Meditazione del giorno: Umanità trasparente

di Charles R. Swindoll  –    –  Il grande apostolo Paolo era proprio come me e te: egli amava Dio ma il suo amore era fallace. Aveva grande passione ma allo stesso tempo una grande debolezza. Più mi soffermavo a pensare a questo concetto più trovavo prove nelle Scritture che lo supportassero. Leggiamo le parole di Paolo in Corinzi: “Anch’io, fratelli, quando venni da voi, non venni con eccellenza di parola o di sapienza, annunziandovi la testimonianza di Dio, perché mi ero proposto di non sapere fra voi altro, se non Gesù Cristo e lui crocifisso. Così io sono stato presso di voi con debolezza, con timore e con gran tremore” (1 Corinzi 2:1-3).

“Beh, l’apostolo sta facendo il modesto”, diresti. No, non quando si comparano queste parole con l’opinione che la gente aveva di lui: “Ben le sue lettere sono dure e forti, ma la sua presenza fisica è debole, e la sua parola di poco conto” (2 Corinzi 10:10).  Scioccante vero? L’apostolo non aveva chissà quante qualità, non era perfetto e non tentava nemmeno di nasconderlo! Egli ammise davanti ai suoi amici di Corinto che era debole, timoroso ed insicuro. Ammiro tanta trasparenza e tutti dovremmo avere questa caratteristica… se quanto affermiamo è la verità.

Non ricordo dove ho trovato questa affermazione, ma l’ho fatta mia per anni. È una vivida affermazione che descrive Paolo come “un uomo di statura moderata con capelli ricci e diradati, gambe storte, occhi sporgenti, sopracciglia larghe, un naso lungo e grosse labbra”. Wow! Di sicuro non assomiglia nemmeno lontanamente a uno degli idoli dei nostri giorni. Da quanto leggiamo in Galati 6:11, probabilmente l’apostolo non aveva nemmeno una buona vista; inoltre, molti sono convinti che avesse anche la gobba! Ebbene si.

Senza nascondere nemmeno un po della sua umanità, (leggiamo Romani 7, se credi fortemente che egli si sentisse un gradino sopra tutti gli altri), Paolo dichiarò apertamente la sua reale condizione. Egli aveva delle necessità e le ammise. Non aveva niente di perfetto nella sua vita e non ne faceva nemmeno mistero. I servi di Dio dovrebbero essere come Paolo, solo così inizieranno a sperimentare gli effetti dell’avere il cuore di un servo.

Paolo ammise la sua umanità. I servi fanno lo stesso.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: Io sarò la tua sicurezza e un luogo di rifugio per i tuoi figli. 

Nel timore dell’Eterno c’è una grande sicurezza, e i suoi figli avranno un luogo di rifugio. (Proverbi 14:26)   –   La persona che adora il Signore ha la fiducia che Dio sarà un luogo sicuro per lui e un luogo di rifugio per i suoi figli. Dio è la nostra fortezza sicura. Le Sue mura sono impenetrabili.  Siamo sicuri e protetti nel centro del Suo cuore. Questa è una buona notizia per noi, …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: La Mia giustizia s'innalza come le montagne più alte, i miei giudizi sono profondi come il grande oceano.

La tua giustizia s’innalza come le montagne più alte, i tuoi giudizi sono profondi come il grande oceano. O SIGNORE, tu soccorri uomini e bestie. (Salmo 36:6) –   Credo che tutta la creazione ci parla continuamente della bontà del Padre. Nella promessa di oggi, il re Davide dichiara che la giustizia di Dio si innalza come le maestose montagne della terra e i suoi giudizi sono profondi come …
Leggi Tutto

Roberto Bracco - Sermone

​ Sermone di Roberto Bracco – Isaia 40:1-11 “Una Parola di Consolazione” …
Leggi Tutto

IL VALORE DI UNA DOMANDA

Il risveglio spirituale ha sempre avuto inizio dal momento che uno o più credenti si sono domandati se la loro vita cristiana era realmente in regola con Dio. Fino a tanto che i figliuoli di Dio vivono senza farsi questa domanda il risveglio non si può manifestare. Anzi coloro che lasciano trascorrere i giorni nell’indifferenza, sono condannati ad impoverire ogni giorno di più nella grazia del Signore. Se …
Leggi Tutto

L'ORGOGLIO, IL GRANDE PECCATO

di C.S. Lewis   Tratto dal libro: Mere Christianity. Che posto occupa l’orgoglio nella nostra vita? Sappiamo che è il peccato più subdolo, spesso mascherato sotto forma di umiltà! É indispensabile che il cristiano autentico esamini se stesso e riconosca le proprie lacune prima di poter progredire nella conoscenza di Dio e arrivare ad essere utile agli altri. Riconoscere l’errore in noi stessi spalanca tutte le porte a Dio, che …
Leggi Tutto

666-2

di HENK SCHOUTEN  –   Molti cristiani si raffigurano l’Anticristo come il «superuomo» degli ultimi tempi ma la Bibbia lo mostra anche sotto un altro aspetto, raramente percepito dai cristiani.   –   Ci sarebbe molto da dire sull’Anticristo. Non appena si nomina questa parola, tutti vogliono sentire. Soprattutto le speculazioni su tale figura sono molto diffuse. Il numero 666 e altre caratteristiche e proprietà di questo personaggio colpiscono, soprattutto …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 20 Luglio 2014  –  (2 Re 5:1-14)   Quando affrontiamo le sfide di questa vita,c’è un solo modo per gestirle; non è fare a modo nostro, ma riporre fede in Dio e fare a modo Suo. Allora Egli verrà incontro al nostro bisogno …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti