Meditazione del giorno: Un passero solitario


di BOB GASS – Il salmista scrive:
Sono come il passero solitario sul tetto” (Salmo 102:79).  
Il tuo nido è stato spazzato via dalla tempesta? Hai perso il compagno di una vita? Questo è qualcosa che riguarda Gesù. I discepoli non sempre capivano il loro Maestro, tant’è che , in un’occasione, avevano discusso su chi, tra loro, fosse il più grande. Non furono in grado di pregare con lui nell’ora più buia; Lo abbandonarono. Gesù sulla croce gridò: “…«Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?»” (Matteo 27:46).  Circola  una storia che fa sorridere ed è quella di una donna che, dopo  aver appoggiato un paio di pantaloni sulla sponda del letto, prega intensamente in questo modo: “Padre che sei in cielo, . Ci fa sorridere,  è vero, ma, seriamente, la solitudine può essere devastante  per il nostro spirito. I giovani si chiedono se troveranno mai la  persona giusta con cui formare una famiglia, mentre, gli anziani,  temono di ritrovarsi soli al termine della vita. Dio sapeva quanto  Adamo, da solo, fosse incompleto, quindi non solo creò Eva,  ma li fece incontrare e unire. Ebbene, può fare lo stesso con  noi e qualora fossi vedovo o scapolo e desiderassi trovare l’anima gemella, non essere ansioso.

Il Signore dice: “lo so dove tu abiti. (Apocalisse 2:13). Dio conosce il tuo nome, la  tua dimora e ogni dettaglio che ti riguarda, ma, sopratutto, Egli interessa a te! Un ultimo pensiero: a volte la solitudine non è assenza di affetti ma di direzione; non la mancanza di persone care, ma di obiettivi. Inizia, pertanto, ad interessarti agli altri;  rispondi a un bisogno che nessun altro vede, metti ogni cura  in questo e osserva come la tua stessa situazione inizierà a  migliorare.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Io sono il vivente…
    In Devotional
    di A. B. SIMPSON  –  “ecco sono vivente per i secoli dei secoli” (Apocalisse 1:18).   –   Ecco il messaggio del Cristo crocifisso, e ancor più del glorioso e prezioso Cristo risorto .   E’ bello notare il tocco di luce e di gloria con il quale queste semplici parole investono la croce. Non dice  io sono Colui che era morto e ora vive, ma ” Io sono il vivente; io fui morto, ma ecco sono vivente per i secoli dei secoli, amen.” La vita è menzionato prima della morte.  Ci sono due modi di guardare alla croce.  Uno è dal lato della morte e l’altro dal lato della vita. Uno è l’ “Ecco l’uomo” e [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • 1900: Esperienze pentecostali nella scuola biblica di TOPEKA
    Nell?autunno del 1900 fu inaugurata una Scuola Biblica a Topeka, Kansas.?Quaranta studenti si riunirono col solo scopo di studiare la Parola di Dio e nessun libro di testo era usato all?infuori della Bibbia.?Tra i vari soggetti biblici che erano oggetto di studio e meditazione, c?era quello del Battesimo nello Spirito Santo.?Gli studenti ebbero il tempo necessario per una esauriente ricerca nelle Scritture e, quando furono interrogati sull?evidenza biblica del battesimo dello Spirito, risposero: ?Parlare in altre lingue come lo Spirito da d?esprimersi?.?   Una stanza di questa Scuola Biblica era dedicata al Signore come ?Torre di preghiera?. Gli studenti frequentavano questa stanza per tre ore di orazione e spesso tutta la notte era spesa nella torre di preghiera.?Giorno e notte […]
  • COMUNIONE CON DIO
    di George Muller  –  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per la mia vita cristiana. Ad un certo momento della mia vita m’accorsi che era di capitale importanza che io mi mantenessi in continua comunione col Signore, per nutrire il mio spirito. Infatti — pensai — io potrei proporre la verità ai non cristiani, potrei aiutare spiritualmente i credenti, potrei essere di conforto agli afflitti, potrei cercare di comportarmi come si conviene ad un figlio di Dio… eppure se il mio spirito non viene nutrito ed irrobustito giorno per giorno, potrei agire per motivi non completamente spirituali. Prima d’allora, per un dieci anni era stata mia abitudine spendere ogni mattina qualche tempo in preghiera prima di colazione. Però ora vidi che […]
  • TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.
      di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città. Vidi sopra la porta un’iscrizione: “Benvenuto!” Ed entrai per ripararmi dalla pioggia senza sapere che cosa facessero lì dentro. Erano tutti in ginocchio e pregavano. Dopo un poco sentii un uomo (il fratello Junk, un predicatore) che recitava il capitolo 53 di Isaia in lingua ebraica. Una donna stava cantando in ebraico un inno  che gli ebrei usano cantare il […]
  • C’E’ SPERANZA PER LE NAZIONI E PER IL MONDO?
    di AGOSTINO MASDEA – Questo è un tempo di straordinario cambiamento. Come non mai prima. La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi, sociali, politici, economici. La differenza rispetto al passato è che oggi questi cambiamenti avvengono a velocità supersonica. Dal modo di vestire alle automobili, dalla musica all’arredamento della casa… tutto è in evoluzione, tutto procede speditamente.  Cambia anche il clima.   Tutto sembra   nuovo… ma da un altro punto di vista non c’è niente di nuovo sotto il sole. Perché dopo millenni l’uomo rimane lo stesso; il cuore dell’uomo è malvagio quanto lo era al tempo in cui Geremia lo descriveva così: Il cuore è ingannevole più di ogni altra cosa e insanabilmente malato; chi lo può conoscere?  L’uomo rimane […]
  • UNA SANA FAMIGLIA
    di Philip Nunn  –  Studio sulla seconda lettera di Giovanni.  –  La seconda lettera di Giovanni è l’unica lettera apostolica indirizzata a una donna, “alla signora elette e ai suoi figli” (v.1). Alcuni commentatori suggeriscono che Giovanni stia usando un linguaggio simbolico dove “la signora eletta” si riferisce alla chiesa locale, e che quando alla fine scrive “ i figli della sorella eletta ti salutano” (v.13), si riferisce a un’altra chiesa locale. Le istruzioni utili e pratiche contenute in questa corta lettera sono importanti per il singolo individuo e anche per la chiesa locale, ma non c’è motivo per cui questa lettera non possa essere letta come un incoraggiamento e un avvertimento per una famiglia, forse per una famiglia monoparentale. Ci sono tre parole che vengono […]
  • PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO
    “Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi realtà indefinite e sbiadite. In tale tragica situazione la chiesa pentecostale ha raccolto l’invito di Dio di predicare e proclamare una verità dimenticata. […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti