Meditazione del giorno: “Portatelo da me”

di C. H. SPURGEON  –  Ed egli, rispondendogli, disse: «O generazione incredula, fino a quando sarò con voi? Fino a quando vi sopporterò? portatelo da me». (Marco 9:19).  Disperato, il povero padre deluso lasciò i discepoli per volgersi al loro Maestro. Suo figlio era nella più triste condizione, e ogni altra soluzione era fallita, ma quel misero figlio fu subito liberato dal maligno quando il genitore obbedì per fede alla parola del Signore Gesù: “Portatelo da me”. I figli sono un dono prezioso da Dio, ma anche molte ansietà vengono con essi. Possono essere una grande gioia o una grande amarezza per i loro genitori; possono essere ripieni dello Spirito di Dio, o posseduti dallo spirito del male. In ogni caso, la Parola di Dio ci dà un’unica cura per tutti i loro mali: “Portatelo da me”.

Oh se pregassimo per loro con maggiore fervore quando sono ancora bambini! Il peccato è lì, innalziamo le nostre preghiere per abbatterlo. Le nostre grida al Signore per i nostri figli dovrebbero precedere quelle gridache presagiscono il loro ingresso nel mondo dove regna il peccato. Nei giorni della loro giovinezza vedremo i tristi segni di quello spirito muto e sordo che non vuole pregare, né ascoltare la voce di Dio nell’anima, ma Gesù comanda ancora: “Portatelo da me”.
Come il giovane del nostro brano, quando essi cresceranno potranno rotolarsi nel fango del peccato e schiumare di rabbia contro Dio; allora quando i nostri cuori saranno infranti dal dolore dovremmo ricordare le parole del grande Medico: “Portatelo da me”. Non smettete mai di pregare finché essi cessano di respirare. Nessun caso è disperato mentre Gesù vive.

Il Signore a volte permette che il Suo popolo sia sospinto in un vicolo cieco affinché essi possano conoscere per esperienza quanto Egli sia necessario per loro. I figli irreligiosi, quando ci mostrano la nostra impotenza contro la depravazione dei loro cuori, ci spingono a volgerci all’unico Potente per avere forza, e questa è una grande benedizione per noi.

Qualunque sia il nostro bisogno questa mattina, lasciamo che come una forte corrente ci porti all’oceano dell’amore divino. Gesù può presto rimuovere la nostra tristezza, Egli si rallegra di poterci confortare. Corriamo a Lui mentre Egli attende ci incontrarci.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Dai nostri culti: Salvezza senza ravvedimento

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 23  Marzo 2014  –  (Marco 1:14-20))                                   Questo sermone confuta la dottrina della “grazia estrema” o “ipergrace”, e ribadisce che senza ravvedimento non c’è salvezza. William Booth, fondatore dell’Esercito della salvezza aveva previsto che nel XX secolo ci sarebbe stato: -Una religione senza lo Spirito Santo. -Cristiani …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

BIOGRAFIE: GEORGE MULLER

George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo …
Leggi Tutto

Dai nostri culti  - Predicazione 8 Maggio 2016

Pastore Agostino Masdea: OGNI IDOLO CADRA’ DAVANTI A DIO. (1 Samuele 5) …
Leggi Tutto

Sermone di Roberto Bracco: Una Sposa Negligente

ROBERTO BRACCO: “Una Sposa Negligente” – Cantico dei cantici 5:2-6 – ”  Io dormivo, ma il mio cuore vegliava. Sento la voce del mio amico che bussa e dice: «Aprimi, sorella mia, amica mia, colomba mia, o mia perfetta! Poiché il mio capo è coperto di rugiada e le mie chiome sono piene di gocce della notte». Io mi sono tolta la gonna; come me la rimetterei ancora? Mi …
Leggi Tutto

1900: Esperienze pentecostali nella scuola biblica di TOPEKA

Nell’autunno del 1900 fu inaugurata una Scuola Biblica a Topeka, Kansas. Quaranta studenti si riunirono col solo scopo di studiare la Parola di Dio e nessun libro di testo era usato all’infuori della Bibbia. Tra i vari soggetti biblici che erano oggetto di studio e meditazione, c’era quello del Battesimo nello Spirito Santo. Gli studenti ebbero il tempo necessario per una esauriente ricerca nelle Scritture e, quando furono …
Leggi Tutto

LE CROCI ECONOMICHE NON HANNO ALCUN VALORE

di Edwin Raymond Anderson. – Un amico era da poco tornato da un viaggio d’affari in America Centrale. Mentre eravamo insieme a cena, gli chiesi: “Che cosa ti ha colpito di più in questo viaggio?” Abbozzò un sorriso, serrò le labbra pensandoci un attimo, e rispose: “Beh, te lo posso dire in due parole: Le croci economiche”. Lo fissai sorpreso, “Croci economiche?!? Che cosa vuoi dire?” “Arrivai in questo …
Leggi Tutto

VENTO IN FACCIA

di A.W. Tozer  –  “Dio ti ha chiamato al fianco di Cristo” scrisse Samuele Rutheford, “ed il vento, in questo paese, è ora sul volto di Gesù; e siccome tu sei con Lui, non ti puoi certo aspettare d’essere sotto vento o sulla parte sollevata del pendio.”  Samuele Rutherford, con la sua grande capacità di fare un uso eccellente delle parole, anche nelle affermazioni più causali, cristallizza per noi uno …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti