Meditazione del giorno: Infettato dal Peccato

di A.W. Tozer  –  “Infatti il bene che voglio, non lo faccio; ma il male che non voglio, quello faccio” (Romani 7:19).  –  Se consideriamo il grande potenziale morale che Dio diede all’uomo quando lo creò a Sua immagine; quando ci soffermiamo a considerare quanto la gente, nei suoi momenti migliori, sia gentile e pronta a fare qualche sacrificio; quando osserviamo la dolcezza innocente di un bambino o consideriamo l’amore disinteressato e stupendo di una madre, non siamo per niente preparati allo shock della vita reale o alla lettura del giornale.

Quella moglie che sta in piedi con la pistola fumante in mano sopra il corpo del marito appena ucciso – può essere quella la stessa donna che ore prima aveva una faccia radiosa e distesa mentre allattava al seno il suo bimbo? Quel ragazzo che affonda il coltello nel cuore di un ragazzino dall’altra parte della città – può essere quello lo stesso ragazzo che prima di uscire di casa per unirsi alla sua banda dietro l’angolo aveva appena trascorso mezzora a giocare con la sua sorellina o a scherzare con la sua mamma? Quell’uomo che se ne sta seduto in silenzio con la faccia cupa dentro casa in attesa che arrivi il momento in cui dovrà pagare per i crimini fatti contro la razza umana – è quello lo stesso uomo che alcuni mesi fa se ne stava a letto a singhiozzare per il suo amato cagnolino ucciso da una macchina?

Sebbene la vita di una persona ordinaria non sia così drammatica e violenta come quella delle persone citate sopra, tuttavia la sua condotta è assolutamente contraddittoria. È una bandiera in balia del vento ogni giorno; è gentile e crudele, casto e carnale, onesto e disonesto, generoso e avaro; egli brama essere buono ma sceglie di fare il male, desidera conoscere Dio ma gira subito le spalle a Lui, spera di andare in cielo ma si dirige verso l’inferno. È moralmente folle.

Siamo stati tutti infettati da una sorta di follia morale da peccato. Come risultato falliamo nel fare il bene che vorremmo fare e ci ritroviamo a fare il male che invece non vorremmo fare. Solo in Cristo c’è liberazione!

Solo tu, Gesù, puoi guarirmi da questa infezione da peccato.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Il rinnovamento della Primavera
    In Devotional
    di Warren Wiersbe  –   “Tutti quanti sperano in te perché tu dia loro il cibo a suo tempo. Tu lo dai loro ed essi lo raccolgono; tu apri la mano e sono saziati di beni. Tu nascondi la tua faccia e sono smarriti; tu ritiri il loro fiato e muoiono, ritornano nella loro polvere. Tu mandi il tuo Spirito e sono creati, e tu rinnovi la faccia della terra”. (Salmo 104:27-30)  –   Gli scienziati affermano che il mondo sia governato da ciò che essi stessi chiamano “legge naturale”.  Molti di loro dimenticano però che dietro ogni legge c’è sempre un legislatore. Dietro la creazione c’è un creatore che si cura della Sua [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • IL GRANELLO DI FRUMENTO
    Se il granel di frumento caduto in terra non muore, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.  (Giovanni 12: 24) Gesù stesso era quel «granello di frumento». Egli è caduto nel terreno; è morto; come risultato della Sua morte sacrificale sul Calvario, il Suo seppellimento nella tomba, la Sua resurrezione la mattina di Pasqua; è stata compiuta la promessa della redenzione del mondo e questo era il piano e lo scopo di Dio per il Suo figliuolo (Atti 2:23). Ora, è il piano e lo scopo di Dio che tutti i Suoi figliuoli per fede in Cristo muoiano, non per il peccato del mondo, per la liberazione dall’egoismo, che è sempre in opposizione a Dio.  Dobbiamo essere liberati dal legame dell’« io », ma possiamo esserlo solo se ci facciamo crocifiggere con il Cristo, moriamo della Sua […]
  • IL POTENTE MI HA FATTO GRANDI COSE
    di Agostino Masdea   –   E Maria disse: »L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio, mio Salvatore, perché egli ha avuto riguardo alla bassezza della sua serva, poiché ecco d’ora in poi tutte le generazioni mi proclameranno beata, perché il Potente mi ha fatto cose grandi, e Santo è il suo nome! (Luca 1: 46-49) Sono parole meravigliose. Se queste parole non fossero state riportate mancherebbe alla scrittura una delle pagine più belle. Sono parole espresse con semplicità da una giovane ragazza ebrea, una semplice ragazza che fu scelta da Dio per un compito importante, particolare e glorioso. Ci sono ruoli, doni, ministeri che Dio assegna agli uomini e che si trasmettono da una generazione all’altra, da un uomo ad un altro uomo che […]
  • Una promessa per oggi: UN GIORNO VEDRAI IL MIO VOLTO E PORTERAI IL MIO NOME SULLA TUA FRONTE
    …essi vedranno la sua faccia e porteranno il suo nome sulla loro fronte. Apocalisse 22:4  –   Il libro della Genesi comincia con il nostro Dio e Padre che crea i cieli e la terra e tutto ciò che essa contiene. Nel libro dell’Apocalisse, la Bibbia si conclude con la promessa che un giorno vedremo Dio faccia a faccia e il Suo nome sarà scritto sulle nostre fronti. E questa è una speranza straordinaria che abbiamo per guardare al futuro. Nel Vecchio Testamento, nessun uomo poteva vedere Dio e vivere. Quando arriviamo nel cielo, potremo guardare Dio nei Suoi occhi amorevoli faccia a faccia, e il Suo nome sarà sulla nostra fronte. Prego che Dio apra oggi gli occhi del nostro cuore, e per fede essere in grado di guardare avanti e vedere quel giorno quando Egli asciugherà tutte le […]
  • IL RE RITORNA
    di Agostino Masdea   –  «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti; e quelli che sono in città, se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città. Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto…. Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle; sulla terra, angoscia delle nazioni, spaventate dal rimbombo del mare e delle onde; gli uomini verranno meno per la paurosa attesa di quello che starà per accadere al mondo; poiché le potenze dei cieli saranno scrollate.Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nuvole con potenza e gloria grande. Ma quando queste cose cominceranno ad […]
  • Calvario
    di John Charles Ryle  –  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non sappiamo altro che questo. Ho intitolato questo sermone “Calvario” perché voglio parlarvi delle sofferenze e della crocifissione di Cristo. Temo infatti che ci sia molta ignoranza, nel seno del popolo di Dio, sul soggetto delle sofferenze di Gesù Cristo. Dubito che i più riescano a vedere qualche gloria o qualche bellezza di rilievo nella storia della crocifissione; al contrario, la ritengono angosciosa, umiliante e ignobile. Non vedono alcun profitto nella storia della morte e delle sofferenze di Cristo, anzi rifuggono da essa, quasi fosse una cosa fastidiosa. Ora io credo che tali persone […]
  • COMUNIONE CON DIO
    di George Muller  –  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per la mia vita cristiana. Ad un certo momento della mia vita m’accorsi che era di capitale importanza che io mi mantenessi in continua comunione col Signore, per nutrire il mio spirito. Infatti — pensai — io potrei proporre la verità ai non cristiani, potrei aiutare spiritualmente i credenti, potrei essere di conforto agli afflitti, potrei cercare di comportarmi come si conviene ad un figlio di Dio… eppure se il mio spirito non viene nutrito ed irrobustito giorno per giorno, potrei agire per motivi non completamente spirituali. Prima d’allora, per un dieci anni era stata mia abitudine spendere ogni mattina qualche tempo in preghiera prima di colazione. Però ora vidi che […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti