Meditazione del giorno: CHI È IL MIO PROSSIMO ?

di GIOVANNI ROSTAGNO  –  Luca 10:29 –  È quel ferito, chiunque sia, che tu incontrerai oggi sul tuo cammino.   Ma non basterà che tu riconosca più o meno teoricamente nel ferito il tuo prossimo; sarà necessario che il ferito stesso possa dire — a causa della carità che verso di lui ti spinge, del balsamo che tu gli rechi, del lampo di sacrificio che splende nel tuo sguardo — che tu sei stato, che tu sei davvero il suo prossimo. Questo, in fondo, Gesù insegna e vuole nella parabola (leggila fino alle ultime frasi) del buon Samaritano.  Il ferito lo ravviserai facilmente. Ogni uomo, d’altronde, che tu incontri, è in un modo o in un altro un ferito.

Uno è stato ferito dalla miseria. Egli soffre, e le sue sofferenze sono moltiplicate dal fatto che vi sono dei bambini dal volto pallido e dall’occhio spento che soffrono con lui.

Un altro, come quello di cui parla il Cristo, è stato ferito dai ladroni, che lo hanno sfruttato nel suo lavoro, o gli hanno aperto dinanzi la via del male, o nell’ora della tentazione lo hanno adescato, o gli hanno rubato i suoi affetti, le sue speranze, il suo onore, ed hanno fatto scempio dell’anima sua.

Un altro è stato ferito dall’incredulità. Egli aveva creduto con tanto fervore!… Ma poi a poco a poco è penetrata in lui l’indifferenza ; quindi uno scetticismo amaro, quasi beffardo, lo ha vinto. Ora egli non crede più. Gli hanno rubato la fede, gli hanno rubato Iddio!… E anch’egli soffre, poiché quando si strappa da un cuore la fede, rimane sempre, là, una piaga profonda. — Un altro… si è ferito da sé, peccando; e del peccato egli porta sulla fronte o nell’anima le stimmate infamanti.

Orbene, cosa farai tu, incontrando, oggi, il ferito, che potrebbe anch’essere come l’israelita era per il Samaritano   un tuo nemico? Potrà egli dire, stasera, che tu sarai stato veramente il suo prossimo?

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: GRATUITAMENTE AVETE RICEVUTO
    In Devotional
    by Gary Wilkerson– Come figli di Dio, dobbiamo occuparci degli affari di nostro Padre, la missione di Dio. A volte la gente fraintende quello che facciamo. A volte persino le persone nelle nostre chiese o comunità possono fraintenderci e dire: Sei troppo concentrato verso l’esterno e non stai venendo incontro ai miei bisogni! Se è vero che se siamo talmente concentrati all’esterno da non andare incontro ai bisogni di quelli intorno a noi, allora stiamo facendo qualcosa di sbagliato. Siamo qui come chiesa esattamente come Gesù era qui sulla terra. Siamo qui per andare incontro ai bisogni della gente. Se sei ferito, spezzato, [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • LO SCOPO DEL VANGELO
     di  Watchman Nee  –  Trovandosi Egli a Betania in casa di Simone il lebbroso, mentre era seduto a tavola, entrò una donna con un vaso di alabastro di un unguento profumato di autentico nardo, di grande valore; or ella, rotto il vaso, lo versò sul Suo capo …. Gesù disse: .. ” In verità vi dico, che in tutto il mondo, ovunque sarà predicato questo vangelo, si racconterà pure in suo ricordo ciò che costei ha fatto (Marco 14,3,6,9). Il vaso di alabastro: UNO SPRECO? Così il Signore ordinò che la storia di Maria che lo ungeva con quell’unguento tanto costoso dovesse sempre accompagnare la storia del vangelo; […]
  • Che devo fare?
    di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello sviamento o sotto l’oppressione della crisi spirituale? Se ti accorgi chiaramente di questa pericolosa situazione, mettiti all’opera. Molti vedono questo spettacolo di miseria spirituale, ma cercano soltanto di mostrarlo agli altri e poi dicono: “che dobbiamo fare?” Aspettano forse che ” tutti ” si mettano all’opera e perché ognuno aspetta […]
  • COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.
    Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo tempo. Nicodemo era un dottore della legge, un fariseo. Gesù dice a quell’uomo in modo molto chiaro, che Egli è venuto nel mondo per offrire la salvezza a tutti gli uomini. La salvezza è un soggetto di vitale importanza per ogni per ogni uomo che vive sulla faccia della terra, a prescindere dalla religione che professa, dalla razza a cui appartiene, o dal suo stato sociale.  La nostra scelta o decisione […]
  • SEGUIRE GESU’
    di ROBERTO BRACCO   –   Alcuni episodi, ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè:  «Come pervenire alla vita eterna». Bisogna premettere che «vita eterna» non è sinonimo d’immortalità : tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la vita eterna, cioè la pienezza della vita. L’episodio che ci sta davanti è de-scritto non soltanto in questo Vangelo, ma anche in quelli di Matteo e di Marco e raccogliendo gli elementi integrativi contenuti in questo e in quelli si può tracciare un profilo esauriente del soggetto. —        Colui che si presenta a Gesù è […]
  • LA SHEKINAH MANCANTE
    “Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità e mettono l’enfasi sull’opera interiore dello Spirito Santo. E’ nostra convinzione che il movimento evangelico continuerà a deviare sempre di più dagli standard del Nuovo Testamento a meno che coloro che hanno la responsabilità di guidare il movimento non passino dalla condizione di protagonismo e promozione personale alla condizione di […]
  • ARMONIA SPIRITUALE
    di Agostino Masdea   –  “Rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo…” (Filippesi 2.2)  –   Questa richiesta di Paolo ai credenti di Filippi ci parla di armonia.  Che parola straordinaria… armonia! Ci parla di bellezza, di equilibrio, di gradevolezza.  E’ una parola legata alla musica: E’ una consonanza di voci o strumenti musicali che produca una sensazione piacevole, o anche una combinazione di accordi, cioè la concordanza di note simultanee, che provochi un’impressione di piacere in chi ascolta. Si parla di Armonia nella letteratura e nella poesia, quando si nota una “musicalità” che unisce le parole, i verbi e gli aggettivi usati….  Si parla di armonia del corpo umano, armonia dell’universo, armonia dei Vangeli, […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti