Meditazione del giorno: Un passero sperduto.

di BOB GASS –  “Anche il passero trova una casa… presso i tuoi altari  SALMI 84:3 –   Un passero sperduto. La popolare serie televisiva americana “Lost” è ambientata su un’isola sperduta, tra i sopravvissuti disastro aereo. Racconta di come queste persone hanno ricostruito la loro vita. Il successo di questa serie è da cercare nella possibilità offerta allo spettatore di immedesimarsi nella situazione, di provare una ricostruzione dopo una grande batosta. La perdita è un’esperienza comune a tutti. Potremmo aver perduto il matrimonio, il lavoro, la casa, la fiducia in noi stessi, la sicurezza e molto altro ancora. Gesù, però, “…è venuto per cercare e salvare ciò che era perduto” (Luca 19:10).

Diversamente da noi, Egli non parlava di “buoni” e “cattivi, bensì solo di “perduti”.  Sapeva che queste persone avevano smarrito la strada, perso i loro valori, la loro capacità di affrontare le situazioni, la fede e, spesso, anche la ragione di vita ma, nonostante questo, è andato a cercarli. Possiamo citare, ad esempio, la donna al pozzo, con cinque divorzi alle spalle e una convivenza in atto; il paralitico rimasto accanto alla piscina di Bethesda per 38 anni, senza che nessuno andasse ad aiutarlo; Maria, che ha pianto sulla tomba di colui che amava più d’ogni altro. Qualora tu fossi perduto, puoi, oggi, rivolgerti al Signore.

“Anche il passero si trova una casa e la rondine un nido dove posare i suoi piccini… [presso] i tuoi altari, o SIGNORE… Beati quelli che abitano nella tua casa e ti lodano sempre!” (Salmo 84:3-4). Puoi “tornare a casa”, presso Dio, costruire il tuo nido e far crescere la tua famiglia all’ombra della sua protezione; puoi sentirti pienamente sicuro accanto a Lui. Mentre t’inginocchi per adorarlo, Egli ti solleverà e ti farà nuovamente sentire prezioso. Ti libererà dalla paura del rifiuto e della solitudine.
Non puoi nasconderti da Dio; puoi, però, nasconderti in Lui.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Il frutto dello Spirito
    In Devotional
    di ROBERTO BRACCO  –  La verità centrale nell’opera della grazia è costituita dalla «nuova nascita» e cioè da quella rigenerazione che si compie per la potenza dell’acqua e dello «Spirito». Questa verità stabilisce che soltanto le opere compiute dalla «nuova creatura» sono accettevoli davanti a Dio; queste opere sono le opere dello Spirito, possiamo ben dire il «frutto» dello Spirito. Con troppa facilità ci lasciamo ingannare dagli elementi che dovremmo invece saper valutare e discernere; un «buon» carattere umano, una elevata educazione sociale, una ottima morale ecclesiastica sono per noi soddisfacenti sostituzioni del [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • MATRIMONIO PROFETICO (Ruth cap. 4)
    – Abbiamo visto nella meditazione  precedente come Naomi consigliò Ruth per ottenere il suo diritto ad esser riscattata, come prescriveva la legge di Mosè. Abbiamo visto come Ruth si presentò nell’aia di Boaz, e abbiamo applicato questa figura alla chiesa che deve prepararsi ad incontrare il Suo Sposo, il Suo Redentore, Cristo il Signore. – Oggi vedremo come i piani di Dio si compiono meravigliosamente e finalmente questa bellissima storia d’amore si concretizza: Ruth si sposa con Boaz, dopo che questi la redime e la riscatta. Ruth, una donna pagana, gentile, e abbiamo detto è figura della chiesa, di quella chiesa riscattata dal sangue prezioso dell’Agnello di Dio, Gesù, che ha dato la Sua vita per lei. – Boaz, come Naomi aveva previsto, non perse tempo. Appena fu giorno […]
  • 23894
    Sermone di Roberto Bracco:  “Sono nati da Dio” – Giovanni 1:1-14” “ma a tutti coloro che lo hanno ricevuto, egli ha dato l’autorità di diventare figli di Dio, a quelli cioè che credono nel suo nome, i quali non sono nati da sangue, né da volontà di carne, né da volontà di uomo, ma sono nati da Dio. ” […]
  • DITECI DELLE COSE PIACEVOLI (Isaia 30: 10)
    di ROBERTO BRACCO   –   Il compito del servitore di Dio è stato sempre quello di predicare cose spiacevoli alla natura umana. Egli, attraverso tutte le età, è stato sospinto a colpire duramente e con parole di fuoco tutti i vizi, le passioni, le turpitudini degli uomini. Per questo unico motivo il ministero dei santi ha provocato sempre le più violente reazioni e le parole da essi pronunciate sono riuscite gradite soltanto ad una sparuta minoranza nel mondo e nella chiesa. Gli uomini amano ascoltare discorsi piacevoli. Non vogliono essere individuati, denudati, sferzati, anzi chiedono parole che possano essere ascoltate con lo stesso godimento con il quale si potrebbe ascoltare una dolce melodia (Ezechiele 33:32). […]
  • BIOGRAFIE: Hudson Taylor 1832 – 1905
    “Un giovane venuto dal nulla”, il cui impatto sulle missioni cristiane fu uguale, se non superiore a quello di William Carey.  Hudson Taylor fu, nei 19 secoli che seguirono il ministero dell’apostolo Paolo, il missionario che ebbe la visione più ampia e che portò a compimento in modo sistematico il più grande piano di evangelizzazione in una vasta zona geografica. Il suo obiettivo era di raggiungere l’intera Cina con i suoi quattrocento milioni di abitanti. La Missione per l’interno della Cina fu una sua creazione e diventò un modello per le missioni di fede che sorsero nel futuro. Nel corso della sua vita, il gruppo di missionari da lui guidati oltrepassò il numero di 800, e continuò a crescere nei decenni successivi alla sua morte.La storia di Taylor è una […]
  • AMOR PROPRIO
      L’amor proprio è un incentivo efficace dell’azione e si possono enumerare intere moltitudini di uomini che hanno compiuto imprese eroiche o durature sotto lo stimolo di questo sentimento umano. Anche nel mondo religioso l’amor proprio ha il suo posto onorevole e riesce ad ispirare e promuovere le opere più gigantesche e le imprese più impegnative. Molti programmi missionari, molte attività assistenziali e moltissime opere comunitarie sono il risultato diretto di azioni suscitate dall’amor proprio. […]
  • VAI, IO MANDO TE!
    di MIKE BROWN  –  Il cuore di Dio è un cuore missionario. Egli desidera che il popolo che ha creato viva con Lui per sempre. Questo è il primo motivo per cui ci ha creato, affinché potessimo avere comunione con Lui, conoscerlo e così essere Suoi. Ciò era, ed è il Suo cuore. Egli, dopo tutto, è chiamato il Padre celeste.  La caduta dell’uomo non ha cambiato le cose. Dio non ebbe nessun piacere nel portare Adamo fuori dal giardino. Si addolorò per lo stato di peccato della razza umana, prima di distruggere il mondo con il diluvio; avrebbe piuttosto voluto vedere ravvedimento! Ezechiele scrisse: «Provo io forse piacere se l’empio muore? Dice il Signore, l’Eterno. Non ne trovo piuttosto quand’egli si converte dalle sue vie» (Ez. 18:23) Egli è un Dio di vita e non […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti