COME UN BRUTALE KILLER  DI NOME “SCISSORS” DA LA SUA VITA A CRISTO

di Mark Ellis  –  Campo di rieducazione del Vietnam. Ha trascorso più di 10 anni nelle prigioni comuniste in Vietnam a causa della sua fede cristiana perché  il governo ha provato a  “rieducarlo”. Ma attraverso la sua coraggiosa testimonianza in quel carcere, molti, tra cui anche degli assassini, hanno dato la loro vita a Cristo e hanno visto le loro vite trasformate. “Il comunismo è una religione”, dice …
Leggi Tutto

IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio. Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore. Se …
Leggi Tutto

IO SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE

di Agostino Masdea   –   Ma io so che il mio Redentore, vive e che alla fine si leverà sulla terra. Dopo che questa mia pelle sarà distrutta, nella mia carne vedrò Dio. Lo vedrò io stesso; i miei occhi lo contempleranno, e non un altro. Il mio cuore si strugge dentro di me. (Giobbe 19:25-27) – Giobbe, un uomo provato, in estrema difficoltà, prigioniero della sofferenza. a. – Il libro di Giobbe …
Leggi Tutto

SALVATO DAL FALLIMENTO

R. G. LETOURNEAU (1888 – 1969) – Egli mi ha tratto fuori da una fossa di perdizione, dal pantano fangoso; ha fatto posare i miei piedi sulla roccia, ed ha stabilito i miei passi. Egli ha messo nella mia bocca un nuovo cantico a lode del nostro Dio. Molti vedranno questo e temeranno e confideranno nell’Eterno? (Salmo 40: 2, 3). –  Giobbe disse:  Il mio orecchio aveva sentito parlar di …
Leggi Tutto

CHIESI A DIO

Chiesi a Dio la forza Per compiere qualcosa; fui reso debole per ubbidire umilmente. Chiesi a Dio la salute per fare cose maggiori; ricevetti infermità per fare cose migliori. Chiesi la ricchezza per diventare felice; Ricevetti povertà per acquistare sapienza. Chiesi la potenza per essere onorato dagli uomini; Ricevetti debolezza per riconoscere la mia dipendenza da Dio. Chiesi ogni cosa per godere la vita; ricevetti la vita per …
Leggi Tutto

Una Promessa per te: "TI PRESERVERÒ DA OGNI CADUTA FINO A QUANDO SARAI FELICEMENTE NELLA MIA PRESENZA."

“Or a colui che può salvaguardarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili e con grande gioia, all’unico Dio sapiente, il nostro Salvatore, sia gloria, grandezza, dominio e potestà, da ora e per tutte le età. Amen.  (Giuda 24-25) Un giorno, ognuno che ha invocato il nome del Signore starà davanti alla Sua presenza. La promessa di oggi ci incoraggia che in quel giorno …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: LA MIA PROTEZIONE SU CHI CONFIDA IN ME

Si rallegreranno tutti quelli che in te confidano; manderanno grida di gioia per sempre. Tu li proteggerai, e quelli che amano il tuo nome si rallegreranno in te. (Salmo 5:11 – Nuova riveduta) Nella versione Riveduta della Bibbia questo verso viene tradotto con “Tu stenderai su loro la tua protezione” . La Bibbia Amplificata dice “metti una copertura su di loro ‘. Quando penso a questa promessa, immagino che il nostro Padre distende …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti