Meditazione del giorno: PERDERE PER GUADAGNARE!

di M.R. de Haan   –   «Chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà» Matteo. 16:25  –  Quale debba essere la meta d’un atleta professionista ce lo dice Vince Lombardi: «Vincere non significa essere il primo in tutte le gare — ciò che conta è la vittoria finale!» Una squadra può aver vinto la maggior parte delle partite di qualifica-zione, ma se perde la partita finale, le sue precedenti vittorie hanno scarso significato. E’ decisivo allora in quale posizione della classifica la squadra si trovi alla fine.
Una descrizione più espressiva della vita del cristiano l’ho avuta quando andavo a scuola, condensata in una massima. Su un grande cartello, attaccato ad una parete della palestra, si poteva leggere: «Quando ogni vita arriva alla fine, ed il grande Giudice chiama il tuo nome, non è decisivo se tu abbia vinto o perduto, bensì come hai giocato». Questa frase è più vicina alla visuale cristiana della vita. La volontà di vincere è buona, ma se vogliamo ottenere il successo, è necessario perdere adesso qualcosa per assicurarci più tardi il riconoscimento da parte di Dio.

Prendi l’esempio di Gesù. I suoi seguaci desideravano al più presto possibile un trionfo politico e religioso. Ma Gesù era legato alla volontà del Padre e voleva compierla a qualunque costo. Spesso sembrava che Egli stesse sul difensivo. Volontariamente, per colpe che non aveva mai commesse, si offrì alla morte in croce. Egli era pronto a rinunziare agli applausi del popolo ed a perdere anche la vita, per vincere la battaglia della nostra liberazione dal peccato e dalle morte. Noi dovremmo seguire il suo esempio. Non è facile sacrificare tempo, denaro ed anche gli amici, per servire Cristo. Ma se lo facciamo volenterosamente e per la gloria di Dio, constateremo che la gioia di una temporanea vittoria non vale e non è paragonabile a quella della vittoria finale.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

Charles Spurgeon: Predicare tra le avversità

di John Piper  –  Charles Haddon Spurgeon morì il 31 gennaio del 1892, all’età di 57 anni. Predicò per 38 anni al “Metropolitan Tabernacle” di Londra. La sua vita è ricchissima d’insegnamenti per i cristiani e specialmente per i pastori. Tutti dobbiamo affrontare le avversità e trovare in mezzo ad esse, il modo di perseverare anche nei momenti più opprimenti della vita. Tutti, allo stesso modo, devono alzarsi, fare …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

GOLGOTA DIMENTICATO

di J. R. GSCHWEND – Missionario in AFRICA per più di 70 anni.  –  Milioni di uomini e donne di tutte le classi sociali e di tutte le nazioni, piangono e piangeranno ancora amaramente, perché si sono dimenticati del Golgota e del Figliuolo di Dio che offri per la loro salvezza, nei giorni della sua carne, preghiere, supplicazioni con alte grida e con lacrime (Ebrei 5.7). Migliaia di …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie

“Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI: "UN DIADEMA AL POSTO DELLA CENERE".

Pastore Agostino Masdea  –  Predicazione di Domenica 6 Aprile 2014  –  (ISAIA 61:1-3)                                    Gesù Cristo è pronto a sostituire la tua cenere con un diadema, il tuo cordoglio e il tuo il lutto, con “olio di letizia”, le tenebre della tua vita con la luce meravigliosa della sua presenza, la condizione di …
Leggi Tutto

FRANCHEZZA

di Roberto Bracco  –  Nell’esercizio del ministero e del servizio, cristiano la “franchezza” rappresenta una caratteristica positiva, anzi un elemento indispensabile, ma dobbiamo saperla individuare per essere certi di non sostituirla con quei surrogati perniciosi che vengono abbondantemente offerti dalla natura umana. “Franchezza” vuol dire esercizio della libertà e quando ci riferiamo alla “franchezza” espressa nella vita e nel servizio cristiano parliamo della completa liberazione dalla timidezza, dalla …
Leggi Tutto

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   –  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ possibile la pace? Questa domanda preoccupa non solo i cristiani ma anche gli aderenti ad altre religioni nel mondo ed ad altri tipi di fede, nonché coloro che si occupano di politica. Essa non si limita solo alla …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti