Meditazione del giorno: Tutti hanno peccato

di R. Bracco  –  Poiché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio. Romani 3: 23    –     Il mondo è dominato dal peccato; Dio lo afferma e la nostra esperienza ci obbliga ad arrenderci a questa innegabile realtà. Non mancano negatori di questa verità; individui che sostengono che il peccato è frutto dell’immagina­zione dei moralisti religiosi o sociali: l’uomo è buono ed il mondo è bello, essi affermano, e qualche piccola deviazione deve essere accettata come diversi­vo necessario per rendere più interessante la vita.

Ma le  “piccole deviazioni” delle quali parlano costituiscono quel mare di fango nel quale tutti affogano: guerre, odio, ingiustizie, soprusi, razzismo, crimini, passioni, vizio, stanno intorno a noi per ricordarci ogni momento che il male è la regola del genere umano ed il bene è soltanto la rara eccezione.

Un servo di Dio scriveva molti anni fa:  “Il peccato degli uomini è dimostrato dal fatto che non basta una parola, ma ci vuole un contratto; non basta una porta, ma ci vuole una serratura; non basta un regolamento, ma ci vuole un corpo di polizia”.

Tutti, indistintamente, tentano l’evasione, il sopruso, la frode; tutti amano il piacere proibito, l’eccitazione disonesta, il godimento impuro. Tutti hanno peccato e poiché il peccato separa ed allontana da Dio, tutti sono privi della gloria di Dio.

Quel mondo che è stato creato per essere non soltanto una immagine della gloria di Dio, ma il tempio stesso della benedizione divina, ha prima rifiutato e respinto il proprio Creatore ed ha poi alterato le forme che ne rispecchiavano la grandezza e la gloria. Oggi possiamo vedere ovunque l’esaltazione dell’uomo, cioè la manifestazione più impudica dell’orgoglio umano, ma non possiamo incontrare ed ammirare la  “gloria di Dio” perché è assente.

E questa assenza, provocata dall’uomo rappresenta, in ultima analisi, la più chiara ed impressionante prova del peccato della società. Dove non c’è il sole, c’è l’ombra e dove al sole si chiudono le imposte c’è un’ombra voluta e volontariamente ottenuta; dove Dio è stato rifiutato, respinto, contestato, c’è il peccato e questo è anche oggi, come ieri, il dramma dell’umanità: uno stato generale di corruzione vissuta nell’oscurità più profonda derivante dalla separazione da Dio.

Ma apri il Vangelo e troverai una parola di speranza!

Riepilogo:  Gesù Cristo, Salvatore, è l’unica speranza per un mondo perduto.  

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: TENENDO GLI OCCHI SU GESÚ
    In Devotional
    di Gary Wilkerson  –   Sento il peso per quelli di voi che al momento stanno attraversando prove, lotte o travagli nell’anima. Voglio che tu sappia che Dio vede esattamente dove ti trovi e non ti ha abbandonato; in realtà, Egli ha sempre camminato a fianco a te in mezzo a questa situazione. Vuole che tu sia cosciente del Suo grande amore per te e vuole anche che questa consapevolezza dissipi ogni timore che avvolge il tuo cuore.  Non dobbiamo avere paura di affrontare le valli nella nostra vita, perché Dio è con noi. In mezzo a queste situazioni, Egli ci chiede di fare soltanto una cosa: guardare a Lui. Egli è la nostra rocca, la [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • FRUTTO E CAPITALE
    Sermone predicato alla VI Conferenza Pentecostale Mondiale svoltasi a  Gerusalemme, dal 19 al 21  Maggio 1965, nel culto di apertura. “all’uno diede cinque talenti, a un altro due, a un altro uno; a ciascuno secondo la sua capacità” (Matteo 25:15) Questo verso contenuto nel lungo sermone profetico sembra riassumere tutto l’insegnamento di esso; non dobbiamo ignorare infatti che il sermone profetico non è soltanto l’annuncio, l’anticipazione degli avvenimenti futuri, delle cose degli ultimi tempi, ma è anche e forse soprattutto una lezione panoramica di vita cristiana! E logico che sia cosi perché se il sermone ci parla del ritorno di Cristo, dello Sposo, del Signore, del Padrone, del Giudice deve anche parlarci del modo adatto per riceverLo ed […]
  • …MA DAVIDE SI FORTIFICO’ NELL’ETERNO.
    1 Samuele 30: 6  –  È una cosa che si comprende all’istante, fortificarsi o farsi coraggio, è un’arte delle più importanti e maggiormente utili. Ma, perché?Perché un uomo scoraggiato è un essere indebolito e vinto. Egli è anche, ed è bene dirlo, un uomo pressocché inutile. Quanta gente è fallita nella vita, non per­ché mancava di capacità, ma perché non ha avuto coraggio sufficiente. Questa, per esempio, è la ragione per cui fallì l’uomo della parabola dei talenti, il quale non aveva che un solo talento miserabile. Egli non ebbe coraggio, si lasciò prendere dalla paura. Si è lasciato fermare troppo presto dalla difficoltà lasciandosi invadere dallo scoraggiamento. Lo scoraggiamento è un arma efficace del Diavolo.Amico, se vuoi vincere una battaglia spirituale, se vuoi vivere […]
  • «PARLERANNO IN ALTRE LINGUE»
    di  A. THOMAS BRES   –   Questo segno è incompreso, criticato e combattuto da molti e anche da alcuni cristiani. Gli uni lo con­siderano una pazzia, il risultato di un disturbo mentale; gli altri un fenomeno spiritista, diabolico. Sono rari quelli che ne parlano con serenità e che si dimostrano scevri da pre­giudizi. Tra le obiezioni che spesso si fanno in mezzo ai cristiani, c’è questa: — Il Signore Gesù, il nostro divino modello, non ha mai parlato in lingue e non ha mai insegnato nulla intorno a questo soggetto. […]
  • L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.
    di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore. Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è chi ha paura della malattia: ogni epidemia ed ogni sintomo di male sono causa di preoccupazioni. A qualcuno lo spettro della prematura morte di un parente stretto lo induce a pronosticare la sua propria morte prematura: così morirò anch’io. Altri al solo pensare d’essere […]
  • New Age e Cristianesimo
    di B. E. Underwood   –   Uno dei più famosi “pseudoevangelisti” del mondo è una donna. Il suo nome è Shirley MacLaine. Il suo “vangelo contraffatto” è quello del movimento New Age (o Nuova Era). Guadagna circa quattro milioni di dollari all’anno propagando la sue fede. L’oggetto dei suoi seminari propagandistici è presentare ai partecipanti una persona che secondo la MacLaine è la più importante del mondo. Questa persona vi ama incondizionatamente. “E, qualcuno che avete desiderato ardentemente… che vi ama più di chiunque altro… E’ il vostro Io Superiore” […]
  • LA SPOSA SI PREPARA (Ruth 3:1-6)
    Abbiamo visto nella meditazione precedente come Ruth comincia a esperimentare la grazia e la provvidenza Divina, e anche se costretta dalle circostanze ad un umile lavoro, inizia a scoprire che quell’Iddio che ha scelto di adorare e servire al posto dei suoi falsi dei moabiti, è un Dio fedele e misericordioso. Abbiamo anche paragonato la sua figura alla figura della chiesa di Gesù Cristo, che trova nel Signore la fonte di ogni benedizione, e rinuncia alle offerte del mondo per rifugiarsi sotto le ali dell’Onnipotente. Oggi vedremo come Ruth ottiene la sua redenzione, e come si prepara e si presenta al Suo futuro sposo dietro consiglio e suggerimento della suocera, Naomi. A. – NAOMI MODELLO PER OGNI CREDENTE […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti