Meditazione del giorno: La preghiera del pubblicano.

di GIOVANNI ROSTAGNO –  O Dio sii placato verso me peccatore. (Luca 18:13)  E cosi dicendo il pubblicano si batteva il petto. L’altro, il fariseo, stando in pie, con la fronte alta, con lo guardo sicuro, senza chiedere nulla perché gli pareva di non aver bisogno di nulla, in una preghiera che non era una preghiera perché da essa  erano esenti la coscienza ed il cuore, enumerava  all’Eterno i peccati che aveva saputo evitare e i doveri religiosi che aveva compiuto scrupolosamente; e mentre pareva che rendesse grazie a Dio per tutto ciò, egli in fondo, non faceva che congratularsi con se stesso.

E il pubblicano? – Osservate il suo umile atteggiamento: egli si teneva lontano, quasi stimandosi indegno di avvicinarsi ai santuario; e con gli occhi bassi, quasi temendo di incontrare, in alto, lo sguardo del suo Giudice. Osservate la sua confessione: Me peccatore. E’ la confessione di chi ammette interamente, e senza invocare nulla che le attenui, la propria colpa e la propria responsabilità.  Osservate la sua preghiera: O Dio sii placato!

E’ la preghiera di chi riconosce che l’Eterno offeso nel suo amore avrebbe tutte le ragioni   per essere implacabile verso il colpevole; e la preghiera di chi, dopo il pentimento completo, aspetta il perdono completo dalla misericordia inesauribile del Padre Celeste. Ed osservate l’angoscia  che accompagna  ciascun atto, ciascuna parola: egli si batteva il petto. In quella angoscia vi era  ad un tempo la condizione  della grazia e la sorgente d‘una vita rinnovata.

Avete conosciuto il dolore, le delusioni  crudeli,  fronde e fiori della vita strappati dagli anni che passano, infermità irreparabili dei vostri cari, affetti infranti, perdite immature, tenebre di morte; ed io domando al Signore di lenire la vostra sofferenza e di allontanare da voi il calice. Eppure vi è una angoscia che se mancasse a quella corona di dolori, io vi augurerei;  l’angoscia senza la quale sarebbe vano sperare il perdono dell`Eterno ed  il perfezionamento della vostra vita; l’angoscia che al pubblicano faceva esclamare: O Dio, sii placato verso  me peccatore.

 

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Un Salvatore vivente!

Atti 2:22-36   –   La madre di un bambino di nove anni, di nome Marco, nel bel mezzo del pomeriggio ricevette una telefonata. Era l’insegnante di suo figlio che chiamava dalla scuola.  ” Mrs. Smith, qualcosa di strano è successo oggi in classe (terza elementare) di suo figlio. Suo figlio mi ha sorpresa così tanto con qualcosa che penso lei debba sapere subito.” La mamma cominciò a preoccuparsi.  L’insegnante …
Leggi Tutto

mp3

Tutte le cose cooperano al bene  (Romani 8:28) …
Leggi Tutto

Crescita spirituale

di Agostino Masdea   –   “Colui che ha cominciato un’opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù”. (Filippesi 1:6) La Parola di Dio mette il credente davanti all’ineluttabile necessità di un costante cambiamento. Non solo un cambiamento iniziale, alla conversione, ma una trasformazione progressiva operata dallo Spirito Santo nella misura in cui il credente si arrende alla Sua opera.  A Nicodemo Gesù …
Leggi Tutto

LA SPOSA SI PREPARA (Ruth 3:1-6)

di Agostino Masdea  –   Abbiamo visto nella meditazione precedente come Ruth comincia a esperimentare la grazia e la provvidenza Divina, e anche se costretta dalle circostanze ad un umile lavoro, inizia a scoprire che quell’Iddio che ha scelto di adorare e servire al posto dei suoi falsi dei moabiti, è un Dio fedele e misericordioso. Abbiamo anche paragonato la sua figura alla figura della chiesa di Gesù Cristo, …
Leggi Tutto

DOVE SONO I VERI PROFETI?

di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I …
Leggi Tutto

DIO PARLA ANCORA

di BILLY GRAHAM  –  I diplomatici pensano che la diversità delle lingue sia il motivo basilare delle incomprensioni internazionali. Noi scopriamo però che le radici delle difficoltà internazionali sono più profonde. Nonostante che i mezzi di comunicazione siano migliori non ci siamo avvicinati maggiormente alla pace. La violazione della legge e le rivoluzioni inondano la terra. Le Nazioni Unite si riuniscono a New York e si comprendono sempre …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Venite a me

Sermone di Roberto Bracco …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Potete riposare sulla Mia promessa di vita eterna.

“…nella speranza della vita eterna, promessa prima di tutte le età da Dio, che non può mentire.” Tito 1:2  –  Paolo scrisse questo messaggio a Tito duemila anni fa e dopo duemila anni è ancora rilevante quanto lo era quando fu scritto … Possiamo sperare nella promessa della vita eterna che Dio ci ha assicurato prima che il mondo avesse inizio, perché Dio non può mentire. Questa verità …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti