Meditazione del giorno: IO NON MOLLO!

di DAVID WILKERSON  –   Sono sicuro che nei primi giorni del suo cammino con Cristo, Paolo attraversò dei momenti terribili; e, come la maggior parte di noi, probabilmente sperò che se solo avesse confidato nel Signore abbastanza, sarebbe stato protetto da ogni male.  La prima volta che Paolo venne gettato in prigione, per esempio, avrà gridato per ricevere liberazione: “Signore, spalanca le porte di questa prigione. Fammi uscire da qui per la causa dell’evangelo!” Allo stesso modo, il suo primo naufragio avrà probabilmente messo a dura prova la sua fede; e le prime percosse che ricevette potrebbero avergli fatto mettere in dubbio la capacità di Dio di mantenere la Sua parola: “Signore, Tu hai promesso di proteggermi. Non capisco perché sto sopportando questa prova orribile”.

Ma le cose non facevano che peggiorare per Paolo. La Scrittura non offre molte prove per cui l’apostolo abbia mai visto molto sollievo dalle proprie avversità.
Credo che al suo secondo naufragio, Paolo abbia pensato, “So che il Signore dimora in me e quindi deve avere una ragione per questa prova. Egli mi ha detto che ogni cosa coopera al bene per coloro che amano Dio e che sono chiamati secondo il Suo proponimento [vedi Romani 8:28]. Se questo è il Suo modo di causare una manifestazione di Cristo maggiore in me, che sia. Che io affondi o nuota, la mia vita è nelle Sue mani”.Al terzo naufragio, Paolo forse disse, “Guardatemi, voi tutti angeli nella gloria! Guardatemi, voi tutti vili demoni dell’inferno. Guardatemi, voi tutti fratelli e peccatori. Sto scendendo di nuovo in acque profonde e scure e voglio che tutti voi sappiate che la morte non può trattenermi! Dio mi ha detto che non è finita per me – e io non mollo. Non chiederà al mio Signore perché vengo provato in questo modo. So soltanto che questa situazione di morte si concluderà con una grande gloria per Lui. Quindi, guardate come la mia fede ne uscirà pura come l’oro!”Per dirla con parole semplici, le nostre situazioni di morte sono volte a porre fine a determinate lotte personali. Nostro Padre ci porta in un luogo in cui ci rendiamo conto di dover dipendere completamente da Cristo, altrimenti non ce la faremo. Egli vuole che diciamo, “Gesù, se Tu non mi liberi, è finita. Ripongo la mia fiducia in Te affinché sia Tu a compiere ogni cosa!”

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Consci di essere Suoi
    In Devotional
    di Vance Havner  –  Il Signore conosce quelli che sono suoi (2 Timoteo 2:19). Noi sappiamo che siamo da Dio (1 Giovanni 5:19). Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri (Giovanni 13:35).  –   Dio conosce i suoi. È buono che Egli lo sappia, perché a volte sarebbe difficile per noi determinare chi sia Suo o meno! Il cielo ci sorprenderà in entrambi i casi.  Noi possiamo sapere che siamo Suoi. In 1 Giovanni troviamo tantissimi indizi sulla “consapevolezza” di far parte al popolo di Dio più che in altri libri della Bibbia. E gli altri ci riconosceranno grazie all’amore, che sarà [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie
    “Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti arrivarono sperando di trovare acqua fresca e dissetarsi. Invece trovarono acqua amara che li portò insorgere e lamentarsi contro Mosè. In risposta alla preghiera di Mosè, il Signore mostrò un pezzo di legno e gli disse di gettarlo nell’acqua. Non appena il legno entrò in contatto con l’acqua, l’acqua divenne dolce e potabile. È fu proprio dopo questo che Dio fece la promessa di oggi agli […]
  • L’UOMO NEL TEMPO E NELL’ETERNITA’
    di  ROBERTO BRACCO                                           Questo studio ha, soprattutto, uno scopo: esaminare l’uomo nel suo aspetto di “creatura di Dio”, quindi nel suo aspetto più profondo, più importante. Noi speriamo che questo esame possa rappresentare un raggio, sia pur debole, di luce, per una conoscenza più intera dell’uomo, la più meravigliosa fra le creature di Dio. […]
  • PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO
    “Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi realtà indefinite e sbiadite. In tale tragica situazione la chiesa pentecostale ha raccolto l’invito di Dio di predicare e proclamare una verità dimenticata. […]
  • Siamo Troppo Attaccati alle cose Terrene
    di David Wilkerson. Hai notato che si parla davvero poco oggi del cielo o del lasciarci dietro questo mondo? Piuttosto, siamo bombardati di messaggi su come usare la nostra fede per acquisire più cose possibili. “Il prossimo risveglio”, disse un noto dottore, “sarà un risveglio finanziario. Dio riverserà benedizioni finanziarie su tutti i credenti”. […]
  • Una promessa per oggi: Il mio amore è sparso nel tuo cuore per mezzo del mio Spirito
    L’amore di Dio è stato sparso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato. Romani 5:5  –   La foto della promessa di oggi è stata scattata a Niagara Falls. Visto che ho la fortuna di vivere a 15 miglia da questa grande meraviglia della natura, è facile per me andare lì ogni volta che lo desidero. L’immensa quantità di acqua che forma sia la American Falls che la Horseshoe Falls è assolutamente incredibile. Giorno e notte, l’acqua continua a riversarsi dalla cima di questo precipizio, sbattendo sulle rocce sottostanti. Semplicemente non finisce mai. Ecco perché ho scelto questa foto: per illustrare la promessa che Dio continua a versare il suo amore nei nostri cuori per lo Spirito Santo che Egli ci ha dato. Il suo amore per noi è un fiume impetuoso […]
  • TUTTI GLI OSTACOLI AL RISVEGLIO NELLA CHIESA SONO DOVUTI AL PECCATO
    di JONATHAN GOFORTH  –  Missionario Presbiteriano in Manciuria e in Cina 1888-1935.   Al ritorno in Cina nell’autunno del 1901, dopo essermi ripreso dagli effetti sconvolgenti della rivolta dei Boxer, (La Rivolta dei Boxer fu una ribellione sollevata in Cina da un grande numero di organizzazioni cinesi popolari, contro l’influenza straniera colonialista. N.d.t.) cominciai a sperimentare una crescente insoddisfazione per i risultati del mio lavoro missionario. Nei primi anni pionieristici incoraggiavo me stesso con la certezza che un tempo di semina precede sempre un tempo di raccolta, ed ero, quindi, contento di persistere in quell’apparentemente futile lotta. Ma tredici anni erano passati e il raccolto sembrava più lontano che mai. Ero sicuro che ci fosse qualcosa di […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti