Meditazione del giorno: Le Beatitudini: Tre Osservazioni

di  Charles R. Swindoll  –  Matteo 5:1–12  –  L’introduzione del Sermone sul Monte di Gesù è senza dubbio la parte più conosciuta del Suo messaggio (Matteo 5:1–12). Comunemente chiamato “Le Beatitudini”, questa parte ci fornisce una delle immagini più significative dell’essere un servo che siano mai state scritte. Leggiamo nuovamente e lentamente queste parole immortali:  “Beati i poveri in spirito, perché di loro è il regno dei cieli. Beati coloro che fanno cordoglio perché saranno consolati. Beati i mansueti, perché essi erediteranno la terra. Beati coloro che sono affamati e assetati di giustizia, perché essi saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché essi otterranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché essi vedranno Dio. Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. Beati coloro che sono perseguitati a causa della giustizia, perché di loro è il regno dei cieli. Beati sarete voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli, poiché così hanno perseguitato i profeti che furono prima di voi” (Matteo 5:3–12).

Lasciami suggerirti tre osservazioni generali. Prima, ci sono otto tratti caratteriali che identificano un vero servo. Quando tutti e otto sono mixati insieme in una vita, ne emerge una persona equilibrata. È importante capire che questa non è una lista di “scelta multipla” dalla quale possiamo liberamente scegliere le nostre caratteristiche preferite. Il nostro Salvatore ha dichiarato chiaramente  queste qualità affinché ci guidino ad uno stile di vita diverso e che piaccia a Lui. Dunque, un attento esame di ciascuna qualità è essenziale.

Secondo, questi tratti aprono la porta ad una felicità nascosta. Ecco qui alcune attitudini fondamentali che, quando vengono interiorizzate e sperimentate, portano grande soddisfazione. Gesù offre un appagamento in tutto ciò, che nient’altro sulla terra è in grado di dare. Rifletti su come comincia ogni verso: “Beati i…”. questa è l’unica volta in cui il Signore ripete lo stesso termine otto volte consecutive. Coloro che fanno proprie queste attitudini trovano una felicità duratura.

Terzo, ad ogni caratteristica corrisponde una promessa. L’hai notato? “Beati i… (qualità), perché…(la promessa)”. Cristo ha in serbo benefici particolari per ogni specifica qualità. E che grandi promesse! Non c’è da stupirsi che alla fine del sermone successe quanto leggiamo di seguito:

“Ora, quando Gesù ebbe finito questi discorsi, le folle stupivano della sua dottrina, perché egli le ammaestrava, come, uno che ha autorità e non come gli scribi” (7:28–29).   Mai prima di quel momento la folla aveva ascoltato tali meravigliose verità presentate in maniera così interessante e piena di significato. La gente bramò che quelle promesse si incarnassero nelle loro vite.

Noi dobbiamo fare lo stesso.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

UNA PROMESSA PER OGGI: IL MIO AMORE PERFETTO CACCERÀ VIA LA PAURA DAL TUO CUORE. 

-Nell’amore non c’è paura; anzi, l’amore perfetto caccia via la paura. (1 Giovanni 4:18)  –  Secondo la Concordanza Biblica Strong, il significato della parola greca per “perfetto” è “completo”. Immaginate un amore completo in tutto. L’amore di un padre, l’amore di una madre, l’amore di un amico, l’amore di un fratello, l’amore di un coniuge, ecc. Qualunque tipo di amore abbiamo bisogno, la vera sorgente si trova nella completezza …
Leggi Tutto

Priorità del risveglio.

di R. J. WELLS  –  Senza dubbio il bisogno più grande ed urgente della nostra nazione e della chiesa, oggi, è quello di avere un possente risveglio spirituale. Malgrado tutti gli sforzi titanici che la Chiesa sta compiendo nel tentativo di risolvere i molti problemi che l’assillano, i suoi progressi sono alquanto limitati. Infatti, quando noi analizziamo la situazione generale, siamo portati a concludere che i migliori sforzi …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "Trought it all" di Andrae Crouch

  IN MEMORIA DI ANDRAE CROUCH   –  Giovedì scorso si è fermato il cuore del leggendario cantante evangelico, 72 anni di cui 50 trascorsi nel mondo della musica cristiana. Era stato trasportato in ospedale lo scorso 3 gennaioper le complicazioni a uno stato di salute già compromesso da diabete e cancro. Riproponiamo una delle sue tante canzoni con la storia della sua vita.       Andrae Crouch è …
Leggi Tutto

LA TEOLOGIA DELLA GRAZIA

Un sermone di Roberto Bracco che evidenzia la semplicità dell’Evangelo e l’universalità della salvezza. Ottimo messaggio di evangelizzazione …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: NON ESSERE TRISTE, PERCHÉ LA MIA GIOIA È LA TUA FORZA.

Poi Neemia disse loro: «Andate, mangiate cibi grassi e bevete bevande dolci, e mandate delle porzioni a quelli che non hanno preparato nulla per loro; perché questo giorno è consacrato al nostro Signore; non siate tristi; perché la gioia del SIGNORE è la vostra forza». Neemia 8:10 In questo brano della Scrittura, Israele era riunito per ascoltare la Parola di Dio. Sembra fosse un momento molto intenso e tutte …
Leggi Tutto

QUESTO E' IL TEMPO

– di Agostino Masdea –  E questo tanto più dobbiamo fare, conoscendo il tempo, perché è ormai ora che ci svegliamo dal sonno, poiché la salvezza ci è ora più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata e il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce. (Romani 13:11-12) Questo è il tempo, per ogni credente di alzarsi e annunciare l’Evangelo …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: Tradizioni religiose

di ROBERTO BRACCO  –  In occasione delle festività  torna nelle conversazioni cristiane l’argomento delle tradizioni religiose e molti si chiedono in che modo o fino a quale limite i credenti devono o possono partecipare alle consuetudini che impegnano la cristianità nel senso generico di quest’ultimo termine. Si parla di “cenoni”, di “pranzi”, di” strenne”, di “presepi”, di “alberi di Natale”, di “auguri”, e poi… di “Babbo Natale”, della “Befana”, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti