Meditazione del giorno: Ripieni dello Spirito

 di GIOVANNI ROSTAGNO  –  “Gesù ripieno dello Spirito Santo… fu Condotto dallo Spirito nel deserto… e durante quei giorni non mangiò nulla.” Luca 4:1-2.  –  Mi domandi qual sia il modo migliore di prepararti ad affrontare la tentazione. Te lo insegna Gesù. Egli andò incon­tro alla tentazione, essendo ripieno dello Spirito Santo. Ottenuto lo Spirito del Signore, tu acquisterai sapienza. Cioè, nel nostro caso, il discernimento necessario per sco­prire le intenzioni e le astuzie del tentatore; per ve­dere in quale abisso egli ti voglia precipitare… E potenza per resistere e per vincere.

Ma come farò io per ottenere quello Spirito? Il Maestro ti dice nella sua Parola che lo devi chie­dere. Qui, tuttavia, Egli t’insegna con l’esempio un’altra cosa. Egli t’insegna che per riceverlo e vivere sotto la sua azione, tu devi digiunare.

 Non si tratta, beninteso, d’un’imitazione servile, che so­stituirebbe la lettera allo spirito. Imitare non è copiare. Ma se una completa astensione temporanea da qualsiasi alimento non ha per sé stesso una speciale virtù santificatrice, e può infiacchire, anziché fortificare, le tue facoltà mentali – non dovresti mai dimenticare, o credente, che una continua vigile astensione da ogni minimo eccesso nel mangiare e nel bere, è indispensabile perché il tuo spirito si mantenga in quello stato di elevatezza, all’infuori del quale esso non potrà mai subire alcuna divina influenza.

 Il digiuno deve consistere, d’altra parte, in un sano co­stante ascetismo, che imponga le sue catene benefiche a tutti gl’istinti e a tutti gli smodati desideri della carne. Soltanto quando teniamo a bada il nostro corpo, lo spi­rito, non impacciato nei suoi movimenti, può innalzarsi libero e puro. E soltanto quando lo spirito s’innalza nelle sue aspi­razioni e nella sua brama intensa, lo Spirito Santo discende.

Freni alla tua carne; ali al tuo spirito… E la tentazione non ti vincerà.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Nulla avviene per caso.
    In Devotional
    di Paul R. Van Gorder  –  “I passi dell’uomo li dirige L’Eterno; come può quindi l’uomo capire la propria via?”(Proverbi 20:24)  –  Quando noi non riusciamo a comprendere una circostanza, siamo tentati di porci domande e di pensare che essa fosse senza scopo. Talvolta pensiamo di trovarci per puro caso in un luogo, e invece c’inganniamo.  Dovremmo infatti ricordarci che persino gli eventi della nostra vita sono segnati dall’amorosa premura di Dio. Sulla parete dell’atrio dell’università di Harvard sono scritte in belle lettere delle frasi in latino. Per il fatto che io non le so leggere, sarebbe ridicolo se asserissi [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • R.A.TorreyCome si perde la potenza
    di  R. A. TORREY –   Una delle storie più strane e più tristi dei fatti del Vecchio Testa­mento è quella di Sansone; essa è anche una delle più istruttive. Sansone era di gran lunga uno degli uomini più noti dei suoi giorni. Davanti a lui erano aperte le più grandi opportunità. Ma dopo un periodo di sorprendenti vittorie, la sua vita si concluse miseramente; e ciò a causa della sua inescu­sabile stoltizia. Più volte è detto di lui che «lo Spirito dell’Eterno lo investì», e nella potenza di quello Spirito egli operò case incredibili, sconfiggendo i nemici del Signore e facendo rimanere attonito tutto il popolo. Ma in Giu­dici 16:19,20 vediamo che lo Spirito di Dio si era dipartito da Sansone, senza che questi se ne avvedesse; la forza lo aveva abbandonato ed egli stava per essere […]
  • LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)
    Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino. Si, tutti invocano severità e disciplina, ma verso gli altri e non verso se stessi. E così gli uomini hanno una costante necessità di cambiare continuamente le loro leggi. Non è così però per la Chiesa. La chiesa non è governata da leggi e principi umani, ma dalla Parola di Dio. La nostra unica regola di fede, la nostra unica fonte per determinare la nostra condotta è la parola divina. Ma […]
  • Meditazione del giorno: Crescita spirituale
    di Agostino Masdea   –   “Colui che ha cominciato un’opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù”. (Filippesi 1:6) La Parola di Dio mette il credente davanti all’ineluttabile necessità di un costante cambiamento. Non solo un cambiamento iniziale, alla conversione, ma una trasformazione progressiva operata dallo Spirito Santo nella misura in cui il credente si arrende alla Sua opera.  A Nicodemo Gesù dice: ““In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio”. Ma più tardi ai Suoi discepoli dirà: “In verità vi dico: se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Il progresso spirituale avviene passo dopo passo nella vita del cristiano.  Il […]
  • FUOCO SPIRITUALE
    Samuel Chadwick  –  ” Il nostro Dio è un fuoco consumante”. Il simbolo scelto della Sua presenza è il fuoco acceso sulla terra, e il segno preferito della Sua approvazione è la fiamma che consuma il sacrificio. Patto e sacrificio, santuario e consacrazione, erano santificati ed approvati con la discesa del fuoco celeste. “Dio che risponde per mezzo della fiamma di fuoco; Lui è Dio!” Gesù è venuto ad accendere un fuoco sulla terra. Il vero simbolo del cristianesimo non è una croce ma una lingua di fuoco. Il ministerio di Giovanni il Battista scosse la nazione di Israele, ma era soltanto una preparazione. ”Io vi battezzo sì con acqua, ma Lui vi battezzerà con lo Spirito Santo e col fuoco.” E il Signore parlò della venuta del fuoco come dello scopo della Sua missione e del […]
  • L’ORGOGLIO, IL GRANDE PECCATO
    di C.S. Lewis   Tratto dal libro: Mere Christianity. Che posto occupa l’orgoglio nella nostra vita? Sappiamo che è il peccato più subdolo, spesso mascherato sotto forma di umiltà! É indispensabile che il cristiano autentico esamini se stesso e riconosca le proprie lacune prima di poter progredire nella conoscenza di Dio e arrivare ad essere utile agli altri. Riconoscere l’errore in noi stessi spalanca tutte le porte a Dio, che potrà irrompere nella nostra vita portandovi ogni tipo di guarigione – fisica, psichica e spirituale – di cui possiamo avere bisogno. Gli permetteremo di guarirci?  Secondo i maestri cristiani, il vizio più grande, il peggiore dei mali, è l’orgoglio.  Oggi tratterò quella parte della morale cristiana che più acutamente differisce da […]
  • QUANDO DIO DISFA’ IL TUO NIDO
    di  Rex Humbard –  “Come un’aquila incita la sua nidiata, si libra sopra i suoi piccoli, spiega le sue ali, li prende e li porta sulle sue penne, l’Eterno lo guidò da solo, e non c’era con lui alcun dio straniero” (Deut. 32:11,12). E’ facile avere fede quando tutto procede tranquillamente, ma cosa succede quando la strada comincia a farsi difficile? Proprio in questo momento può darsi che tu stia attraversando una prova. Forse il fardello sta gravando pesantemente sul tuo cuore. Vorrei ricordarti che l’onnisciente e amabile Padre celeste desidera che tu semplicemente confidi in Lui. Quando i tuoi pesi sono compietamente rimessi nelle Sue mani, il risultato è una reale crescita spirituale. Se guardi indietro nella tua vita,  penso che sarai consapevole del fatto che i momenti nei […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti