Meditazione del giorno: Dobbiamo amarci gli uni gli altri.

di GIOVANNI ROSTAGNO  –  Non è sempre facile di amare veramente, e di quell’amore che porta il suggello più autentico dell’abnegazione e del sacrificio. Nell’ora, per esempio, del disinganno, o dell’ingratitudine o dell’odio che ci colpisce e che ci turba il cuore, dove troveremo noi la forza per amare così? Da quale sorgente attingeremo noi le onde pure della carità? — Ce lo dirà l’apostolo stesso che ci esorta all’amore.

Sappiamo da tradizioni antichissime che, diventato nonagenario, in Efeso San Giovanni soleva farsi trasportare nelle assemblee cristiane, dov’egli si limitava ormai ad ammonire: «Figlioletti miei, amatevi gli uni gli altri». I fedeli ascoltavano; e poi, desiderosi di altre parole: «O tu — dicevano — che hai seguito i passi dell’Agnello e hai contemplato la sua gloria, parlaci ancora». E il vegliardo ripeteva: «Figlioletti miei, amatevi gli uni gli altri».

Orbene, l’apostolo non aveva sempre parlato cosi né dato per primo l’esempio dell’amore. Un giorno — com’era lontano!… eppure il ricordo non se ne era cancellato in lui — un giorno egli aveva chiesto a Gesù di poter far scendere il fuoco dal cielo, perché consumasse i Samaritani che non li avevano voluti albergare. Che cosa era dunque mai accaduto di poi? Che cosa mai aveva potuto operare nell’apostolo una cotale trasformazione? Onde aveva egli attinto la virtù dell’amore, dopo aver tanto odiato? Voi lo sapete. Ricordatevi della scena commovente, la sera del giovedì santo nella stanza dove il Maestro celebrava coi discepoli l’ultima Pasqua: Giovanni era andato a posare la sua fronte sul seno del Redentore.

Ed ora son persuaso che avete compreso. Se volete aver la forza di amare dovete andare anche voi a chinare la fronte sul seno di Gesù. Il seno di Gesù: ecco la sorgente dalla quale scaturiscono in eterno le energie, la costanza e le gioie supreme dell’amore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

BEATI I MORTI...

di Roberto Bracco   –   E udii una voce dal cielo che diceva: «Scrivi: beati i morti che da ora innanzi muoiono nel Signore. Sì, dice lo Spirito, essi si riposano dalle loro fatiche perché le loro opere li seguono».  (Apocalisse 14: 13) Questa parola ci vieta di “essere contristati” come coloro che vivono senza una speranza nel cuore. La tradizione umana e la liturgia ecclesiastica hanno dedicato il mese di novembre …
Leggi Tutto

IL MALE NASCOSTO

di Roberto Bracco   –   Fratello, hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver pronunciato un ispirato sermone, o dopo aver reso una testimonianza guidata, o dopo aver elevato una calda preghiera? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver compiuto una buona opera, o dopo aver fatto una generosa elargizione? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver ottenuto una vittoria spirituale, o dopo …
Leggi Tutto

CHI E' COSTUI?

di ROBERTO BRACCO – Coloro che avevano risposto all’appello del Maestro divino, che lo avevano seguito, che erano entrati nelle file dei suoi discepoli, avevano avuta la possibilità più degli altri di vedere le opere, di udire le parole di Cristo. La potenza soprannaturale del Redentore era stata messa in azione davanti a loro attraverso molteplici circostanze ed essi avevano veduto miracoli, guarigioni, liberazioni. Erano passati di meraviglia …
Leggi Tutto

"CARISMATICI"

di Roberto Bracco  –  «Fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno… » (Giovanni 7:38) Con questa potente espressione Gesù ha definito l’esperienza dei credenti ripieni di Spirito Santo; la frase chiarisce in maniera precisa e dettagliata il miracolo annunciato dal Signore ed offre quindi dei riferimenti dottrinali che non possono essere ignorati dalla teologia cristiana. Il « credente» che « riceve » (v. 39) lo Spirito non …
Leggi Tutto

VIDEO BATTESIMI 14 OTTOBRE 2012

Alcuni momenti del culto del 14 OTTOBRE, durante il quale 10 giovani sono scesi nelle acque del battesimo. (Video amatoriale e audio da telecamera))   …
Leggi Tutto

R.A.Torrey

di  R. A. TORREY –   Una delle storie più strane e più tristi dei fatti del Vecchio Testa­mento è quella di Sansone; essa è anche una delle più istruttive. Sansone era di gran lunga uno degli uomini più noti dei suoi giorni. Davanti a lui erano aperte le più grandi opportunità. Ma dopo un periodo di sorprendenti vittorie, la sua vita si concluse miseramente; e ciò a causa …
Leggi Tutto

"CERCANO IL LORO PROPRIO" (Filippesi 2:2)

di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in …
Leggi Tutto

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti