Meditazione del giorno: COME COMINCIA IL RISVEGLIO

Cymbala

di Jim Cymbala – Se studi uno dei grandi risvegli del passato, troverai sempre uomini e donne che bramavano veder cambiare lo status quo, in loro stessi e nelle loro chiese. Essi invocavano Dio con insistenza e la preghiera portava risveglio, che a sua volta portava ancora più preghiera. È come nel Salmo 80, dove il salmista Asaf si lamentava del triste periodo in cui viveva: i recinti rotti, animali che portano devastazione, giardini arsi dal fuoco. Poi al verso 18 egli supplica: “facci rivivere, e noi invocheremo il tuo nome”.

Lo Spirito Santo è uno Spirito di preghiera. Solo quando siamo ripieni dello Spirito Santo sentiamo davvero il bisogno di Dio ovunque andiamo. Magari mentre guidiamo la macchina capita che spontaneamente il nostro spirito inizi ad andare a Dio con bisogni, richieste ed intercessioni proprio lì, mentre siamo in mezzo al traffico.

Se le nostre chiese non pregano e se le persone non hanno appetito per Dio, che importa quante persone stanno frequentando il culto nella nostra chiesa? E’ con questo che vorremmo impressionare Dio? Immagino gli angeli che parlano dicendo: “Uh i vostri banchi! Non riusciamo a credere quanto siano belli! Qui in cielo ne parliamo da anni. Per non parlare poi del modo in cui quelle scale salgono fino al pulpito: è meraviglioso!

Se non vogliamo sperimentare la vicinanza di Dio qui sulla terra, perché dovremmo voler andare in cielo dunque? Egli è il centro di tutto qui sulla terra. Se non gioiamo stare alla Sua presenza oggi, il cielo non sarà tale per noi. Perché Dio dovrebbe mandare in cielo qualcuno che non Lo brama con passione qui sulla terra? Non sto dicendo che siamo giustificati per le opere o ogni altro atto di devozione. Non sono un legalista. Ma non possiamo evitare di porci la domanda di come sarà il cielo: gioire nella presenza del Signore, aver tempo per amarLo, ascoltarLo e dare a Lui tutta la lode.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: "IO NON ABBANDONERO' LA MIA EREDITA'"

Poiché l’Eterno non rigetterà il suo popolo, e non abbandonerà la sua eredità. (Salmo 94:14) I miei figli naturali sono i miei figli per la vita. Non importa quello che fanno, restano sempre i miei figli. Anche se i genitori non sono sempre contenti per le scelte dei loro figli, questo non cambia il fatto che essi faranno sempre parte della famiglia. La promessa di oggi è un buon promemoria per ricordare …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

di ROBERTO BRACCO  –  Ogni volta che il libro degli Atti si sofferma a descrivere il battesimo nello Spirito, la terminologia acquista accenti altamente vibranti. Questa celestiale esperienza cristiana viene costantemente presentata come una delle più genuine ed evidenti manifestazioni della gloria e della potenza di Dio. I credenti non vengono riscaldati da una sensazione passeggera o agitati da un’emozione  fugace,   ma   vengono   attraversati   e   riempiti   da   una   potenza …
Leggi Tutto

Pace e Sicurezza

Un messaggio profetico di David Wilkerson –  “Quando diranno: «Pace e sicurezza», allora una rovina improvvisa verrà loro addosso, come le doglie alla donna incinta; e non scamperanno. Ma voi, fratelli, non siete nelle tenebre, così che quel giorno abbia a sorprendervi come un ladro” (1 Tess. 5:3 – 4). Proprio in questo momento il mondo è in subbuglio e la gente si chiede: “Stiamo vedendo il ripetersi …
Leggi Tutto

La Storia più bella

di A. Masdea  –  Allora Filippo prese la parola e, cominciando da questa Scrittura, gli annunziò Gesú.  (Atti 8:35) i) A tutti piace sentire delle storie: a) Da bambini ascoltavamo i nonni al focolare…b) Poi leggevamo libri…c) C’erano anche  i cantastorie che musicavano delle storie vere.d) Oggi le storie si raccontano con i films, le commedie, il teatro, romanzi… ecc.- Anche Gesù racconta delle …
Leggi Tutto

L'ORGOGLIO, IL GRANDE PECCATO

di C.S. Lewis   Tratto dal libro: Mere Christianity. Che posto occupa l’orgoglio nella nostra vita? Sappiamo che è il peccato più subdolo, spesso mascherato sotto forma di umiltà! É indispensabile che il cristiano autentico esamini se stesso e riconosca le proprie lacune prima di poter progredire nella conoscenza di Dio e arrivare ad essere utile agli altri. Riconoscere l’errore in noi stessi spalanca tutte le porte a Dio, che …
Leggi Tutto

IO SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE

di Agostino Masdea   –   Ma io so che il mio Redentore, vive e che alla fine si leverà sulla terra. Dopo che questa mia pelle sarà distrutta, nella mia carne vedrò Dio. Lo vedrò io stesso; i miei occhi lo contempleranno, e non un altro. Il mio cuore si strugge dentro di me. (Giobbe 19:25-27) – Giobbe, un uomo provato, in estrema difficoltà, prigioniero della sofferenza. a. – Il libro di Giobbe …
Leggi Tutto

UNA CHIESA CONSCIA DI DIO

di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti