Come capire ciò che vuole Dio

eelliotdi Elisabeth Elliot – Una giovane donna si recò, con grande perplessità, da un predicatore scozzese, chiedendogli come avrebbe potuto risolvere il problema dei suoi desideri quando questi sembravano essere in forte contraddizione con la volontà di Dio. Il predicatore prese un foglietto di carta, scrisse su di esso due parole, lo diede alla giovane donna e le chiese di sedersi per dieci minuti, di riflettere sulle parole, di sbarrare poi una di queste e di restituirgli il foglietto. La donna si sedette e lesse: “No, Signore”. Quale delle due sbarrare? Non ci volle molto per capire che, se avesse detto” No”, non avrebbe potuto dire “Signore”, e se avesse voluto chiamarlo “Signore”, non avrebbe potuto dire “No”.

Questa sicuramente è una delle domande più frequenti che sorge nei giovani cristiani i quali, per capire ciò che Dio vuole che essi facciano, vengono a trovarsi di fronte a opzioni illimitate rispetto a quella citata sopra. Qual’è esattamente la chiamata di una persona?

Vi sono due condizioni molto semplici per capire la volontà di Dio. Paolo le esprime in modo chiaro nella sua epistola ai Romani, capitolo 12. La prima si trova al verso 1: “Presentate i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio”. Il punto di partenza sta nel mettere sé stessi totalmente e incondizionatamente a disposizione di Dio. Dire “Si, Signore”. Cedere tutti i diritti proprio all’inizio. Una volta fatto ciò, si può passare alla seconda condizione che si trova al verso 2: “Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente”. Ho detto prima che le condizioni erano semplici. Non ho detto che erano facili. Scambiare un “No, Signore” con un “Si, Signore” è stato spesso doloroso per me. Ma il mio desiderio è quello di avere una “mente rinnovata”: una mente che trae ispirazione dalla Parola di Dio e non dai mass media. La mia preghiera è quella di avere un occhio puro che sia in grado di guardare oltre la nebbia dell?opinione comune, e una volont? tale che riesca a resistere alle correnti: una volontà arresa, deposta accanto a quella di Cristo. Egli è il mio modello. Tutto ciò implica un insieme di ambizioni del tutto diverse, una definizione di felicità completamente differente e una misura di giudizio certamente opposta a quella del mondo. E il comportamento cambierà, e molto probabilmente esso cambierà abbastanza da farmi apparire strana: ma il mio Maestro era considerato molto strano.

Paolo prosegue dicendo che queste condizioni sono l’unico modo per scoprire la volontà di Dio e per conoscere ciò che è buono, ciò che Dio vuole, che è la cosa perfetta da fare. Non c’è da meravigliarsi, dunque, se ci chiediamo: “Qual’è il segreto per conoscere la volontà di Dio?” Il fatto è che non siamo partititi dal punto giusto: l’offerta di quel sacrificio onnicomprensivo, dell’intero nostro corpo prima e del rifiuto risoluto dei valori del mondo dopo.

“O SIGNORE, fammi conoscere le tue vie, insegnami i tuoi sentieri. Guidami nella tua verità e ammaestrami; poiché tu sei il Dio della mia salvezza? (Salmo 25:4-5).

 

Se il cammino non è chiaro,

Non importa, confidiamo e ubbidiamo

in Colui che invita a proseguire,

Nel mostrar la via, certo, Egli non può fallire.

Anche se profondo è il mare

E la strada sembra senza fine,

Procediamo senza paura

Perché il Signore è la nostra guida sicura.

 

Anonimo

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Dai nostri culti

Pastore  Agostino Masdea  –  Domenica 4 Agosto 2014  –  (Isaia 40:25-31))   Dio è più grande dei nostri problemi, più grande delle nostre paure e dei nostri dubbi, più grande delle circostanze… chi confida in Lui rinnova ogni giorno le sue forze …
Leggi Tutto

USO E ABUSO DELLA LINGUA. (Quello che esce dalla bocca fa vedere quello che è nel cuore)

di DEREK PRINCE   –    La Bibbia ha molto da dire sull’uso della lingua, sulle labbra, sulla bocca, sulle parole e sul linguaggio. Dio ha creato l’uomo secondo la Sua propria immagine. Ha dato all’uomo la capacità di parlare e farsi comprendere, esprimendosi con parole e con frasi. Quando Dio diede all’uomo questa capacità, gli trasmise anche una parte della Sua autorità e della Sua creatività. E’ …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Io rivelo i miei segreti a coloro che mi temono.

Il segreto del SIGNORE è rivelato a quelli che lo temono, egli fa loro conoscere il suo patto. (Salmo 25:14) L’autore di questo salmo è il re Davide. La promessa di oggi parla di come Dio condivide i suoi segreti con coloro che lo temono. È importante sapere che la parola “timore” non significa che dobbiamo avere paura di Dio, ma riverenza e rispetto profondo per la Sua …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io ti libererò dal male e ti salverò fino a portarti nel Mio regno.

Il Signore mi libererà ancora da ogni opera malvagia e mi salverà fino a portarmi nel suo regno celeste. A lui sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen. (2 Timoteo 4:18) L’Apostolo Paolo stava scrivendo a Timoteo, suo figlio spirituale, quando fece questa affermazione. Sappiamo dal racconto della vita di Paolo nella Bibbia che la sua vita è stata difficile. È stato lapidato, battuto con le verghe, ha fatto …
Leggi Tutto

Jim Cymbala  -  1 Dicembre 2011

Giovedì 1 Dicembre 2011  –  JIM CYMBALA – Pastore BROOKLYN  TABERNACLE – N.Y …
Leggi Tutto

Mike 2012-09-07--359-N

BREVE MESSAGGIO DI EVANGELIZZAZIONE del pastore AGOSTINO MASDEA  -Predicato nella chiesa di Via Anacapri, Domenica  21 Aprile 1996 – Durata 12′
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ti amo come un padre ama i suoi figli

“Come un padre è pietoso verso i suoi figli, così è pietoso l’Eterno verso quelli che lo temono.” (Salmo 103:13)  –  Il punto di questa promessa è che Dio Padre ci ama proprio come un padre amorevole ama e ha compassione per i suoi figli. Sono del continuo meravigliato delle analogie che trovo in tutta la Bibbia dove Dio vuole che noi sappiamo che Lui è veramente un Padre …
Leggi Tutto

Grandi inni: Just as I am - (Così qual sono).

Questo famoso inno è stato composto da Charlotte Elliott.  Fin dalla sua giovane età Charlotte era consapevole della sua natura peccaminosa e della sua incapacità a resistere alle lusinghe del peccato. Crescendo, Charlotte si sentiva sempre più indegna della grazia di Dio e insufficiente  di fronte a un Dio perfetto e giusto. Chiese aiuto a molti pastori, i quali la consigliavano di pregare di più, di studiare la …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti