Meditazione del giorno: La preghiera del pubblicano.

di GIOVANNI ROSTAGNO –  O Dio sii placato verso me peccatore. (Luca 18:13)  E cosi dicendo il pubblicano si batteva il petto. L’altro, il fariseo, stando in pie, con la fronte alta, con lo guardo sicuro, senza chiedere nulla perché gli pareva di non aver bisogno di nulla, in una preghiera che non era una preghiera perché da essa  erano esenti la coscienza ed il cuore, enumerava  all’Eterno i peccati che aveva saputo evitare e i doveri religiosi che aveva compiuto scrupolosamente; e mentre pareva che rendesse grazie a Dio per tutto ciò, egli in fondo, non faceva che congratularsi con se stesso.

E il pubblicano? – Osservate il suo umile atteggiamento: egli si teneva lontano, quasi stimandosi indegno di avvicinarsi ai santuario; e con gli occhi bassi, quasi temendo di incontrare, in alto, lo sguardo del suo Giudice. Osservate la sua confessione: Me peccatore. E’ la confessione di chi ammette interamente, e senza invocare nulla che le attenui, la propria colpa e la propria responsabilità.  Osservate la sua preghiera: O Dio sii placato!

E’ la preghiera di chi riconosce che l’Eterno offeso nel suo amore avrebbe tutte le ragioni   per essere implacabile verso il colpevole; e la preghiera di chi, dopo il pentimento completo, aspetta il perdono completo dalla misericordia inesauribile del Padre Celeste. Ed osservate l’angoscia  che accompagna  ciascun atto, ciascuna parola: egli si batteva il petto. In quella angoscia vi era  ad un tempo la condizione  della grazia e la sorgente d‘una vita rinnovata.

Avete conosciuto il dolore, le delusioni  crudeli,  fronde e fiori della vita strappati dagli anni che passano, infermità irreparabili dei vostri cari, affetti infranti, perdite immature, tenebre di morte; ed io domando al Signore di lenire la vostra sofferenza e di allontanare da voi il calice. Eppure vi è una angoscia che se mancasse a quella corona di dolori, io vi augurerei;  l’angoscia senza la quale sarebbe vano sperare il perdono dell`Eterno ed  il perfezionamento della vostra vita; l’angoscia che al pubblicano faceva esclamare: O Dio, sii placato verso  me peccatore.

 

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PIÙ VOLENTIERI AL MERCATO CHE NEL SANTUARIO

di Vance Havner  –  «A chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato» (Matteo 11:16,17). Oggi molti cristiani giocano alla religione. Essi si trovano perfettamente a loro agio in questo mondo: vivono serenamente, comprano, vendono, acquistano, guadagnano; la loro mente è tutta dedita ai profitti e …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

Leonard Ravenhill

VIDEO –   “Siamo disposti a bere dalla Sua coppa?”   –   Un altro sermone di Leonard Ravenhill che tratta di un tema fondamentale specialmente in questi giorni di caos e corruzione nella Chiesa, il risveglio! Tutti lo vogliono, ma nessuno prega per averlo, tutti ne parlano ma nessuno lo vuole, per avere un risveglio bisogna pagare un prezzo tremendo, un prezzo che lo stesso Gesù ha …
Leggi Tutto

LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)

di Agostino Masdea   –  Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino …
Leggi Tutto

Il vero risveglio

di Charles H. Spurgeon – Messaggio di Charles H. Spurgeon ai suoi predicatori Come possiamo attenderci di ricevere una benedizione se siamo pigri nel richiederla? Come possiamo aspettarci una nuova Pentecoste se non c’incontriamo mai in un medesimo luogo per cercare il Signore? Fratelli, non vedremo mai un grande cambiamento, un marcato progresso spirituale nelle nostre chiese finché la riunione di preghiera non occuperà un posto primario nella …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Venite a me

Sermone di Roberto Bracco …
Leggi Tutto

Le Condizioni del Discepolato

di WILLIAM MACDONALD – Il vero cristianesimo è un impegno totale verso il Signore Gesù. Il Salvatore non cerca uomini e donne che gli vogliano dedicare le loro serate libere od i loro week-end, o ancora gli ultimi anni della loro vita, quando vanno in pensione. Egli ricerca piuttosto chi gli voglia dare il primo posto nella propria vita. Secondo le parole di Evan Hopkins Egli cerca oggi, …
Leggi Tutto

cross-and-fire

di THOMAS BALL BARRATT  (1862-1940) – (Fondatore del Movimento Pentecostale in Norvegia)  –  Sia lodato il Signore! Vi sono molti cristiani, sia tra i ministri del Vangelo e sia tra i laici, che pregano per il risveglio ed attendono. Essi hanno già udito il suono di molte acque. Il risveglio sta per venire, il risveglio sta per venire! Alleluia! Quando sarà venuto, molti di coloro che hanno pregato …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti