Meditazione del giorno: Maturità: lo scopo dell’insegnamento

aw-tozer

di A. W. Tozer  –  Ogni credente ha avuto modo o vorrebbe aver modo, qualche volta, di mettersi a confronto con qualcuno più saggio o più spirituale di lui e chiedere a lui consiglio e guida per la vita cristiana.  Questo è buono ed anche scritturale, quindi non può essere condannato. Un’anima nuova e rinata in Cristo è felice quando trova un’altra anima pura e santa da prendere come modello e dalla quale può imparare quali siano le vie per il regno di Dio. Costui agisce da mentore per preservare il giovane cristiano dal fare molti sbagli e per salvarlo dalle insidie in cui potrebbe altrimenti cadere.

Se ne parla molto nelle Scritture e si trovano molti esempi di insegnamento. Giosuè ebbe il suo Mosè, Eliseo ebbe il suo Elia e Timoteo ebbe il suo Paolo. Questo ci dice molto dell’umiltà di questi giovani uomini, i quali avevano volontà d’imparare, ma anche della pazienza dei più anziani che a loro volta erano ben felici di insegnare. Se ad esempio Mosè non avesse più voluto la compagnia del giovane Giosuè non volendo essere infastidito da lui, o se Giosuè fosse stato troppo orgoglioso e sicuro di sé per sedersi ai piedi di Mosè la storia d’Israele sarebbe stata differente.

Il rapporto maestro-discepolo è normale e sano fino ad un certo punto; superato il limite diventa dannoso sia per il maestro che per il discepolo. Un neonato attaccato al seno è una cosa bellissima e naturale da vedere, ma un bambino di quattro anni che non è ancora stato svezzato può incorrere in danni fisici e psicofisici. Tale anormalità avrebbe ripercussioni sull’intelligenza del bambino e metterebbe in discussione la competenza e la saggezza della madre.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Roberto Bracco - Sermone

​ Sermone di Roberto Bracco – Isaia 40:1-11 “Una Parola di Consolazione” …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: C'è una corona che aspetta coloro che amano Mio Figlio.

Per il resto, mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno, e non solo a me, ma anche a tutti quelli che hanno amato la sua apparizione. (2 Timoteo 4:8) Quando l’apostolo Paolo scrive questa lettera a Timoteo, che era spiritualmente suo figlio, è ormai prossimo alla fine della sua vita. Egli proclama con forza che c’è una …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono un padre per gli orfani e difendo la causa delle vedove.

Dio è padre degli orfani e difensore delle vedove nella sua santa dimora; (Salmo 68:5) È confortante sapere che Dio promette di essere un padre per l’orfano. In questa generazione di orfani nella quale viviamo, c’è un grande bisogno come non mai dell’amore di un padre. Con quasi il 50% delle famiglie, nei paesi occidentali, finite in divorzio, c’è un grido che oggi ripete quello dei discepoli di Gesù …
Leggi Tutto

Testimonianze da Azusa Street 

di A. W. Orwig  –   A.W Orwig, ex ministro metodista, battezzato nello Spirito Santo nella missione di Azusa Street, nel seguente racconto condivide le esperienze fatte al n° 312 di Azusa Street. L’articolo è tratto dalla prima storia del movimento pentecostale pubblicata, di Bennett F. Lawrence, The Apostolic Faith Restored (St. Louis, MO: Gospel Publishing House, 1916), pp 77-89. Era il settembre del 1906. Mi era giunta all’orecchio …
Leggi Tutto

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  –  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere la nostra vita più bella, di quanto tutti i libri di letteratura messi assieme possano contenere”. Il poeta Samuel Coleridge notò: “Nella Bibbia vi sono più cose che mi riguardano, di quanto io non abbia mai trovato in …
Leggi Tutto

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

AMOR PROPRIO

L’amor proprio è un incentivo efficace dell’azione e si possono enumerare intere moltitudini di uomini che hanno compiuto imprese eroiche o durature sotto lo stimolo di questo sentimento umano. Anche nel mondo religioso l’amor proprio ha il suo posto onorevole e riesce ad ispirare e promuovere le opere più gigantesche e le imprese più impegnative. Molti programmi missionari, molte attività assistenziali e moltissime opere comunitarie sono il risultato …
Leggi Tutto

VIVERE IL CRISTIANESIMO.

di ROBERTO BRACCO  –  Che cos’è il cristianesimo?  Questa domanda rappresenta una premessa indispensabile al soggetto che ci accingiamo a trattare. Il cristianesimo è la dottrina di Cristo nella sua attuazione pratica! La dottrina di Cristo, non bisogna dimenticare, non ha soltanto un aspetto morale ed un contenuto legale, ma anche, anzi soprattutto, un aspetto ideale; cioè la dottrina di Cristo non si esaurisce nell’insegnare a vivere puramente …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti