Meditazione del giorno: IL PADRE NOSTRO

Colon Carter
by Carter Conlon |  In Luca 11:2-4 Gesù ci insegnò come pregare. Esaminiamo brevemente alcune delle basi che Egli insegnò. “Padre nostro”— Dobbiamo capire che adesso siamo in relazione con Dio il Padre attraverso Gesù Cristo. Questo ci garantisce il diritto di andare davanti al Suo trono e far conoscere le nostre richieste.

Che sei nei cieli”— Le sue vie sono più alte delle nostre vie; i Suoi pensieri sono più alti dei nostri pensieri. Egli vive in un luogo di assoluta e totale vittoria. Non c’è possibilità di sconfitta in Dio.

Sia santificato il Tuo nome”— Possiamo fidarci del nome e della reputazione di Dio. Egli non ci dirà mai nulla che sia contrario alla verità.

Venga il Tuo Regno, sia fatta la Tua volontà, così in cielo come in terra”— Il modo in cui le cose esistono nel Suo cuore e nella Sua mente sono come dovrebbero essere sulla terra. Poiché tu ed io camminiamo con Dio, avremo un sempre crescente desiderio interiore di veder venire il Suo regno in gloria ed in potenza; di vedere la Sua volontà compiersi sulla terra come in cielo. C’è un cambiamento che deve prendere posto nelle nostre preghiere. Non dovrebbe più riguardare noi ma dovrebbe focalizzarsi sugli altri. È qui che si trova il vero potere della preghiera!

Dacci oggi il nostro pane quotidiano”— Dio ci provvederà il cibo quotidianamente così come noi lo chiediamo a Lui e ci farà comprendere che è Lui a provvedercelo.

E perdonaci i nostri peccati, perché anche noi perdoniamo a ogni nostro debitore”— Tu ed Io siamo ambasciatori del regno del perdono. Quindi è imperativo che noi perdoniamo gli altri, non essendo in grado di rappresentare il perdono di Dio sulla terra.

E non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno”— Dobbiamo fidarci di Dio affinché ci guidi e ci liberi, riconoscendo che non siamo astuti abbastanza da affrontare questa vita da soli. Ci inganniamo da soli fin nel profondo del nostro essere, credendo che ciò che pensiamo sia sotto la guida di Dio, anche se in realtà si tratta della guida del nostro cuore. Non dobbiamo semplicemente supporre che il sentiero sul quale stiamo sia giusto, anche se potrebbe sembrare così ai nostri occhi. Secondo le Scritture: “C’è una via che all’uomo sembra diritta, ma finisce con il condurre alla morte” (Proverbi 16:25).

 

 

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

TROVARE GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Libro di RUTH –  CAPITOLO 2   –   Introduzione. – Abbiamo visto nel cap. precedente che Ruth, nel paragone con Orpa, si differenzia, emerge e si impone alla nostra attenzione per il suo carattere. Qualcuno ha affermato che nessuna persona, se non è motivata da Dio, può fare ciò che fece Ruth. I. – RUTH, FIGURA DELLA CHIESA 1. – Il passaggio dalla terra …
Leggi Tutto

Una Testimonianza

di ROBERTO BRACCO – Lettura biblica: 1 Timoteo 1:12-20 – La storia di Saulo da Tarso, persecutore della Chiesa cristiana, fariseo zelante, difensore della fede giudaica, è troppo nota per aver bisogno di essere ricordata, ma la testimonianza che egli rende, attraverso questa pagina della sua lettera a Timoteo, esprime un messaggio così vivo, così attuale, da non poter essere ignorato. In poche parole, l’apostolo mette a fuoco …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono un padre per gli orfani e difendo la causa delle vedove.

Dio è padre degli orfani e difensore delle vedove nella sua santa dimora; (Salmo 68:5) È confortante sapere che Dio promette di essere un padre per l’orfano. In questa generazione di orfani nella quale viviamo, c’è un grande bisogno come non mai dell’amore di un padre. Con quasi il 50% delle famiglie, nei paesi occidentali, finite in divorzio, c’è un grido che oggi ripete quello dei discepoli di Gesù …
Leggi Tutto

SOTTO IL SOLE

di BILLY SUNDAY  –   ″Che profitto ha l’uomo di tutta la fatica che sostiene sotto il sole?″  (Ecclesiaste 1:3)    –   È lo stesso re Salomone a formulare questa domanda e a darle una risposta. Nel modo d’esprimersi contemporaneo, significa più o meno: ″Che bene ricava un uomo da questa vita, se vive solamente per le cose che può dare il mondo?″ Se c’è mai stato qualcuno in …
Leggi Tutto

CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO  ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.    (Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.) Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano …
Leggi Tutto

L'ORGOGLIO, IL GRANDE PECCATO

di C.S. Lewis   Tratto dal libro: Mere Christianity. Che posto occupa l’orgoglio nella nostra vita? Sappiamo che è il peccato più subdolo, spesso mascherato sotto forma di umiltà! É indispensabile che il cristiano autentico esamini se stesso e riconosca le proprie lacune prima di poter progredire nella conoscenza di Dio e arrivare ad essere utile agli altri. Riconoscere l’errore in noi stessi spalanca tutte le porte a Dio, che …
Leggi Tutto

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti