Meditazione del giorno: Maturità: lo scopo dell’insegnamento

aw-tozer

di A. W. Tozer  –  Ogni credente ha avuto modo o vorrebbe aver modo, qualche volta, di mettersi a confronto con qualcuno più saggio o più spirituale di lui e chiedere a lui consiglio e guida per la vita cristiana.  Questo è buono ed anche scritturale, quindi non può essere condannato. Un’anima nuova e rinata in Cristo è felice quando trova un’altra anima pura e santa da prendere come modello e dalla quale può imparare quali siano le vie per il regno di Dio. Costui agisce da mentore per preservare il giovane cristiano dal fare molti sbagli e per salvarlo dalle insidie in cui potrebbe altrimenti cadere.

Se ne parla molto nelle Scritture e si trovano molti esempi di insegnamento. Giosuè ebbe il suo Mosè, Eliseo ebbe il suo Elia e Timoteo ebbe il suo Paolo. Questo ci dice molto dell’umiltà di questi giovani uomini, i quali avevano volontà d’imparare, ma anche della pazienza dei più anziani che a loro volta erano ben felici di insegnare. Se ad esempio Mosè non avesse più voluto la compagnia del giovane Giosuè non volendo essere infastidito da lui, o se Giosuè fosse stato troppo orgoglioso e sicuro di sé per sedersi ai piedi di Mosè la storia d’Israele sarebbe stata differente.

Il rapporto maestro-discepolo è normale e sano fino ad un certo punto; superato il limite diventa dannoso sia per il maestro che per il discepolo. Un neonato attaccato al seno è una cosa bellissima e naturale da vedere, ma un bambino di quattro anni che non è ancora stato svezzato può incorrere in danni fisici e psicofisici. Tale anormalità avrebbe ripercussioni sull’intelligenza del bambino e metterebbe in discussione la competenza e la saggezza della madre.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LE COSE LECITE

di Roberto Bracco  –  Un servo di Dio disse: – “La parte più numerosa di coloro che naufragano nell’oceano della fede è vinta non dall’immoralità, ma dalle cose lecite.” Oggi quest’affermazione sembra una didascalia della situazione della cristianità. Le “cose lecite” sono diventate un’altra volta le catene dei credenti; i loro polsi e le loro caviglie, parliamo in metafora, sono serrati strettamente …
Leggi Tutto

LA CONVERSIONE DI GUIDO SCALZI

Dal Convento a Cristo. Il Signore non si è mai stancato di cercarmi. Fin da bambino ho desiderato di servire Iddio, da quando avevo otto – nove anni. Guardando il creato e le bellezze che c’erano in esse, mi resi conto che qualcuno aveva fatto tutto ciò. Nacque in me il desiderio di servire questo Dio che ha creato il cielo e la terra. Essendo di famiglia cattolica, …
Leggi Tutto

La libertà cristiana

di John MacArthur   – “Fratelli, voi siete stati chiamati a libertà; soltanto non fate della libertà un’occasione per vivere secondo la carne, ma per mezzo dell’amore servite gli uni agli altri”(Gal. 5:13).  Una delle mie gioie come pastore è quella di insegnare alle persone la Parola di Dio e spiegare le sue implicazioni nelle loro vite.  Tra i dubbi che la gente esprime, non figurano domande su se …
Leggi Tutto

A PROPOSITO DI TATUAGGI

di Alejandro Seibel  –   “Non vi farete incisioni nella carne… né vi farete tatuaggi addosso. Io sono il SIGNORE”  (Lev. 19, 28)  –    La Diodati riporta : “Non vi fate alcuna tagliatura nelle carni … e non vi fate bollatura alcuna addosso. Io sono il Signore”. Tatuaggi, incisioni, “piercing” (dal verbo inglese “to pierce”, lett. Traforare, pratica indicante la perforazione della pelle allo scopo di inserirvi oggetti …
Leggi Tutto

AL CENTRO DELLA VOLONTA' DI DIO.

Estratto da un predica di TOMMASO GRAZIOSO.  –   Avevo ricevuto una chiamata per andare a predicare a New York per la mia prima volta da predicatore Non stavo nei miei panni per la tanta gioia e per l’emozione. La mattina presto presi la macchina e mi avviai per andare a predicare. Stavo in macchina e ripetevo i passi biblici con entusiasmo quando, improvvisamente spuntò un uomo quasi …
Leggi Tutto

IL SERMONE

di ROBERTO BRACCO   –   Come si prepara un sermone? Preparando la propria vita!  Se noi crediamo che il ministro rappresenta soltanto il canale attraverso il quale deve fluire la gloria di Dio, ci dobbiamo preoccupare che questo canale sia completamente libero per far passare lo Spirito di Dio. La lettura, la meditazione, la preghiera unite alla santità della vita sono gli elementi più preziosi per preparare un sermone …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Venite a me

Sermone di Roberto Bracco …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti