Meditazione del giorno: C’E’ UN TEMPO

by GARY WILKERSON  –   C’è un tempo! Sto parlando del tempo in cui si prende una posizione e si agisce. Un tempo in cui è giusto dire: “Credo che Dio mi stia chiamando per essere una risposta nell’aiutare a salvare le persone ferite”.

C’è un tempo in cui senti di una chiesa che va al campo di missione, un tempo per dire: “Dio li benedica”. C’è un tempo per impegnarsi in una fede impregnata di preghiera, e poi c’è un tempo in cui devi alzarti e andare. È tempo di alzarsi per agire!

In Genesi 14:14-16, Abrahamo fece esattamente questo quando sentì che il nipote Lot era stato reso prigioniero. Si alzò, armò i suoi trecento diciotto uomini e li prese con sé. Era numericamente inferiore di decine di migliaia di uomini, essendo solo poche centinaia, ma Dio gli diede un piano. Abrahamo disse: “Ci divideremo in due truppe e irromperemo di notte”.
Riesci a vedere cosa sta facendo? Si stava rivestendo della mente di Cristo per il piano di battaglia.

Alcuni di noi sono come Lot quando ci adiriamo o ci sdegniamo, nonostante sappiamo  che le sue azioni lo misero nei guai. Diciamo: “Mi alzerò ma agirò con le mie forze”, invece di ascoltare il Signore. Ma io non sto parlando di un agire carnale o di portare qualcosa a termine perché sei un newyorkese o perché le tue convinzioni politiche sono diverse da quelle degli altri. Sto parlando di portare qualcosa a termine perché sei un seguace di Gesù Cristo.

Ti muovi nello Spirito, cammini nello Spirito, e ascolti lo Spirito parlarti. Da ciò scaturisce fiducia, una fede di preghiera, ma anche una vita attiva, impegnata, d’azione, vibrante in cui diventi un testimone, un servo. Ti impegni in un ministero che fa la differenza nella vita delle persone. Ovunque tu sia coinvolto, se i tuoi adolescenti sono nei guai o tua moglie o tuo marito sono lontani da Dio, sei impegnato a parlare alle loro vite. Stai modellando qualcosa di diverso da quanto il mondo ha da offrire.
Mogli vincono i loro mariti al Signore attraverso la loro umiltà; attraverso il loro amore; attraverso il loro servizio. Uomini vedono le loro famiglie venire a Gesù Cristo quando smettono di comportarsi come orchi e iniziano davvero a servire e amare e mettere gli altri prima di sé stessi.
Il tipo di fede al quale lo Spirito Santo ci sta chiamando dice: “Dio, ho bisogno di Te e Tu vuoi che io mi coinvolga”.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • CONFIDANZA NEL SANGUE DI GESU’
    In Devotional
    di Andrew Murray  –   Dio non ha altro modo di trattare con il peccato, o con il peccatore, salvo che  attraverso il sangue. Per la vittoria sul peccato e la liberazione del peccatore Dio non usa altro mezzo o sistema che  “IL SANGUE DI GESU'”.  Sì, è davvero qualcosa che va al di là di ogni comprensione. Tutte le meraviglie della grazia sono concentrate qui:  l’incarnazione, mediante il quale Egli ha preso su di Sé la nostra natura di carne e sangue; l’amore, che non si è risparmiato, ma si è arreso fino alla morte; la sostituzione, con cui Egli, l’unico Giusto, ha espiato noi, gli ingiusti; l’espiazione [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Non toccate i miei unti…
    di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti coloro che li guardano ed osservano e quindi non c’è un’azione, una iniziativa che nascendo da un ministro possa rimanere completamente occultata.  Una comunità sarà sempre in grado di dirvi come trascorre il suo tempo il proprio pastore; quali sono i suoi ultimi acquisti o come possono essere confezionati i suoi abiti. Potrà fornire notizie […]
  • Promessa per oggi: Gesù non si vergogna di essere tuo fratello.
    Infatti colui che santifica e quelli che sono santificati provengono tutti da uno; per questo motivo egli non si vergogna di chiamarli fratelli. Ebrei 2:11 Mio fratello ha tre anni più di me. Mentre crescevamo, ha sempre spianato il sentiero davanti a me, in ogni circostanza… a scuola, con i nostri genitori, al lavoro, con gli amici, e anche con le ragazze. Anche se siamo passati attraverso tutte le cose che normalmente tutti i fratelli passano, mio fratello era sempre pronto ad aiutarmi e a guidarmi ad affrontare la vita. Durante i miei anni di scuola, era un sollievo sapere che mio fratello era sempre lì, pronto a proteggermi dai bulli e aiutarmi nel passaggio da una classe all’altra. È proprio fantastico avere un fratello maggiore! In Romani 8, la Bibbia dice che Gesù è il […]
  • LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE
    di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece di pregare per qualcosa di definito molte persone pregano per ciò che li passa per la mente in quel momento. Questa non è una preghiera fruttuosa. Per essere fruttuosa la preghiera deve essere in accordo con la volontà rivelata di Dio (1 Giovanni 5:14-15). Ci sono tre modi con cui Dio rivela la sua volontà per la guida nella preghiera. Uno, mediante le sue promesse. Due, mediante il suo provvedere, e tre mediante il suo Spirito. La preghiera fruttuosa implica un desiderare qualcosa in […]
  • GRANDI INNI: “FORTE ROCCA E’ IL NOSTRO DIO”.
    Il 31 ottobre 1517, Martin Lutero affisse le famose  novantacinque tesi alla porta della cattedrale di Wittenberg, Germania. Questa data è stata definita come il “4 Luglio del protestantesimo”. “Forte Rocca è il nostro Dio” è l’inno più potente del movimento della riforma protestante  di Lutero ed è basato sul Salmo 46. Questo inno è diventato il grido di battaglia del popolo, una grande fonte di forza e di ispirazione anche per coloro che sono stati martirizzati per le loro convinzioni.  E’ una proclamazione solenne e maestosa della nostra fede. […]
  • EVITARE I PARAGONI
    Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, le persone ti ammireranno! Prova “questa” nuova dieta e perderai quei pochi chili in più e quindi sarai più notato ed accettato. Il mondo continuamente ci dà l’impressione che dobbiamo essere qualcosa di diverso da quello che siamo. Una persona fiduciosa evita i confronti. La fiducia non è possibile fino a quando ci confrontiamo con […]
  • IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO
    di ROBERTO BRACCO  –  Ogni volta che il libro degli Atti si sofferma a descrivere il battesimo nello Spirito, la terminologia acquista accenti altamente vibranti. Questa celestiale esperienza cristiana viene costantemente presentata come una delle più genuine ed evidenti manifestazioni della gloria e della potenza di Dio. I credenti non vengono riscaldati da una sensazione passeggera o agitati da un’emozione  fugace,   ma   vengono   attraversati   e   riempiti   da   una   potenza soprannaturale che prende possesso della loro vita fino al punto di elevarli nelle sfere divine del soprannaturale. La gloria prorompe dalle labbra e i doni divini dello Spirito traboccano e sgorgano in maniera naturale da tutti coloro che esperimentano il compimento della promessa del Redentore. Le […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti