Meditazione del giorno: La preghiera del pubblicano.

di GIOVANNI ROSTAGNO –  O Dio sii placato verso me peccatore. (Luca 18:13)  E cosi dicendo il pubblicano si batteva il petto. L’altro, il fariseo, stando in pie, con la fronte alta, con lo guardo sicuro, senza chiedere nulla perché gli pareva di non aver bisogno di nulla, in una preghiera che non era una preghiera perché da essa  erano esenti la coscienza ed il cuore, enumerava  all’Eterno i peccati che aveva saputo evitare e i doveri religiosi che aveva compiuto scrupolosamente; e mentre pareva che rendesse grazie a Dio per tutto ciò, egli in fondo, non faceva che congratularsi con se stesso.

E il pubblicano? – Osservate il suo umile atteggiamento: egli si teneva lontano, quasi stimandosi indegno di avvicinarsi ai santuario; e con gli occhi bassi, quasi temendo di incontrare, in alto, lo sguardo del suo Giudice. Osservate la sua confessione: Me peccatore. E’ la confessione di chi ammette interamente, e senza invocare nulla che le attenui, la propria colpa e la propria responsabilità.  Osservate la sua preghiera: O Dio sii placato!

E’ la preghiera di chi riconosce che l’Eterno offeso nel suo amore avrebbe tutte le ragioni   per essere implacabile verso il colpevole; e la preghiera di chi, dopo il pentimento completo, aspetta il perdono completo dalla misericordia inesauribile del Padre Celeste. Ed osservate l’angoscia  che accompagna  ciascun atto, ciascuna parola: egli si batteva il petto. In quella angoscia vi era  ad un tempo la condizione  della grazia e la sorgente d‘una vita rinnovata.

Avete conosciuto il dolore, le delusioni  crudeli,  fronde e fiori della vita strappati dagli anni che passano, infermità irreparabili dei vostri cari, affetti infranti, perdite immature, tenebre di morte; ed io domando al Signore di lenire la vostra sofferenza e di allontanare da voi il calice. Eppure vi è una angoscia che se mancasse a quella corona di dolori, io vi augurerei;  l’angoscia senza la quale sarebbe vano sperare il perdono dell`Eterno ed  il perfezionamento della vostra vita; l’angoscia che al pubblicano faceva esclamare: O Dio, sii placato verso  me peccatore.

 

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Quanto sono pulite le tue mani?
    In Devotional
    di Warren Wiersbe  –  Leggere Salmo 18:20-29  –  Non importa quanto siano difficili le nostre prove, se abbiamo le mani pulite, Dio le riempirà di benedizioni. “Il Signore mi ha ricompensato secondo la mia giustizia, mi ha reso secondo la purezza delle mie mani” (v. 20). “Perciò il Signore mi ha ripagato secondo la mia giustizia, secondo la purezza delle mie mani in sua presenza” (v. 24). Le mani di Davide erano pulite. I suoi nemici volevano colpirlo – erano coloro che stavano alla corte di Saul e volevano la sua attenzione ed il suo affetto. Essi attaccavano Davide dicendo: “Saul, Davide ha detto [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • POTENZA
    di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri per Cristo, ma anche quando non giunsero al sacrificio della vita, furono la manifestazione luminosa della potenza e della grazia di Dio. La franchezza, la sapienza, il coraggio, ma soprattutto la santità, l’amore, il servizio furono in questi credenti e attraverso questi credenti l’evidenza della potenza divina. “Il peccato non vi […]
  • BIOGRAFIE: GEORGE MULLER
    George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo la camera ecclesiastica nella Chiesa di Stato Luterana era una prospettiva sicura e piuttosto confortevole, con l’incentivo aggiunto di una grande casa, provveduta ai pastori per poter sistemare la propria famiglia, e di un considerevole rispetto da parte dell’intera comunità. Non stupisce affatto, quindi, che la prevalente condizione spirituale della […]
  • LA PREGHIERA
    di LEONARD RAVENHILL    –   Il Vangelo Della Preghiera  –   Non v’è niente di più trasfigurante della preghiera. Le persone spesso dicono: “Perché insisti tanto sull’argomento della preghiera?”  La risposta è  molto semplice: perché Gesù stesso lo ha fatto. Potresti cambiare il titolo del Vangelo secondo S. Luca in  “Vangelo della Preghiera”. Esso infatti racconta la vita di preghiera di Gesù. Gli altri evangelisti dicono che Gesù era nel Giordano e lo Spirito discese su di Lui. come una colomba, Luca dice che mentre Egli pregava  lo Spirito discese su di Lui. Gli altri evangelisti dicono che Gesù […]
  • L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.
    di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore. Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è chi ha paura della malattia: ogni epidemia ed ogni sintomo di male sono causa di preoccupazioni. A qualcuno lo spettro della prematura morte di un parente stretto lo induce a pronosticare la sua propria morte prematura: così morirò anch’io. Altri al solo pensare d’essere […]
  • E’ pericoloso “beffarsi” dell’Iddio Onnipotente.
    Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume’. Nel periodo 1948-1952 in oltre ottanta diverse località d’Italia si manifestarono atti di intolleranza e persecuzione con chiusura di locali di culto, denunce all’Autorità Giudiziaria e in alcuni casi perfino abuso di autorità da parte delle forze dell’ordine. Va precisato tuttavia che […]
  • QUELL’UOMO PUOI ESSERE TU
     di ROBERTO BRACCO   –   Il mondo non ha ancora veduto quello che Dio può fare per un uomo, in un uomo, attraverso un uomo! Un uomo che sappia consacrare se stesso fino al punto di dipendere soltanto da Dio, da desiderare soltanto la gloria di Dio, da cercare esclusivamente l’approvazione di Dio può realizzare tutta la potenza necessaria per sorprendere e sconvolgere il mondo. Le testimonianze che sono state rese al mondo, attraverso i secoli che ci hanno preceduti, sono state, indubbiamente, testimonianze luminose di potenza e di santità, ma nessuna di esse ha espresso la gloria di Dio nella sua pienezza. Eppure abbiamo letto di uomini, donne, giovani che hanno affrontato il martirio con serenità, con fermezza; abbiamo letto pagine sublimi che ci hanno posto davanti alla […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti