Meditazione del giorno: IO NON MOLLO!

di DAVID WILKERSON  –   Sono sicuro che nei primi giorni del suo cammino con Cristo, Paolo attraversò dei momenti terribili; e, come la maggior parte di noi, probabilmente sperò che se solo avesse confidato nel Signore abbastanza, sarebbe stato protetto da ogni male.  La prima volta che Paolo venne gettato in prigione, per esempio, avrà gridato per ricevere liberazione: “Signore, spalanca le porte di questa prigione. Fammi uscire da qui per la causa dell’evangelo!” Allo stesso modo, il suo primo naufragio avrà probabilmente messo a dura prova la sua fede; e le prime percosse che ricevette potrebbero avergli fatto mettere in dubbio la capacità di Dio di mantenere la Sua parola: “Signore, Tu hai promesso di proteggermi. Non capisco perché sto sopportando questa prova orribile”.

Ma le cose non facevano che peggiorare per Paolo. La Scrittura non offre molte prove per cui l’apostolo abbia mai visto molto sollievo dalle proprie avversità.
Credo che al suo secondo naufragio, Paolo abbia pensato, “So che il Signore dimora in me e quindi deve avere una ragione per questa prova. Egli mi ha detto che ogni cosa coopera al bene per coloro che amano Dio e che sono chiamati secondo il Suo proponimento [vedi Romani 8:28]. Se questo è il Suo modo di causare una manifestazione di Cristo maggiore in me, che sia. Che io affondi o nuota, la mia vita è nelle Sue mani”.Al terzo naufragio, Paolo forse disse, “Guardatemi, voi tutti angeli nella gloria! Guardatemi, voi tutti vili demoni dell’inferno. Guardatemi, voi tutti fratelli e peccatori. Sto scendendo di nuovo in acque profonde e scure e voglio che tutti voi sappiate che la morte non può trattenermi! Dio mi ha detto che non è finita per me – e io non mollo. Non chiederà al mio Signore perché vengo provato in questo modo. So soltanto che questa situazione di morte si concluderà con una grande gloria per Lui. Quindi, guardate come la mia fede ne uscirà pura come l’oro!”Per dirla con parole semplici, le nostre situazioni di morte sono volte a porre fine a determinate lotte personali. Nostro Padre ci porta in un luogo in cui ci rendiamo conto di dover dipendere completamente da Cristo, altrimenti non ce la faremo. Egli vuole che diciamo, “Gesù, se Tu non mi liberi, è finita. Ripongo la mia fiducia in Te affinché sia Tu a compiere ogni cosa!”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.” Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira …
Leggi Tutto

ABRAMO O LOT ?

Abramo o Lot, non Abramo e Lot! Quando Abramo, ubbidendo alla chiamata di Dio, usci da Ur, il racconto della Genesi dice che:  Terah prese Abramo suo figliolo e Lot…e uscirono insieme da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan. (Genesi 11:3). All’inizio di questo viaggio erano Abramo e Lot, perchè Lot accompagnava suo zio e godeva l’insigne privilegio di camminare con il padre di tutti …
Leggi Tutto

COME INGRID BERGMAN HA INCONTRATO GESU'

di Chad Dou e Mark Ellis   –    Ingrid Bergman, l’attrice premio Oscar famosa per il suo ruolo nel film “Casablanca”, è stata salvata dopo aver recitato nel ruolo di una missionaria in Cina, e l’ironia sta nel fatto che la missionaria non voleva la Bergman in quel ruolo a causa della ben nota relazione adulterina che la stella aveva avuto con un regista italiano.  (R. Rossellini …
Leggi Tutto

Testimonianza di un credente Nord Coreano su come si vive in Corea

Kim Tae Jin ha difficolt? a parlare.?La differenza tra la sua vita in?Corea del Nord?e la sua vita ora a Seoul ? troppo grande.?”La cosa pi? difficile per me,” dice con calma, “? prendere decisioni.?La libert? di scegliere ??sconosciuta nella Corea del Nord.?Il partito ci dice cosa fare.?Eravamo trattati come gruppo, non come individui “, ricorda Kim.?”Man mano che crescevo crescevano anche i miei dubbi circa la propaganda …
Leggi Tutto

SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

di H. CARTER  –  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il racconto di un israelita così forte che poteva portare sulle spalle le porte della città di Gaza, ed anche così debole che fu vinto dalle astuzie di una donna.  Leggendo la sua storia, ci si meraviglia ad un tempo sia della sua forza che della sua debolezza. Quando …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

"La santificazione"

“La santificazione”

Sermone predicato nella chiesa Evangelica di via Anacapri 26 – Roma – trascritto in forma integrale.  -    Alleluia! La ...
Leggi Tutto
CAMMINO' CON DIO

CAMMINO’ CON DIO

di DONALD GEE - La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo ...
Leggi Tutto
SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

di H. CARTER  -  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il ...
Leggi Tutto
LA FEDE E LE OPERE

LA FEDE E LE OPERE

 Studio Biblico del Pastore R. BRACCO (inedito)   - 1)      CHE COS’È LA FEDE: Introduzione: Per approfondire il tema, sempre ...
Leggi Tutto
IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

di ROBERTO BRACCO  -  Ogni volta che il libro degli Atti si sofferma a descrivere il battesimo nello Spirito, la ...
Leggi Tutto
Testimonianze da Azusa Street 

Testimonianze da Azusa Street 

di A. W. Orwig  -   A.W Orwig, ex ministro metodista, battezzato nello Spirito Santo nella missione di Azusa Street, nel ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti