Meditazione del giorno: Umanità trasparente

di Charles R. Swindoll  –    –  Il grande apostolo Paolo era proprio come me e te: egli amava Dio ma il suo amore era fallace. Aveva grande passione ma allo stesso tempo una grande debolezza. Più mi soffermavo a pensare a questo concetto più trovavo prove nelle Scritture che lo supportassero. Leggiamo le parole di Paolo in Corinzi: “Anch’io, fratelli, quando venni da voi, non venni con eccellenza di parola o di sapienza, annunziandovi la testimonianza di Dio, perché mi ero proposto di non sapere fra voi altro, se non Gesù Cristo e lui crocifisso. Così io sono stato presso di voi con debolezza, con timore e con gran tremore” (1 Corinzi 2:1-3).

“Beh, l’apostolo sta facendo il modesto”, diresti. No, non quando si comparano queste parole con l’opinione che la gente aveva di lui: “Ben le sue lettere sono dure e forti, ma la sua presenza fisica è debole, e la sua parola di poco conto” (2 Corinzi 10:10).  Scioccante vero? L’apostolo non aveva chissà quante qualità, non era perfetto e non tentava nemmeno di nasconderlo! Egli ammise davanti ai suoi amici di Corinto che era debole, timoroso ed insicuro. Ammiro tanta trasparenza e tutti dovremmo avere questa caratteristica… se quanto affermiamo è la verità.

Non ricordo dove ho trovato questa affermazione, ma l’ho fatta mia per anni. È una vivida affermazione che descrive Paolo come “un uomo di statura moderata con capelli ricci e diradati, gambe storte, occhi sporgenti, sopracciglia larghe, un naso lungo e grosse labbra”. Wow! Di sicuro non assomiglia nemmeno lontanamente a uno degli idoli dei nostri giorni. Da quanto leggiamo in Galati 6:11, probabilmente l’apostolo non aveva nemmeno una buona vista; inoltre, molti sono convinti che avesse anche la gobba! Ebbene si.

Senza nascondere nemmeno un po della sua umanità, (leggiamo Romani 7, se credi fortemente che egli si sentisse un gradino sopra tutti gli altri), Paolo dichiarò apertamente la sua reale condizione. Egli aveva delle necessità e le ammise. Non aveva niente di perfetto nella sua vita e non ne faceva nemmeno mistero. I servi di Dio dovrebbero essere come Paolo, solo così inizieranno a sperimentare gli effetti dell’avere il cuore di un servo.

Paolo ammise la sua umanità. I servi fanno lo stesso.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Siamo Troppo Attaccati alle cose Terrene

di David Wilkerson. Hai notato che si parla davvero poco oggi del cielo o del lasciarci dietro questo mondo? Piuttosto, siamo bombardati di messaggi su come usare la nostra fede per acquisire più cose possibili. “Il prossimo risveglio”, disse un noto dottore, “sarà un risveglio finanziario. Dio riverserà benedizioni finanziarie su tutti i credenti” …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 3 Febbraio 2013

Agostino Masdea:  LA CASA COSTRUITA DALLA GRAZIA (Ebrei 10:32-39;11:1-6) …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

NON UNIRTI AGLI INFEDELI

di John R. Rice  –  Secondo me non c’è nulla di più importante al mondo per un Cristiano del matrimonio con una persona della medesima fede. Il matrimonio è stato creato da Dio. Esso è un’istituzione santa, stabilita da Dio per il nostro beneficio. L’unione tra uomo e donna è tanto intima o preziosa nella sua continuità che in ammonio tra una persona credente e non credente non …
Leggi Tutto

METTERE DIO AL PRIMO POSTO NELLA PROPRIA CASA

di Rex Humbard –  “Perciò l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne”. Genesi 2:24  –  Così come madre aquila protegge i suoi piccini e allo stesso modo li guarda mentre sviluppano l’abilità dell’avere cura di loro stessi, così ogni membro di una casa cristiana dovrebbe proteggere ed incoraggiare gli altri della sua stessa casa. Il matrimonio …
Leggi Tutto

L'AMORE È BENIGNO

di DAVID SKELTON  –  L’ amore è paziente, è benigno. 1 Corinzi 13:4   –   L’amore non è solo passivo che sopporta ogni attacco, ma è anche attivo e fa opere benigne. Matthew Henry, commentando «L’amore è benigno» dice: «Esso è pronto a fare il bene, cerca di essere utile, non coglie solamente l’opportunità quando gli si presenta, ma la cerca». L’amore sarà sempre pronto ad agire. Questo …
Leggi Tutto

VAI, IO MANDO TE!

di MIKE BROWN  –  Il cuore di Dio è un cuore missionario. Egli desidera che il popolo che ha creato viva con Lui per sempre. Questo è il primo motivo per cui ci ha creato, affinché potessimo avere comunione con Lui, conoscerlo e così essere Suoi. Ciò era, ed è il Suo cuore. Egli, dopo tutto, è chiamato il Padre celeste.  La caduta dell’uomo non ha cambiato le …
Leggi Tutto

ABRAMO O LOT ?

Abramo o Lot, non Abramo e Lot! Quando Abramo, ubbidendo alla chiamata di Dio, usci da Ur, il racconto della Genesi dice che:  Terah prese Abramo suo figliolo e Lot…e uscirono insieme da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan. (Genesi 11:3). All’inizio di questo viaggio erano Abramo e Lot, perchè Lot accompagnava suo zio e godeva l’insigne privilegio di camminare con il padre di tutti …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti