Meditazione del giorno: La preghiera del pubblicano.

di GIOVANNI ROSTAGNO –  O Dio sii placato verso me peccatore. (Luca 18:13)  E cosi dicendo il pubblicano si batteva il petto. L’altro, il fariseo, stando in pie, con la fronte alta, con lo guardo sicuro, senza chiedere nulla perché gli pareva di non aver bisogno di nulla, in una preghiera che non era una preghiera perché da essa  erano esenti la coscienza ed il cuore, enumerava  all’Eterno i peccati che aveva saputo evitare e i doveri religiosi che aveva compiuto scrupolosamente; e mentre pareva che rendesse grazie a Dio per tutto ciò, egli in fondo, non faceva che congratularsi con se stesso.

E il pubblicano? – Osservate il suo umile atteggiamento: egli si teneva lontano, quasi stimandosi indegno di avvicinarsi ai santuario; e con gli occhi bassi, quasi temendo di incontrare, in alto, lo sguardo del suo Giudice. Osservate la sua confessione: Me peccatore. E’ la confessione di chi ammette interamente, e senza invocare nulla che le attenui, la propria colpa e la propria responsabilità.  Osservate la sua preghiera: O Dio sii placato!

E’ la preghiera di chi riconosce che l’Eterno offeso nel suo amore avrebbe tutte le ragioni   per essere implacabile verso il colpevole; e la preghiera di chi, dopo il pentimento completo, aspetta il perdono completo dalla misericordia inesauribile del Padre Celeste. Ed osservate l’angoscia  che accompagna  ciascun atto, ciascuna parola: egli si batteva il petto. In quella angoscia vi era  ad un tempo la condizione  della grazia e la sorgente d‘una vita rinnovata.

Avete conosciuto il dolore, le delusioni  crudeli,  fronde e fiori della vita strappati dagli anni che passano, infermità irreparabili dei vostri cari, affetti infranti, perdite immature, tenebre di morte; ed io domando al Signore di lenire la vostra sofferenza e di allontanare da voi il calice. Eppure vi è una angoscia che se mancasse a quella corona di dolori, io vi augurerei;  l’angoscia senza la quale sarebbe vano sperare il perdono dell`Eterno ed  il perfezionamento della vostra vita; l’angoscia che al pubblicano faceva esclamare: O Dio, sii placato verso  me peccatore.

 

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Pace e Sicurezza

Un messaggio profetico di David Wilkerson –  “Quando diranno: «Pace e sicurezza», allora una rovina improvvisa verrà loro addosso, come le doglie alla donna incinta; e non scamperanno. Ma voi, fratelli, non siete nelle tenebre, così che quel giorno abbia a sorprendervi come un ladro” (1 Tess. 5:3 – 4). Proprio in questo momento il mondo è in subbuglio e la gente si chiede: “Stiamo vedendo il ripetersi …
Leggi Tutto

CASA TUA!

di FILIPPO WILES   –   Quanti sermoni il lettore avrà ascol­tato sulla parola che Gesù rivolse a Zaccheo: «Scendi presto, perché oggi debbo albergare in casa tua».  Credo di non sbagliarmi quando di­co che l’interpretazione data a queste parole è, nella maggioranza dei casi, spirituale, cioè una interpretazione fi­gurativa, essendo la casa  paragonata alla nostra vita. Poche sono le volte quando sono prese alla lettera. Ebbene il messaggio che …
Leggi Tutto

IL BISOGNO DEL MOMENTO

di BILLY GRAHAM              Il mondo oggi ha ancora un disperato bisogno di risveglio spirituale. É la sola speranza di sopravvivenza della razza umana. In mezzo ai problemi che il mondo deve affrontare, i cristiani sono stranamente silenziosi e impotenti, quasi sopraffatti dalla marea del secolarismo.Eppure, proprio loro sono chiamati ad essere “il sale della terra” (Mt 5,13), che impedisce ad un mondo in decadenza di corrompersi ulteriormente. I …
Leggi Tutto

LA CHIESA ECUMENICA

TIM LA HAYE  –   “E uno dei sette angeli che aveva le sette coppe venne, e mi parlò dicendo: Vieni; io ti mostrerò il giudizio della gran meretrice”  (Apocalisse 17:1,6) Circa vent’anni or sono, un mio zio, il dottor E.W. Palmer, che per cinquant’anni ha annunziato l’Evangelo, era pastore di una grande chiesa in Oak Park. Illinois. Durante un culto che egli presiedette a Minneapolis, lo udii affermare …
Leggi Tutto

IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio. Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore. Se …
Leggi Tutto

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

IL GRANELLO DI FRUMENTO

Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il …
Leggi Tutto

SOTTO IL SOLE

di BILLY SUNDAY  –   ″Che profitto ha l’uomo di tutta la fatica che sostiene sotto il sole?″  (Ecclesiaste 1:3)    –   È lo stesso re Salomone a formulare questa domanda e a darle una risposta. Nel modo d’esprimersi contemporaneo, significa più o meno: ″Che bene ricava un uomo da questa vita, se vive solamente per le cose che può dare il mondo?″ Se c’è mai stato qualcuno in …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti