Meditazione del giorno: “Portatelo da me”

di C. H. SPURGEON  –  Ed egli, rispondendogli, disse: «O generazione incredula, fino a quando sarò con voi? Fino a quando vi sopporterò? portatelo da me». (Marco 9:19).  Disperato, il povero padre deluso lasciò i discepoli per volgersi al loro Maestro. Suo figlio era nella più triste condizione, e ogni altra soluzione era fallita, ma quel misero figlio fu subito liberato dal maligno quando il genitore obbedì per fede alla parola del Signore Gesù: “Portatelo da me”. I figli sono un dono prezioso da Dio, ma anche molte ansietà vengono con essi. Possono essere una grande gioia o una grande amarezza per i loro genitori; possono essere ripieni dello Spirito di Dio, o posseduti dallo spirito del male. In ogni caso, la Parola di Dio ci dà un’unica cura per tutti i loro mali: “Portatelo da me”.

Oh se pregassimo per loro con maggiore fervore quando sono ancora bambini! Il peccato è lì, innalziamo le nostre preghiere per abbatterlo. Le nostre grida al Signore per i nostri figli dovrebbero precedere quelle gridache presagiscono il loro ingresso nel mondo dove regna il peccato. Nei giorni della loro giovinezza vedremo i tristi segni di quello spirito muto e sordo che non vuole pregare, né ascoltare la voce di Dio nell’anima, ma Gesù comanda ancora: “Portatelo da me”.
Come il giovane del nostro brano, quando essi cresceranno potranno rotolarsi nel fango del peccato e schiumare di rabbia contro Dio; allora quando i nostri cuori saranno infranti dal dolore dovremmo ricordare le parole del grande Medico: “Portatelo da me”. Non smettete mai di pregare finché essi cessano di respirare. Nessun caso è disperato mentre Gesù vive.

Il Signore a volte permette che il Suo popolo sia sospinto in un vicolo cieco affinché essi possano conoscere per esperienza quanto Egli sia necessario per loro. I figli irreligiosi, quando ci mostrano la nostra impotenza contro la depravazione dei loro cuori, ci spingono a volgerci all’unico Potente per avere forza, e questa è una grande benedizione per noi.

Qualunque sia il nostro bisogno questa mattina, lasciamo che come una forte corrente ci porti all’oceano dell’amore divino. Gesù può presto rimuovere la nostra tristezza, Egli si rallegra di poterci confortare. Corriamo a Lui mentre Egli attende ci incontrarci.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Perchè no il sesso prima del matrimonio?

di Mike Campagna – “Fuggite la fornicazione. Qualunque altro peccato che l’uomo commetta è fuori del corpo, ma chi commette fornicazione pecca contro il suo proprio corpo. Non sapete che il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo? “(1 Corinzi 6:18).   –  Sono sempre stato affascinato dalle tigri allo zoo. Mi ricordo in particolare uno zoo nel Minnesota dove le tigri si potevano guardare dall’alto in basso attraverso una vetrata …
Leggi Tutto

IL PERICOLO DELL’INSODDISFAZIONE

di AGOSTINO MASDEA  –   Infatti io so che in me, cioè nella mia carne, non abita alcun bene, poiché ben si trova in me la volontà di fare il bene, ma io non trovo il modo di compierlo. Infatti il bene che io voglio, non lo faccio; ma il male che non voglio, quello faccio… O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte? Io rendo grazie …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

QUELL’UOMO PUOI ESSERE TU

 di ROBERTO BRACCO   –   Il mondo non ha ancora veduto quello che Dio può fare per un uomo, in un uomo, attraverso un uomo! Un uomo che sappia consacrare se stesso fino al punto di dipendere soltanto da Dio, da desiderare soltanto la gloria di Dio, da cercare esclusivamente l’approvazione di Dio può realizzare tutta la potenza necessaria per sorprendere e sconvolgere il mondo. Le testimonianze che sono …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ti amo come un padre ama i suoi figli

“Come un padre è pietoso verso i suoi figli, così è pietoso l’Eterno verso quelli che lo temono.” (Salmo 103:13)  –  Il punto di questa promessa è che Dio Padre ci ama proprio come un padre amorevole ama e ha compassione per i suoi figli. Sono del continuo meravigliato delle analogie che trovo in tutta la Bibbia dove Dio vuole che noi sappiamo che Lui è veramente un Padre …
Leggi Tutto

mp3

Amen, Vieni Signor Gesù [mp3player width=500 height=20 config=fmp_jw_widget_config.xml file=http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2014/10/AMEN-VIENI-SIGNOR-GESU.mp3]  …
Leggi Tutto

«PARLERANNO IN ALTRE LINGUE»

di  A. THOMAS BRES   –   Questo segno è incompreso, criticato e combattuto da molti e anche da alcuni cristiani. Gli uni lo con­siderano una pazzia, il risultato di un disturbo mentale; gli altri un fenomeno spiritista, diabolico. Sono rari quelli che ne parlano con serenità e che si dimostrano scevri da pre­giudizi. Tra le obiezioni che spesso si fanno in mezzo ai cristiani, c’è questa: — Il …
Leggi Tutto

SOPPORTATEVI

di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti