Meditazione del giorno: CONTROLLARE I SEGNI VITALI

 by Jim Cymbala  –   La preghiera è fonte di vita per il cristiano, una vera e propria ancora di salvezza. Vivere senza la preghiera equivale ad avere fra le braccia una bambina e vestirla di tutto punto, ma la bambina non respira! Né ora né mai quei graziosi abitini saranno in grado di stabilire i segni vitali della bambina. È inutile parlare a qualcuno che si trova in stato comatoso. Ecco perché oggi pur insegnando con grande enfasi alle chiese i risultati prodotti sono così limitati. L’insegnamento è utile solo se vi è modo di canalizzarlo a delle vite pronte a riceverlo. Se gli ascoltatori sono in coma spirituale, nonostante quello che stiamo dicendo sia giusto e dottrinalmente corretto, è impossibile parlare ed insegnare loro ciò che fa parte della vita spirituale.

I pastori e le chiese devono arrivare a comprendere che non possiamo considerarci dei cristiani del Nuovo Testamento se non abbiamo una vita di preghiera. Questa convinzione ci sgomenta un po’, ma con cos’altro Dio sarà in grado di fare breccia nei cuori?  Riflettiamo su ciò che Atti 2:42 dice: “Essi erano perseveranti nel seguire l’insegnamento degli apostoli, nella comunione, nel rompere il pane e nelle preghiere”. Come possiamo notare, la preghiera risulta essere la normalità per la chiesa. Invocare il nome del nostro Signore è il quarto elemento della lista. Se la mia chiesa o la tua chiesa non stanno pregando, non dovremmo vantarci della nostra correttezza dottrinale o del numero di persone presenti la domenica mattina.Mia moglie Carol ed io ci siamo detti più di una volta che se nella Brooklyn Tabernacle dovesse venir meno lo spirito di contrizione e diminuire il desiderio di invocare Dio, allora sapremo di avere un grosso problema, anche se avessimo 10.000 membri.Durante un affollatissimo incontro di preghiera del martedì sera mi sono ritrovato circondato da un santo fragore fatto di preghiere ed intercessioni che riempivano la chiesa e che fuoriuscivano da ogni cuore lì presente. Mentre l’incontro stava giungendo al termine udii per caso delle mamme che intercedevano per i loro figli ribelli, uomini che chiedevano a Dio di aiutarli a trovare lavoro ed altri che ringraziavano Dio per aver risposto alle loro preghiere. In quel momento non potei fare a meno di pensare: “ciò che sto vivendo intorno a me è la cosa più vicina al paradiso che abbia mai sperimentato in questa vita. Non voglio che finisca adesso. Se mi invitassero alla Casa Bianca per incontrare dei dignitari, ciò non potrebbe mai farmi sentire la stessa pace e profonda gioia che sento qui alla presenza di gente che invoca Dio”.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: L’EGITTO NEL LORO CUORE
    In Devotional
    by Gary Wilkerson   –   Nehemia era un pastore in Israele, un re, una guida spirituale, un leader e un rinnovatore che aveva riportato Israele a Gerusalemme dove cominciarono a ricostruire le mura che erano state distrutte. Nehemia lasciò Gerusalemme per fare visita al re di Persia e quando ritornò disse: “In quei giorni io vidi…” (Nehemia 13:15).  Quando Nehemia ritornò in città, vide i figli d’Israele fare esattamente le stesse cose che i loro padri avevano fatto e che avevano fatto sì che venissero deportati in esilio e in schiavitù.  Questi erano stati liberati e stavano ricostruendo la loro città madre, ma ancora una volta [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • SOPPORTATEVI
    di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo tutti, inevitabilmente, delle imperfezioni che turbano o affliggono coloro che ci circondano. Se fossimo perfetti non avremmo bisogno di essere sopportati perché nella perfezione non esiste offesa ed anche se gli altri fossero perfetti non avrebbero ragione di chiedere sopportazione perché non ci recherebbe turbamento o pena, ma la nostra e […]
  • …MA DAVIDE SI FORTIFICO’ NELL’ETERNO.
    1 Samuele 30: 6  –  È una cosa che si comprende all’istante, fortificarsi o farsi coraggio, è un’arte delle più importanti e maggiormente utili. Ma, perché?Perché un uomo scoraggiato è un essere indebolito e vinto. Egli è anche, ed è bene dirlo, un uomo pressocché inutile. Quanta gente è fallita nella vita, non per­ché mancava di capacità, ma perché non ha avuto coraggio sufficiente. Questa, per esempio, è la ragione per cui fallì l’uomo della parabola dei talenti, il quale non aveva che un solo talento miserabile. Egli non ebbe coraggio, si lasciò prendere dalla paura. Si è lasciato fermare troppo presto dalla difficoltà lasciandosi invadere dallo scoraggiamento. Lo scoraggiamento è un arma efficace del Diavolo.Amico, se vuoi vincere una battaglia spirituale, se vuoi vivere […]
  • CHI E’ COSTUI?
    di ROBERTO BRACCO – Coloro che avevano risposto all’appello del Maestro divino, che lo avevano seguito, che erano entrati nelle file dei suoi discepoli, avevano avuta la possibilità più degli altri di vedere le opere, di udire le parole di Cristo. La potenza soprannaturale del Redentore era stata messa in azione davanti a loro attraverso molteplici circostanze ed essi avevano veduto miracoli, guarigioni, liberazioni. Erano passati di meraviglia in meraviglia e le esperienze compiute erano state esperienze sempre nuove, sempre più grandi. Eppure di fronte all’autorità che Gesù esercita, non sopra un corpo ammalato, o sopra un’anima inferma, ma addirittura sopra gli elementi della natura, essi si sentono sopraffatti dalla grandezza della sua personalità ed esclamano: […]
  • IL FIGLIUOL PRODIGO
    Sermone predicato nella Chiesa Evangelica di Via Anacapri, 26  – Roma –   Trascritto in forma integrale. Generalmente quando noi consideriamo questa parabola fermiamo la nostra attenzione sopra il figliuolo, il figliuol prodigo. Il giovane che dopo aver fatto un’amara esperienza, ritornando in sé stesso, decide di volgere i suoi passi verso la casa paterna, e di cercare nella benedizione del Padre la soluzione del proprio problema. […]
  • LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)
    Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino. Si, tutti invocano severità e disciplina, ma verso gli altri e non verso se stessi. E così gli uomini hanno una costante necessità di cambiare continuamente le loro leggi. Non è così però per la Chiesa. La chiesa non è governata da leggi e principi umani, ma dalla Parola di Dio. La nostra unica regola di fede, la nostra unica fonte per determinare la nostra condotta è la parola divina. Ma […]
  • COME LEW WALLACE INCONTRO’ CRISTO SCRIVENDO BEN HUR.
    Lew Wallace, l’autore del best-seller “Ben Hur”, da cui fu tratto il famoso film di Charles Heston fu un avvocato prima, poi senatore e infine generale nell’esercito americano.  Ma la sua fama la ottenne scrivendo il romanzo “BEN HUR”, che aveva cominciato a scrivere per screditare il cristianesimo. Ma… Avevo appena terminato di leggere «Ben Hur» ; il libro giaceva ancora aperto sul tavolo, quando l’autore, Lew Wallace, entrò nella stanza. «Questo libro mi è stato di grande benedizione», gli dissi, «ed ho intenzione di rileggerlo più volte».  L’autore parve lieto del mio entusiasmo; ed io m’arrischiai a chiedergli che cosa lo avesse spinto a scrivere quella storia. Dopo un istante di riflessione, egli mi rispose: «Ve lo dirò con piacere». […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti