Meditazione del giorno: PICCOLE COSE

eelliot

di ELISABETH ELLIOT  –  Quando eravamo piccoli, i nostri genitori, a parole e con il loro esempio, ci insegnarono a badare alle piccole cose. «Qualunque cosa tu faccia, falla con cura», era il loro motto. «Stendi per bene il lenzuolo sul materasso! Quando pulisci non tralasciare gli angoli! Sposta tutte le sedie, quando lavi il pavimento della cucina! Arrotola con cura il tubetto di dentifricio e rimettici il tappo! Togli sempre i capelli dalla spazzola, ogni volta che la usi! Riappendi ordinatamente l’asciugamano! Piega il tovagliolo e rinfilalo nel portatovagliolo, prima di alzarti da tavola! Non leccarti le dita, quando sfogli le pagine di un libro!»

Per esempio, non si accetta un invito per poi non andare. Non si promette di aiutare in una scuola biblica estiva per poi ritirarsi, perché si è trovato qualcosa di più interessante. L’unico debito finanziario contratto dai miei genitori fu l’ipoteca su una casa. Mio padre disse allora che quella era un’eccezione del tutto particolare, perché si trattava di una proprietà terriera sicura, che non avrebbe mai perso il suo valore.

Quando arrivai in collegio, le regole che vigevano erano le stesse che a casa. Cera un corridoio con dei piccoli ponti orientali. Lo chiamavamo il sentiero del test caratteriale. Infatti, la preside, la signora DuBose, dalla sua sedia a braccioli, poteva abbracciare con lo sguardo il salone d’entrata e osservare ogni singolo studente, che, per esempio, sollevasse nel camminare l’angolo del tappeto e non lo rimettesse a posto. La signora DuBose glielo faceva immancabilmente notare e lo correggeva. «Sono queste piccole cose che ti faranno fallire nella vita, una volta che ti sarai lasciato la scuola alle spalle!» Il nostro carattere si vede nelle piccole cose. Il nostro atteggiamento nei confronti di esse ci farà avere successo oppure crollare. «Non andate in giro con la Bibbia sotto braccio se non avete pulito sotto il vostro letto.» Non desiderava colloqui sulla fede in una stanza disordinata.

«I grandi pensieri vanno di pari passo con i doveri quotidiani. Qualunque sia il vostro compito, è un frammento nell’immenso campo di servizio dell’amore» (Vescovo Brooke Fosse Westcott, 1825).

Bambini o adulti affidabili, accurati, precisi e scrupolosi non sono facili da trovare. Più di una vita sembra costellata di errori insignificanti, trascuratezze in piccole cose, che alla fine però fanno la differenza fra ordine e caos. Forse il motivo è che ben raramente si insegna che le cose visibili sono dei segni di una realtà invisibile. Che i doveri quotidiani possono essere un servizio d’amore incommensurabile. L’allenamento spirituale dell’anima non può essere separato dalla disciplina pratica. Gesù lo insegnò molto chiaramente: «Chi è fedele nelle cose minime, è fedele anche nelle grandi; e chi è ingiusto nelle cose minime, è ingiusto anche nelle grandi. Se dunque non siete stati fedeli nelle ricchezze ingiuste, chi vi affiderà quelle vere? E, se non siete stati fedeli nel beni altrui, chi vi darà i vostri?» (Luca 16:10-12). (Con «i vostri beni» Gesù intende la proprietà più intima che un essere umano possa avere: i beni spirituali).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL TIPO DI PREGHIERA CHE AZIONA LE RUOTE DEL RISVEGLIO

di  SIDLOW BAXTER  –  Abbiamo bisogno di un risveglio di preghiera di intercessione tra il popolo di Dio. Non preghiamo abbastanza. Oltre ad intensificare la loro vita privata di preghiera, i cristiani dovrebbero unirsi in gruppi per aggrapparsi a Dio e promuovere un risveglio nella propria terra e in ogni altro paese. Il nostro più pressante bisogno è di chiedere a Dio di dare più potenza nella preghiera a …
Leggi Tutto

NON TRASCURARE LA TUA SALVEZZA

Perciò bisogna che ci atteniamo maggiormente alle cose udite, che talora non finiamo fuori strada. Se infatti la parola pronunziata per mezzo degli angeli fu ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione, come scamperemo noi, se trascuriamo una così grande salvezza? (Ebrei 2:1-3)  –  di Agostino Masdea  –  Più studio l’epistola agli Ebrei e più me ne innamoro. È un’epistola che esalta Cristo e la sua …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

L’evangelizzazione comincia nella propria casa

di Ruth Steelberg Carter  –  Qualcuno ha detto che «la sola religione che vale è quella praticata in casa» e questo è vero anche per l’evangelizzazione. Quando il Signor Gesù dette ai Suoi seguaci l’ordine di esserGli testimoni, Egli disse loro di cominciare da dove si trovavano, cioè da Gerusalemme. (Atti 1 :8). La casa è come un fiume che, sebbene piccolo all’inizio, si gonfia nello scorrere fino …
Leggi Tutto

Essere ripieni  di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare …
Leggi Tutto

Cosa significa essere un servo.

di Brian L. Harbour  –  Dopo la conversione, molti credenti si chiedono: “E adesso? Ora che sono stato riscattato dalla schiavitù di Satana e liberato dal peso dei miei peccati, cosa devo fare?”. Nell’introduzione della sua epistola a Tito, Paolo dà una risposta a questo interrogativo coll’appellativo che applicava a sé stesso. Lui si definiva: “Servo di Gesù Cristo”. Diverse parole greche hanno il significato di servo. “Diaconos” …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti