Meditazione del giorno: Come capire ciò che vuole Dio

di  Elisabeth Elliot   –  Una giovane donna si recò, con grande perplessità, da un predicatore scozzese, chiedendogli come avrebbe potuto risolvere il problema dei suoi desideri quando questi sembravano essere in forte contraddizione con la volontà di Dio. Il predicatore prese un foglietto di carta, scrisse su di esso due parole, lo diede alla giovane donna e le chiese di sedersi per dieci minuti, di riflettere sulle parole, di sbarrare poi una di queste e di restituirgli il foglietto.

La donna si sedette e lesse: “No Signore”. Quale delle due sbarrare? Non ci volle molto per capire che, se avesse detto “No”, non avrebbe potuto dire “Signore”, e se avesse voluto chiamarlo “Signore”, non avrebbe potuto dire “No”. Questa sicuramente è una delle domande più frequenti che sorge nei giovani cristiani i quali, per capire ciò che Dio vuole che essi facciano, vengono a trovarsi di fronte a opzioni illimitate rispetto a quella citata sopra. Qual è, esattamente, la chiamata di una persona? Vi sono due condizioni molto semplici per capire la volontà di Dio.

Paolo le esprime in modo chiaro nella sua epistola ai Romani, capitolo 12. La prima si trova al verso 1: “Presentate i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio”. Il punto di partenza sta nel mettere sé stessi totalmente e incondizionatamente a disposizione di Dio. Dire “Si, Signore”. Cedere tutti i diritti proprio all’inizio. Una volta fatto ciò, si può passare alla seconda condizione che si trova al verso 2: “Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente”. Ho detto prima che le condizioni erano semplici. Non ho detto che erano facili. Scambiare un “No, Signore” con un “Si, Signore” è stato spesso doloroso per me. Ma il mio desiderio è quello di avere una “mente rinnovata”: una mente che trae ispirazione dalla Parola di Dio e non dai mass media. La mia preghiera è quella di avere un occhio puro che sia in grado di guardare oltre la nebbia dell’opinione comune, e una volontà tale che riesca a resistere alle correnti: una volontà arresa, deposta accanto a quella di Cristo. Egli è il mio modello. Tutto ciò implica un insieme di ambizioni del tutto diverse, una definizione di felicità completamente differente e una misura di giudizio certamente opposta a quella del mondo. E il comportamento cambierà, e molto probabilmente esso cambierà abbastanza da farmi apparire strana: ma il mio Maestro era considerato molto strano. Paolo prosegue dicendo che queste condizioni sono “L’unico modo per scoprire la volontà di Dio e per conoscere ciò che è buono, ciò che Dio vuole, che è la cosa perfetta da fare”.

Non c’è da meravigliarsi dunque se ci chiediamo: “Qual è il segreto per conoscere la volontà di Dio?” Il fatto è che non siamo partititi dal punto giusto: l’offerta di quel sacrificio onnicomprensivo, dell’intero nostro corpo prima e del rifiuto risoluto dei valori del mondo dopo. “O SIGNORE, fammi conoscere le tue vie, insegnami i tuoi sentieri. Guidami nella tua verità e ammaestrami; poiché tu sei il Dio della mia salvezza” (Salmo 25:4-5). “Se il cammino non è chiaro, Non importa, confidiamo e ubbidiamo A Colui che invita a proseguire, Nel mostrar la via, certo, Egli non può fallire. Anche se profondo è il mare E la strada sembra senza fine, Procediamo senza paura Perché il Signore è la nostra guida sicura.” Anonimo

“Chi è l’uomo che teme il SIGNORE? Dio gl’insegnerà la via che deve scegliere” (Salmo 25:12)

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • MEDITAZIONE DEL GIORNO: DIFFERENZA TRA EVANGELIZZAZIONE E RISVEGLIO
    In Devotional
    di DUNCAN CAMPBELL  –  La differenza tra Evangelizzazione di successo (e uso la parola ‘successo’) e il Risveglio è questa: nell’Evangelizzazione, in due, tre, dieci, venti, ed eventualmente in cento fanno confessione di Gesù Cristo, e alla fine dell’anno ringraziamo Dio se la metà di loro ci sono ancora. Ma la comunità non viene toccata. Le taverne rimangono gremite, le danze (le discoteche n.d.t.), le sale da ballo affollate.  Il teatro e le sale cinematografiche sono frequentate da migliaia. Non vi è alcun cambiamento nella comunità! Ma nel Risveglio, quando lo Spirito Santo di Dio viene, quando il vento del cielo [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Una promessa per oggi: C’è una corona che aspetta coloro che amano Mio Figlio.
    Per il resto, mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno, e non solo a me, ma anche a tutti quelli che hanno amato la sua apparizione. (2 Timoteo 4:8) Quando l’apostolo Paolo scrive questa lettera a Timoteo, che era spiritualmente suo figlio, è ormai prossimo alla fine della sua vita. Egli proclama con forza che c’è una corona di giustizia che è conservata nel cielo per lui, e che Dio stesso la metterà sul suo capo in quel giorno speciale. Dice anche che non c’è solo una corona solo per lui, ma per tutti coloro che amano il Signore Gesù Cristo e aspettano l’ora di sua apparizione. Ciò mi pone l’interrogativo se c’è una corona letterale preparata per ognuno di noi, riposta in qualche deposito celeste, […]
  • COMUNIONE CON DIO
    di George Muller  –  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per la mia vita cristiana. Ad un certo momento della mia vita m’accorsi che era di capitale importanza che io mi mantenessi in continua comunione col Signore, per nutrire il mio spirito. Infatti — pensai — io potrei proporre la verità ai non cristiani, potrei aiutare spiritualmente i credenti, potrei essere di conforto agli afflitti, potrei cercare di comportarmi come si conviene ad un figlio di Dio… eppure se il mio spirito non viene nutrito ed irrobustito giorno per giorno, potrei agire per motivi non completamente spirituali. Prima d’allora, per un dieci anni era stata mia abitudine spendere ogni mattina qualche tempo in preghiera prima di colazione. Però ora vidi che […]
  • APPELLO ALLA PENTECOSTE
    di THOMAS BALL BARRATT  (1862-1940) – (Fondatore del Movimento Pentecostale in Norvegia)  –  Sia lodato il Signore! Vi sono molti cristiani, sia tra i ministri del Vangelo e sia tra i laici, che pregano per il risveglio ed attendono. Essi hanno già udito il suono di molte acque. Il risveglio sta per venire, il risveglio sta per venire! Alleluia! Quando sarà venuto, molti di coloro che hanno pregato per esso saranno sorpresi. Per essere sincero, non credo che un risveglio inferiore alla potenza pentecostale che scese sui discepoli radunati a Gerusalemme possa essere sufficiente oggi; ma non appena la stessa potenza scenderà sulla Chiesa nel suo assieme, saremo testimoni delle stesse dimostrazioni di cui si legge negli Atti degli Apostoli; sì, delle stesse e finanche di maggiori, […]
  • Una promessa per oggi: Il mio amore è sparso nel tuo cuore per mezzo del mio Spirito
    L’amore di Dio è stato sparso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato. Romani 5:5  –   La foto della promessa di oggi è stata scattata a Niagara Falls. Visto che ho la fortuna di vivere a 15 miglia da questa grande meraviglia della natura, è facile per me andare lì ogni volta che lo desidero. L’immensa quantità di acqua che forma sia la American Falls che la Horseshoe Falls è assolutamente incredibile. Giorno e notte, l’acqua continua a riversarsi dalla cima di questo precipizio, sbattendo sulle rocce sottostanti. Semplicemente non finisce mai. Ecco perché ho scelto questa foto: per illustrare la promessa che Dio continua a versare il suo amore nei nostri cuori per lo Spirito Santo che Egli ci ha dato. Il suo amore per noi è un fiume impetuoso […]
  • IL SERPENTE DI RAME
    «E, come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che il Figlio dell’uomo sia innalzato, affinché chiunque crede in lui abbia vita eterna. Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è giudicato; chi non crede è già giudicato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. (GIOVANNI 3:14-18) Queste parole furono pronunciate da Gesù stesso. Egli stava parlando con un uomo molto istruito e religioso. Nicodemo era un dottore dei Giudei, e conosceva benissimo l’episodio al quale Gesù faceva riferimento.   […]
  • Una Promessa per te: “TI PRESERVERÒ DA OGNI CADUTA FINO A QUANDO SARAI FELICEMENTE NELLA MIA PRESENZA.”
    “Or a colui che può salvaguardarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili e con grande gioia, all’unico Dio sapiente, il nostro Salvatore, sia gloria, grandezza, dominio e potestà, da ora e per tutte le età. Amen.  (Giuda 24-25) Un giorno, ognuno che ha invocato il nome del Signore starà davanti alla Sua presenza. La promessa di oggi ci incoraggia che in quel giorno glorioso non avremo nulla da temere. Gesù Cristo, nostro Salvatore, nostro Signore e nostro Fratello, ci presenterà al Padre purificati e irreprensibili. La Bibbia dice che Gesù “ci porterà con gioia nella sua gloriosa presenza senza un minimo difetto.” Mi piace l’idea che quando Gesù ci presenta al Padre, lo farà con gioia esultante! La versione amplificata della Bibbia […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti