SOMIGLIANZA CON CRISTO

j_vern4

di J. Vernon Mc Gee  –   Ho appena gettato nel cestino una rivista di una cosiddetta organizzazione cristiana, che parlava di tutte le cose che si possono ottenere attraverso la preghiera. L’articolo prometteva che Dio ti farà prosperare, che Egli ti darà la salute e che ti darà ogni cosa. Amico mio, Dio non è un Babbo Natale glorificato! Ma il nostro Dio si sta muovendo in modo molto preciso. Se volete una risposta ai vostri problemi. . . . Dio è la risposta ai vostri problemi.

Il profeta Abacuc, nel primo capitolo del suo libro, dice a Dio: “Perché fai queste cose? Perché permetti che io veda il male? Perché non agisci?” Dio allora  portò  Abacuc su una   torre di guardia per fargli vedere che cosa stava facendo. Ora Abacuc dice: “Io camminerò per fede con Dio”. Amico mio, Dio è la risposta al tuo problema di oggi. Io non so chi sei e qual è il tuo problema, ma Dio è la risposta.Dio ha uno scopo nella tua vita, e intende portarlo a termine. Puoi avere  fede e fiducia in lui. Ci si può fidare di Cristo, e quando ti fidi di lui, scoprirai che Egli sta operando nella tua vita. Vuole renderti conforme alla sua immagine – è intenzione di Dio farti assomigliare a Cristo.

L’apostolo Paolo scrive: ” or noi sappiamo che tutte le cose cooperano al bene per coloro che amano dio, i quali sono chiamati secondo il suo proponimento. Poiché quelli che egli ha preconosciuti, li ha anche predestinati ad essere conformi all’immagine del suo figlio affinché egli sia il primogenito fra molti fratelli.” (Romani 8:28-29). Malgrado le parole difficili che Paolo usa, egli semplicemente vuole dire che lo scopo eterno di Dio per te è quello di farti simile a Gesù Cristo. Poi ancora, egli spiega: “E noi tutti, contemplando a faccia scoperta come in uno specchio la gloria del Signore, siamo trasformati nella stessa immagine di gloria in gloria, come per lo Spirito del Signore.” (2 Corinzi 3:18).Amico mio, Dio ha uno scopo per te. Non importa chi sei. Dire che qualcun’altro ha un grande scopo per te e per la tua vita, sarebbe completamente sbagliato.

Tu sei così importante nel piano e nel proposito di Dio come mai nessun altro individuo che sia mai vissuto o che vivrà su questa terra. Egli vuole farti diventare simile a Cristo.“Il primo uomo, tratto dalla terra, è terrestre; il secondo uomo, che è il Signore, è dal cielo. Qual è il terrestre tali sono anche i terrestri; e qual è il celeste, tali saranno anche i celesti. E come abbiamo portato l’immagine del terrestre, porteremo anche l’immagine del celeste. (1 Corinzi 15:47-49).

Noi viviamo in questi nostri corpi umani che realmente sono stati tratti dalla polvere, e Dio ci ha fatto esseri umani, ma questo non è il suo scopo finale. Siamo terreni, ma Egli ci vuole celesti, ed è questo il suo obiettivo per noi. . . . Dio ha uno scopo per te e per me oggi. Siamo terreni, ma Egli ha uno scopo celeste per noi.Vedete, l’ideale dell’artista (che è lo Spirito Santo) è quello di renderci conformi all’immagine di Cristo. Lo scalpello che Egli usa è la disciplina del Signore – “Perché il Signore corregge chi ama” (Ebrei 12:6). E il martello è la Parola di Dio. Pertanto, possiamo dire con il salmista: “Quanto a me, per la giustizia vedrò la tua faccia; mi sazierò della tua presenza quando mi risveglierò.” (Salmo 17:15).

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Più Ci Sentiamo Deboli e Più Ci Affidiamo a Dio
    In Devotional
    di JONI EARECKSON TADA  –  Mi piace menzionare le persone che mi aiutano nel cammino con il Signore, soprattutto quelle che mi incoraggiano ad accettare una vita su una sedia a rotelle. J. I. Packer è il mio preferito. Credetemi, quando cito le sue parole è come se dicessi le mie: “Dio usa il dolore cronico e la sofferenza, così come le altre afflizioni, come lo scalpello per scolpire la nostra vita. Quando si attraversano momenti di debolezza si approfondisce la dipendenza quotidiana dalla forza di Cristo. Quanto più ci sentiamo deboli, tanto più ci affidiamo a Lui. E quanto più ci affidiamo al Signore, tanto più cresciamo [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)
    di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in senso biblico. Le parole di Gesù nel versetto citato ci ricordano che c’è una caratteristica che identifica un Suo seguace, un Suo discepolo,  cioè un vero cristiano: essere un testimone!   Un testimone di Gesù è un vero cristiano e un vero cristiano è un testimone di Gesù. […]
  • Dove sei?
    di D. L. Moody    –    La primissima cosa che accadde quando fu giunta in cielo la notizia della caduta dell’uomo, fu che Dio discese alla ricerca del perduto. Mentre Egli cammina attraverso il giardino nella brezza del giorno lo sentiamo chiamare: “Adamo! Adamo! Dove sei?”. Era la voce della grazia, della misericordia, e dell’amore. Dal momento che era Adamo il trasgressore, avrebbe dovuto essere lui a cercare Dio. Essendo caduto, avrebbe dovuto cercare in tutto Eden gridando: “Dio mio! Dio mio! Dove sei?”. Ma invece fu Dio a lasciare i cieli per cercare nell’oscurità del mondo il ribelle che era caduto – non per cancellarlo dalla faccia della terra, ma per trovare per lui un modo di sottrarlo alla miseria del suo peccato. E infine lo […]
  • Cosa significa essere un servo.
    di Brian L. Harbour  –  Dopo la conversione, molti credenti si chiedono: “E adesso? Ora che sono stato riscattato dalla schiavitù di Satana e liberato dal peso dei miei peccati, cosa devo fare?”. Nell’introduzione della sua epistola a Tito, Paolo dà una risposta a questo interrogativo coll’appellativo che applicava a sé stesso. Lui si definiva: “Servo di Gesù Cristo”. Diverse parole greche hanno il significato di servo. “Diaconos” era il servo che ministrava. “Therapon”era l’assistente. “Oiketes” era il servo domestico. “Misthios” era un servo ad ore. Paolo non usa nessuna di queste parole nel testo. Utilizza la parola “doulos”, che letteralmente significa “schiavo”, un nomo, cioè, che ha una […]
  • Promessa per oggi: QUANDO SORGE UN PROBLEMA, INVOCAMI E IO TI RISPONDERÒ.
    Io t’invoco nel giorno della mia avversità, perché tu mi risponderai. (Salmo 86:7) Gesù ci ha detto che nel mondo avremo problemi. Ha continuato incoraggiandoci a rimanere contenti perché Egli ha vinto il mondo. In questo Salmo, David sta invocando il Signore perché ha bisogno di aiuto. David era consapevole delle tante promesse che Dio aveva fatto ad Israele, ed era perciò sicuro che nel momento della difficoltà Dio gli avrebbe risposto. A volte ho pensato che Dio è lì per aiutarmi ad affrontare grandi problemi, ma che mi lasci a cavarmela da solo, con le mie risorse, per i piccoli problemi che sorgono quotidianamente. Credo che Dio è pronto, disposto e in grado di aiutarmi in qualunque problema io debba affrontare oggi. Grande o piccolo. Ha promesso di essere un Padre per me, “e […]
  • Meditazione del giorno: FEDE VERA
    di George Muller    –   “La fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono; …Per fede intendiamo che l’universo è stato formato per mezzo della parola di Dio, sì che le cose che si vedono non vennero all’esistenza da cose apparenti.” ( Ebrei 11:1;3). PRIMO: CHE COS’È LA FEDE? Nel modo più semplice in cui sono capace di esprimermi, io rispondo: La fede è la garanzia che ciò che Dio ha detto nella Sua Parola è vero, e che Dio agirà in base a ciò che ha detto nella Sua Parola. Questa certezza, questa dipendenza dalla Parola di Dio, questa fiducia è la FEDE. LE IMPRESSIONI NON SONO DA PRENDERE IN RELAZIONE CON LA FEDE. Le impressioni non hanno assolutamente niente a che fare con la fede. La fede ha a che fare con la Parola […]
  • Essere ripieni di Spirito Santo
    di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare.   Egli disse agli altri che se volevano potevano attendere, ma lui andava via. Immaginate la sua delusione, quando il giorno dopo ha saputo che tutti gli altri  in quella stanza sono stati battezzati con lo Spirito Santo e col  fuoco e rivestiti della potenza dall’alto.  Come era stato vicino alla risposta. Se solo avesse aspettato un giorno in più ….. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti