Meditazione del giorno: Dobbiamo amarci gli uni gli altri.

di GIOVANNI ROSTAGNO  –  Non è sempre facile di amare veramente, e di quell’amore che porta il suggello più autentico dell’abnegazione e del sacrificio. Nell’ora, per esempio, del disinganno, o dell’ingratitudine o dell’odio che ci colpisce e che ci turba il cuore, dove troveremo noi la forza per amare così? Da quale sorgente attingeremo noi le onde pure della carità? — Ce lo dirà l’apostolo stesso che ci esorta all’amore.

Sappiamo da tradizioni antichissime che, diventato nonagenario, in Efeso San Giovanni soleva farsi trasportare nelle assemblee cristiane, dov’egli si limitava ormai ad ammonire: «Figlioletti miei, amatevi gli uni gli altri». I fedeli ascoltavano; e poi, desiderosi di altre parole: «O tu — dicevano — che hai seguito i passi dell’Agnello e hai contemplato la sua gloria, parlaci ancora». E il vegliardo ripeteva: «Figlioletti miei, amatevi gli uni gli altri».

Orbene, l’apostolo non aveva sempre parlato cosi né dato per primo l’esempio dell’amore. Un giorno — com’era lontano!… eppure il ricordo non se ne era cancellato in lui — un giorno egli aveva chiesto a Gesù di poter far scendere il fuoco dal cielo, perché consumasse i Samaritani che non li avevano voluti albergare. Che cosa era dunque mai accaduto di poi? Che cosa mai aveva potuto operare nell’apostolo una cotale trasformazione? Onde aveva egli attinto la virtù dell’amore, dopo aver tanto odiato? Voi lo sapete. Ricordatevi della scena commovente, la sera del giovedì santo nella stanza dove il Maestro celebrava coi discepoli l’ultima Pasqua: Giovanni era andato a posare la sua fronte sul seno del Redentore.

Ed ora son persuaso che avete compreso. Se volete aver la forza di amare dovete andare anche voi a chinare la fronte sul seno di Gesù. Il seno di Gesù: ecco la sorgente dalla quale scaturiscono in eterno le energie, la costanza e le gioie supreme dell’amore.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE

di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece di pregare per qualcosa di definito molte persone pregano per ciò che li passa per la mente in quel momento. Questa non è …
Leggi Tutto

VENITE DIETRO A ME... (Matteo 4:19)

di Roberto Bracco   –  Gesù Cristo è “ogni cosa” per “ogni credente”; in Lui si risolvono tutti problemi, in Lui si compiono tutti programmi e in Lui, in Lui soltanto, si raggiungono tutte le mete. “Venite a me!” “Imparate da me! ” ” Dimorate in me! “… queste e tante altre espressioni analoghe a queste ci dichiarano che Gesù Cristo è il “capo” della chiesa, la “luce” della …
Leggi Tutto

Che devo fare?

di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello …
Leggi Tutto

PREDICAZIONE DEL PASTORE AGOSTINO MASDEA nella Chiesa Bethel di Milano …
Leggi Tutto

COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre …
Leggi Tutto

LA GIOIA

di GUIDO SCALZI – La natura umana è così fatta che non può vivere un attimo senza cercare un po’ di contentezza. Ma è ben difficile trovarla se non si cerca dove la si può trovare. Essa non può venire dalle ricchezze, dal danaro, dal buon successo o dagli amici; e neppure dalla buona salute. Questi sono elementi naturali che possono contribuire alla tranquillità della mente, ma non …
Leggi Tutto

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti